Home Non solo Cani e Gatti Bambini e pesci rossi: come insegnare loro a prendersene cura

Bambini e pesci rossi: come insegnare loro a prendersene cura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:05
CONDIVIDI

Spesso è il primo ‘animale domestico’, ma i bambini sanno prendersi cura dei pesci rossi? Ecco cosa sapere prima di prenderne uno.

Bambini e pesci rossi
Bambini e pesci rossi: le regole per prendersene cura (Foto AdobeStock)

E’ difficile passare davanti alle bocce e non fermarsi a guardarli: stiamo parlando dei pesci rossi, quei teneri animali acquatici che tanto piacciono a grandi e piccini. Di certo non sono cani o gatti, ma ciò non significa che non siano impegnativi. Appunto per questo è il caso di chiedersi: i bambini possono prendersi cura dei pesci rossi? A quanto pare sì: basterà seguire una serie di piccoli accorgimenti per fare in modo che i piccoli umani non mettano a rischio la vita dei nostri amici con le squame.

Potrebbe interessarti anche: Alimenti da non dare al pesce rosso: ecco i cibi da evitare

Pesce rosso: cosa si sa su di lui

Pesce rosso
Pesce rosso (Foto Pixabay)

Il bambino lo ha visto a una fiera e non è riuscito a staccargli gli occhi di dosso? Solitamente è questo l’effetto che hanno i pesci rossi sui piccoli umani. In fondo tutti, o quasi, ne abbiamo avuto uno da piccoli e dovevamo prendercene cura, magari anche commettendo involontariamente degli errori che costavano la vita al nostro piccolo amico acquatico.

E’ di certo il primo trai pesci ‘domestici’ più venduti, anche perché non ha bisogno di tantissime cure, ma ciò non vuol dire che non dobbiamo prestargli attenzione. La specie più diffusa è quella dei Ciprinidi: hanno un’alimentazione molto variegata e non hanno bisogno di luci artificiali all’interno delle bocce o degli acquari (leggi qui: Mangime alternativo per i pesci rossi). Hanno però bisogno di spazi ampi in cui poter nuotare, anche perché più grande è lo spazio e (solitamente) migliore è l’ecosistema in cui vivono.

Potrebbe interessarti ancheI pesci rossi cambiano colore: tutte le cause e quando c’è da preoccuparsi

Pesci rossi e bambini: prendersene cura in poche mosse

Bambino guarda boccia
Bambini e pesci rossi: poche ma importanti regole da seguire (Foto AdobeStock)

Abbiamo comprato un pesce rosso e lo abbiamo portato a casa: e ora? Inizialmente lo abbiamo messo magari in una grande bacinella, ma di certo dovremo procurargli un ambiente più dignitoso e soprattutto più grande. E’ una pessima idea mettere più esemplari in uno stesso spazio, specialmente se si tratta di una boccia piccola e stretta. Ecco cosa sapere per prendersi cura di un pesce rosso.

  • Boccia: la forma dei contenitori con l’acqua in cui inseriamo i pesci è molto importante. Quelle rotonde in realtà si rivelano le meno adatte, dato che i pesciolini al suo interno muoiono molto più facilmente (leggi qui: I pesci rossi e la boccia: un connubio che non funziona). Vanno bene solo ‘momentaneamente’, in attesa cioè che si cambi collocazione al pesce, ma non può vivere lì a lungo. Questo per due motivi: non possono contenere alcun oggetto al loro interno e inoltre non c’è abbastanza ossigenazione.
  • Quantità di acqua: premesso dunque che la forma migliore per un acquario è quella rettangolare, la quantità di cui ha bisogno un pesce rosso è solitamente di 20 litri (per ogni esemplare che viene aggiunto ce ne vorranno altrettanti in più).
Pesce che nuota
Pesce che nuota (foto Pixabay)

Francesca Ciardiello