Home Non solo Cani e Gatti Coniglio: quali le vaccinazioni obbligatorie e quali le facoltative

Coniglio: quali le vaccinazioni obbligatorie e quali le facoltative

CONDIVIDI

La vaccinazione è essenziale per garantire la salute del tuo coniglio, lo protegge da malattie anche fatali. Vediamo quindi il coniglio quali le vaccinazioni obbligatorie e quelle facoltative. 

Vaccinazione coniglio
Vaccinazione coniglio (Foto iStock)

Il coniglio, oggi è diventato fra gli animali domestici più richiesti, ma non è un piccolo cane o un piccolo gatto con grandi orecchie, né è un grosso topo ma da un punto di vista anatomico e fisiologico, sarebbe piuttosto un piccolo cavallo.

Questo per dire che la vaccinazione del coniglio, sarà specifica e per niente simile alle vaccinazioni di altri animali domestici. Ma vediamo nello specifico, il coniglio quali le vaccinazioni obbligatorie e quelle facoltative, rendono più sereno l’animale.

Due i vaccini essenziali per i conigli

la prima visita del coniglio (foto iStock)
A visita del coniglio (foto iStock)

Il coniglio, quali sono le vaccinazioni obbligatorie e quelle facoltative? Esistono due vaccini essenziali per il coniglio: il vaccino contro la mixomatosi e quello contro la malattia emorragica virale chiamato anche VHD o RHD. Queste sono due malattie molto gravi, spesso mortali.

Non esiste un trattamento efficace noto contro queste malattie, la vaccinazione è l’unica protezione. Anche se il tuo coniglio vive in un appartamento e non esce mai di casa, può venire a contatto con queste malattie trasmesse da punture di insetti per quanto riguarda la mixomatosi e per ingestione di fieno o verdure infettate per la malattia emorragica.

La vaccinazione annuale è anche una buona opportunità per avere un controllo sanitario completo dal veterinario. Un nuovo vaccino è disponibile sul mercato dal 2012, che contribuisce a ridurre i rischi secondari combinando i due vaccini in un’unica iniezione e facendo il richiamo del vaccino ogni dodici mesi.

Il coniglio quali le vaccinazioni obbligatorie e quelle facoltative

coniglio
Individuare la febbre nel coniglio (Foto da Pixabay)

Mixomatosi

La mixomatosi è fatale per il coniglio, viene trasmessa da punture di insetti, zecche o pulci al coniglio  , ma può anche essere trasmessa da un coniglio all’altro. La morte per questa malattia, si verifica rapidamente. Solo la vaccinazione previene la malattia.

Quando vaccinare

Il coniglio deve essere vaccinato a cinque settimane di vita. La vaccinazione viene evitata solo se l’animale è malato ed è stato recentemente trattato con corticosteroidi o eventualmente prima di un intervento chirurgico. Alcuni vaccini sono efficaci immediatamente e per quattro mesi, altri sono efficaci dopo 21 giorni e richiedono un richiamo annuale.

Chi fa la vaccinazione al tuo coniglio?

L’allevatore non può in alcun caso effettuare autonomamente la vaccinazione, solo il veterinario può vaccinare l’animale. Un’iniezione fatta male può avere gravi conseguenze e non è consentita l’esecuzione, sarebbe una pratica illegale di medicina veterinaria.

Effetti collaterali

Come con qualsiasi altro vaccino, potrebbero esserci effetti collaterali, possono comparire mixomi e croste. Il coniglio può non avere appetito per 24 ore. È quindi necessario guardare il suo animale.

Precauzioni da prendere

Tra le precauzioni da prendere, è importante sapere che un coniglio viene vaccinato solo quando è in buona salute. Il vaccino porta inevitabilmente a un indebolimento del sistema immunitario e può consentire a un’altra malattia del coniglio  di prendere il sopravvento.

Come dichiarazione d’affetto per il tuo animale puoi massaggiare l’area della puntura, per 4-5 ore dopo il vaccino, per prevenire la formazione di una palla (benigna).

Malattia emorragica virale del coniglio

Coniglio nano malato
Coniglio nano a visita dal veterinario

La malattia emorragica virale del coniglio se non è curata la morte si verifica entro 24 a 48 ore. Il virus è presente in tutte le secrezioni del coniglio malato, specialmente nelle secrezioni nasali e negli escrementi.

La trasmissione avviene direttamente da coniglio a coniglio o indirettamente attraverso acqua, cibo, oggetti contaminati e possibilmente insetti.

I sintomi sono tanto frustranti quanto violenti, poiché dopo un’incubazione da uno a tre giorni, i conigli soffrono di depressione, inappetenza del coniglio, febbre, difficoltà respiratorie, diarrea e nella peggiore delle ipotesi, muoiono in meno di 36 ore, nel 100% dei casi.

Le emorragie che danno il nome alla malattia (sanguinamento attraverso il naso, l’ano), si osservano solo nel 10% dei conigli malati e non esiste un trattamento.

Quando vaccinare?

Quando vaccinare? Si raccomanda l’immunizzazione nelle 5 settimane di vita senza dover fare il richiamo un mese dopo, è solo indispensabile verificare che il coniglio sia in buona salute prima di effettuare le vaccinazioni.

In pratica, tra tutti i vaccini disponibili, ci sono due vaccini presentati singolarmente e adattati al coniglio domestico: il primo protegge contro la vecchia variante HDV e mixomatosi per un anno, il secondo protegge contro la vecchia e la nuova variante VHD per un anno.

Questi due tipi di vaccini devono quindi essere combinati per ottenere una protezione efficace contro i tre virus pericolosi. Inoltre, lo specialista informa che in assenza di uno studio scientifico che certifichi che le iniezioni devono essere eseguite contemporaneamente, è prudente eseguire ciascun vaccino in momenti diversi.

Un programma di vaccinazione semplice e prudente consisterebbe nell’eseguire ciascuno di questi vaccini a distanza di 6 mesi, con un promemoria annuale. Ciò corrisponde a una visita di vaccinazione ogni 6 mesi. Dato da sottolineare che i conigli in gravidanza, non devono essere vaccinati durante i primi 14 giorni.

Chi fa  la vaccinazione al tuo coniglio?

A vaccinare il coniglio è solo ed esclusivamente il  veterinario, qualunque sia il vaccino scelto.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali sono limitati e lievi, possibilmente con una leggera febbre per alcuni giorni, un piccolo indolore gonfiore nell’area dell’iniezione.

Precauzioni da prendere

Le precauzioni da prendere sono le stesse del vaccino contro la mixomatosi.

Il coniglio quali le vaccinazioni obbligatorie e quelle facoltative

vaccinazione coniglio piccolo
Vaccinare il coniglio cucciolo (Foto Pixabay)

Vaccinazioni facoltative

Il coniglio può essere soggetto a un gran numero di malattie respiratorie del coniglio: raffreddore, rinite, raffreddore comune, polmonite. Il coniglio, è un animale fragile e sensibile alle correnti d’aria e alle infezioni. Esistono diverse situazioni che possono causare problemi respiratori:

  • le allergie
  • le infezioni da agenti batterici o virali
  • le correnti d’aria
  • o i corpi estranei

Ma le malattie respiratorie possono anche essere di origine batterica fra cui la  pasturellosi. L’unico batterio responsabile di questa malattia è la Pasteurella multocida .

Causa infezioni gravi e varie nel coniglio. La pasturellosi è molto comune, può portare a molti problemi di salute o addirittura morte. A seconda della violenza dei batteri. La possiamo trovare molto spesso nell’allevamento intensivo.

Ad esempio, un maschio riproduttore può trasmettere i batteri alla femmina durante l’accoppiamento e quest’ultima può quindi trasmetterlo ai suoi piccoli. La pasturellosi viene anche trasmessa per via aerea o anche a causa di un habitat in cui l’igiene della gabbia del coniglio,lascia a desiderare.

Ecco perché se hai preso in casa con te più esemplari di questi roditori, può essere utile vaccinarli contro le malattie batteriche respiratorie, soprattutto in autunno. Ciò nonostante, se il coniglio dovesse essere colpito, la cura migliore risulta essere quella con l’uso di antibiotici.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI