Home Non solo Cani e Gatti Il criceto può mangiare la mela? Benefici e rischi per i nostri...

Il criceto può mangiare la mela? Benefici e rischi per i nostri amici roditori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:31
CONDIVIDI

I criceti mangiano tanti cibi diversi, e spesso proviamo a far assaggiare loro qualche novità. Ma il criceto può mangiare la mela o è dannosa per questo roditore?

criceto mangiare mela
Il criceto può mangiare mela? Scopriamolo (Foto Pexels)

I criceti si sa sono animali molto interessanti e perfetti come animali domestici, semplicemente perché sono adorabili e hanno tante caratteristiche interessanti. Ma un problema comune è che i padroni spesso pensano che possano nutrirli con qualunque cibo. In realtà dobbiamo sempre ricordare che i criceti sono animali sensibili, e possono mangiare solo cibi adatti e nutrienti. In ogni caso, è fondamentale dare al nostro criceto la giusta varietà di cibo, in modo che abbia tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Quando parliamo di frutta e verdura, i criceti possono ne mangiare molti tipi, ma non tutti vanno bene.

Mela: va bene o no?

disturbo ossessivo compulsivo
Un criceto con la sua padrona (Foto Istock)

Quando parliamo di criceti e mele, la situazione è semplice e complessa allo stesso tempo. Teniamo a mente che il nostro criceto può mangiare la mela e non ci saranno problemi. Ma dobbiamo dargliela senza semi nè buccia, semplicemente perché non piacciono a questo pelosetto, e vanno evitati.

Dall’altro lato, le mele sono un cibo piuttosto pesante, quindi il nostro criceto può mangiare piccoli pezzi di mela durante le prime settimane di vita. In seguito, potrà averne quantità maggiori. La ragione è semplice: i criceti conservano il cibo, quindi le mele resteranno in giro nella sua casa per un po’ di tempo. Come sappiamo le mele tendono a marcire se lasciate in giro per un po’ di tempo. Inoltre, in alcuni criceti le mele possono causare diarrea quindi è necessario introdurre questo frutto nella loro dieta gradualmente.

Come dare la mela al criceto

criceto Roborovski
Il criceto può mangiare la mela? (Foto Pixabay)

Inizialmente, dobbiamo dare la mela al criceto solo una o due volte a settimana, ma solo in pezzi piccoli. In seguito, dopo questo periodo possiamo anche farlo una volta al giorno. Ricordiamo sempre di dare al criceto solo piccoli pezzi, senza buccia e semi. Se il criceto ha la diarrea, smettiamo di dare la mela, e aspettiamo che si riprenda per ricominciare a fargli mangiare questo frutto. In realtà infatti, le mele sono nutrienti e hanno anche molti benefici per il nostro animaletto, ma vanno sempre date in maniera controllata.

Un altro aspetto importante da tenere a mente è che il criceto non sopporta pesticidi o altre sostanze chimiche, quindi è fondamentale lavare pulire bene il frutto prima di darlo da mangiare. La maggior parte degli esperti consiglia mele organiche, semplicemente perché essendo prive di queste sostanze dannose, sono molto più sicure sia per noi che per il nostro amichetto. Ovviamente questo discorso è valido – anche per la nostra salute – per tutta la frutta e verdura.

Non basteranno le mele

riconoscere le malattie del criceto
Un adorabile criceto: vuole una mela? (foto Pixabay)

Come abbiamo detto, le mele sono un’ottima aggiunta alla dieta del nostro criceto, ma vanno sempre date in aggiunta a altra frutta e altri tipi di cibo. Se nutriamo il nostro pelosetto solo con le mele, non avrà tutti gli ingredienti e i nutrienti di cui ha bisogno, quindi andrà sicuramente incontro a problemi e malattie.

La dieta perfetta per il criceto deve essere versatile, in modo che ottenga tutte le proteine e le sostanze nutritive che trova solitamente in natura. Teniamo a mente che deve mangiare anche carne, pollo, uova, formaggi, ecc. Tutto però va dato sempre in piccoli pezzi, in modo che non possa far male al criceto.

Se la dieta che il criceto è eccellente, non sarà necessario fornire altre sostanze, altrimenti potrebbe essere utile mettere nella sua gabbietta un blocco di minerali, che potrebbe aiutarlo a ricevere eventuali sostanze non ottenute dal cibo quando viene nutrito in maniera non ottimale.

Potrebbe interessarti anche >>>

Fabrizio Burriello