Home Non solo Cani e Gatti Criceto Roborovski: caratteristiche, riproduzione, habitat e alimentazione

Criceto Roborovski: caratteristiche, riproduzione, habitat e alimentazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18
CONDIVIDI

Criceto Roborovski, il più piccolo dei criceti ma anche il più vivace. Caratteristiche, alimentazione e habitat di questo eccentrico criceto.

criceto Roborovski
Il criceto di Roborovsky (Phodopus roborovskii – criceto del deserto) è un piccolo roditore che proviene da Mongolia, Russia e Cina del Nord.(Foto Pixabay)

Il criceto Roborovski è diventato sempre più popolare come animale domestico negli ultimi anni, ma non molto adatto all’interazione tra loro e gli esseri umani.

Non è infatti raccomandato come animale da compagnia per i bambini, proprio a causa della sua iperattività che lo porta ad essere più stressato rispetto ad altre specie di criceto domestiche, ma risulta molto simpatico osservare la loro vivacità in gabbia.

Il criceto di Roborovsky (Phodopus roborovskii – criceto del deserto) è un piccolo roditore che proviene da Mongolia, Russia e Cina del Nord.

Caratteristiche del criceto Roborovski

criceto in casa
Il criceto Roborovski è tra i criceti tenuti come animali da compagnia è il più piccolo. (Foto da Pixabay)

Il criceto Roborovski è tra i criceti tenuti come animali da compagnia è il più piccolo, misurando appena circa 5 cm; il peso medio di un adulto è di 14-20 g. Proprio per questa sua caratteristica è difficile prenderlo in mano, ma essendo molto vivace rappresenta un’ottima scelta per chi vuole limitarsi ad osservarlo nella sua gabbia.

Dell’aspetto fisico del criceto Roborovsi, risalta ad occhio un corpo tozzo, con un fitto mantello di colore marrone dorato sul dorso, il sottopelo è scuro, mentre la metà inferiore del corpo è bianca. Gli occhi di questo criceto sono neri e rotondi, a di sopra dei quali ci sono due piccole macchie bianche.

È dotato di due ampie tasche guanciali, con cui poter trasportare il cibo trovato, per poterlo immagazzinare nella tana e denti incisivi a crescita continua, tipici dei roditori. La vita media è di 3-3,5 anni, ma può raggiungere anche un’età più avanzata. I criceti di Roborovsky vivono meglio se tenuti in coppia, purché i criceti cuccioli siano messi insieme quando sono ancora piccoli.

Infatti se un criceto adulto è abituato a vivere da solo attaccherebbe senz’altro un altro soggetto introdotto nella sua gabbia. Una volta che un criceto si è abituato a vivere da solo non può più essere messo insieme ad un altro soggetto, perché verrebbe subito assalito.

I soggetti devono essere preferibilmente maschio e femmina. Due maschi adulti non sono compatibili, e finirebbero per lottare, mentre è più probabile che due femmine vadano d’accordo, ma non è escluso che anch’esse si scontrino e vadano separate.

Riproduzione e habitat del criceto Roborovski

nomi per criceti
La femmina deve avere a disposizione abbondante materiale per fare il nido (Foto iStock)

Il criceto di Roborovsky non è molto facile da riprodurre in cattività. Alcune femmine non si riproducono mai, oppure iniziano solo a 7-8 mesi d’età. Per avere qualche probabilità di avere dei piccoli di Roborovsky, si deve lasciare ai criceti molta privacy e disturbarli meno possibile, evitando il più possibile di maneggiarli.

In prossimità del parto e nei giorni successivi si deve evitare di pulire la gabbia del criceto, altrimenti possono verificarsi casi di cannibalismo verso i piccoli o successivamente il loro abbandono. La femmina deve avere a disposizione abbondante materiale per fare il nido (sono consigliati fazzoletti di carta) e una scorta di cibo sufficiente.

I piccoli non vanno toccati per i primi sette giorni di vita per evitare il rifiuto della madre. La gravidanza dura circa 20-22 giorni, con 3-6 piccoli per parto in media, anche se il numero può variare da uno a nove. All’età di 1-1,5 anni la femmina diventa sterile.

I piccoli sono insieme sia dal maschio sia dalla femmina. Entro pochi giorni dal parto la femmina può tornare in calore, e avere fino a quattro gravidanze durante la stagione riproduttiva, che va da aprile a settembre. I piccoli alla nascita pesano circa 1 grammo, aprono occhi e orecchie a due settimane e a diciannove giorni sono già svezzati e pronti a lasciare la madre.

I piccoli alla nascita sono completamente inetti, nudi e con gli occhi chiusi, ma presentano già gli incisivi. Lo svezzamento avviene a 20 giorni, anche se i piccoli iniziano ad assumere cibo solido prima. E’ opportuno lasciare a disposizione del cibo sul pavimento della gabbia, in modo che sia facilmente accessibile.

Il criceto vive in zone di sabbia sciolta e scarsa vegetazione e raramente in aree con densa vegetazione e substrati argillosi solidi. Vive in tane ripide, profonde e sotterranei. In natura, il criceto Roborovski è crepuscolare, essendo più attivo all’alba e al tramonto.

Lo si trova ad altitudini di circa 1.200 metri (3.900 piedi) -1.450 metri (4.760 piedi). Il suo uso proficuo di acqua rende particolarmente adatte le regioni con steppe desertiche come suo habitat.

Alimentazione

criceto guance
Il criceto è onnivoro, in natura si nutre di alimenti di tutti i tipi, sia vegetali che animali.

Il criceto è onnivoro, in natura si nutre di alimenti di tutti i tipi, sia vegetali che animali (piante, semi, tuberi, insetti, frutta), anche se è principalmente granivoro, ossia con una preferenza verso i semi. In cattività è importante fornire al criceto Roborovski un’alimentazione varia e bilanciata, e non limitarsi ad un solo tipo di alimento (ad esempio una miscela di semi).

Gli alimenti venduti in commercio da negozi specializzati  devono contenere il 16-20% di proteine e il 4-5% di grassi, e comprendere anche una quota di proteine animali. L’alimentazione de criceto, va integrata con una piccola quantità di proteine animali: uovo sodo, carne magra cotta, tonno senz’olio, formaggio fresco, yogurt, una crocchetta per cani.

Altri tipi di alimenti che si possono essere somministrati sono: pasta cotta, pane o fette biscottate integrali, fiocchi d’avena. Il criceto ama fare piccoli pasti frequenti nel corso della giornata, quindi deve avere sempre cibo a disposizione, ma si deve somministrare ogni giorno solo la quantità di alimento che verrà consumata in giornata, per evitare che l’animale scelga solo i bocconi più graditi trascurando il resto.

Il criceto ama raccogliere scorte di alimento, pertanto ogni mattina si deve eliminare il cibo fresco che non è stato consumato, prima che vada a male. L’acqua è indispensabile, e va fornita con un beverino a goccia.

I cuccioli di criceto Roborovski hanno una maggiore assunzione di cibo rispetto al loro peso rispetto a criceti adulti. Di seguito anche un elenco di alcuni alimenti inadatti comprendono:

  • parti di foglia verde di un pomodoro ( tossico );
  • carni che sono ad alto contenuto di grassi;
  • cioccolato o caramelle;
  • cipolle, aglio e peperoni (può causare irritazione stomaco);
  • tutti gli agrumi (troppo acido);
  • semi di mela.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link: