Home Non solo Cani e Gatti Rospo: caratteristiche, habitat, riproduzione e alimentazione

Rospo: caratteristiche, habitat, riproduzione e alimentazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:38
CONDIVIDI

Il rospo comune apparentemente simile ad una rana ma diverso. Vediamo le caratteristiche, l’habitat la riproduzione e l’alimentazione.

rospo comune
La prima cosa che va sottolineata è che il rospo non è il maschio delle rane.(Foto Pixabay)

La prima cosa che va sottolineata è che il rospo non è il maschio delle rane. Un metodo efficace per non confondere il rospo e la rana è osservarlo quando si muove: la rana salta, il rospo cammina.

Il rospo è generalmente silenzioso tranne durante la stagione degli amori. In quel momento, emette una bella canzone, mentre la rana gracchia in un modo abbastanza rumoroso.

Caratteristiche del rospo

Rospo
In natura si ritiene che viva tra 10 e 12 anni, mentre in cattività sono sopravvissuti fino a 50 anni.(Foto Pixabay)

Il rospo comune è un animale vertebrato che può misurare fino a 15 cm di lunghezza, la femmina, invece, misura fino a 15 cm. Il rospo comune ha un corpo tozzo, la pelle è spessa e sembra essere coperta di verruche.

Periodicamente, il rospo comune si stacca dalla sua pelle. Questo viene rimosso in pezzi stracciati e quindi consumato. L’iride dell’occhio è dorata o ramata con una pupilla orizzontale. Sul corpo, prevale il marrone.

I fianchi sono chiari, a volte quasi grigi, così come il ventre che ha chiazze scure. Ha ghiandole velenose proprio dietro gli occhi, queste ghiandole paratoidi posizionate obliquamente, contengono una sostanza nociva chiamata bufotossina che viene utilizzata dal rospo per scoraggiare i predatori.

Queste ghiandole, che si trovano all’interno del corpo, devono essere forate dai denti di un predatore per essere efficaci. In natura si ritiene che viva tra 10 e 12 anni, mentre in cattività sono sopravvissuti fino a 50 anni, per determinare l’età del rospo, si conta il numero di anelli di crescita annuali trovati nelle ossa delle falangi.

Il rospo comune è un animale selvatico che si muove lentamente, facendo brevi salti e, a differenza di altre rane, le zampe posteriori sono corte e le dita lunghe e districate.

Habitat e riproduzione

rospo
Oltre all’Europa, vive nella parte settentrionale dell’Asia che appartiene alla Russia e al Nord Africa. (Foto Pixabay)

Il rospo è distribuito in tutto il continente, è il quarto anfibio più comune in Europa, dopo la rana e il tritone liscio. Oltre all’Europa, vive nella parte settentrionale dell’Asia che appartiene alla Russia e al Nord Africa, ad eccezione di alcune isole del Mediterraneo, Irlanda o Islanda.

Essendo un animale molto resistente può sopravvivere in quasi tutti i tipi di ecosistemi: possono essere visti in foreste, praterie, zone umide e persino aree urbanizzate. Ma è più frequente trovarli in aree con laghi, bacini idrici, fiumi o stagni; Possono anche apparire in aree lontane dall’acqua stagnante.

I maschi sono molto più numerosi delle femmine e anche molto più piccoli e persino più opachi e proprio perché sono più delle femmine, due, tre e più spesso si accoppiano con la stessa femmina allo stesso tempo.

Le femmine di solito depongono le uova nell’acqua e la lettiera le fertilizza. Delle 4.000 o 6.000 uova deposte, solo poche decine diventeranno girini e dovranno affrontare la dura realtà della vita del rospo.

I girini nascono in poche settimane e col passare dei giorni si sviluppano, man mano che le gambe escono perdono la coda. Una volta pronti salteranno dall’acqua nella terra dove trascorreranno il resto della vita.

Alimentazione del rospo

testa rospo
È un animale carnivoro e la sua dieta si basa principalmente su invertebrati come insetti.(Foto Pixabay)

Il rospo è un animale notturno, poiché caccia di notte e trascorre la giornata a riposare, nascondendosi in una tana dove la sua colorazione lo fa passare inosservato. È un animale carnivoro e la sua dieta si basa principalmente su invertebrati come insetti, vermi, ragni, cocciniglie, lumache, scarafaggi, bruchi, mosche, lombrichi e persino piccoli topi.

Per cacciare utilizza sia la lingua per catturare gli insetti più piccoli, semplicemente tirando fuori velocemente la lingua, ma davanti alle sue prede più grande utilizza le mascelle e non avendo in dotazione i denti, le ingoia per intero.

A sua volta il rospo comune è preda di tanti altri animali presenti nel suo territorio, come: serpenti d’erba, ricci, volpi, gatti domestici e uccelli.

Questo animale, cerca di spaventare questi ultimo gonfiandosi, alzandosi con i quarti posteriori sollevati e abbassando la testa, per secernere una tossina che produce un cattivo sapore. Una delle curiosità che appartiene al rospo è che riconosce la preda in quanto tale, perché mangia ciò che si muove.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link