Home Cani Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire

Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:06
CONDIVIDI
Spesso ingeriti casualmente e a volte somministrati per ignoranza a fido, ecco una lista di farmaci per umani altamente pericolosi che non dovranno mai entrare in contatto con il nostro animale
cane con pillole
In caso di intossicazione da farmaci contattare subito un veterinario o il centro anti veleni (Foto Adobe Stock)
L’intossicazione da farmaci nei nostri animali domestici è molto più frequente di quello che ci si possa aspettare. Se a volte fido se la cava con qualche pesante effetto collaterale, altre, l’assunzione  di farmaci impropri può portare all’avvelenamento ed essere fatale per il nostro animale.
Per evitare di contattare in tutta fretta il veterinario o il centro anti veleni esistono piccoli accorgimenti precauzionali che possono sembrare banali, ma che in verità riducono le possibilità di un ingerimento casuale.
I farmaci per umani che potrebbero avere le conseguenze peggiori sulla salute di fido sono:
  1. farmaci contro il colesterolo
  2. farmaci per regolare le disfunzioni tiroidee
  3. beta bloccanti
  4. ACE inibitori
  5. pillola anticoncezionale
  6. benzodiazepine e sonniferi
  7. farmaci contro l’ADHD e l’ADD
  8. antidepressivi
  9. paracetamolo
  10. FANS (anti-infiammatori)
  11. derivati dalla vitamina D

Potrebbe interessarti anche: Sostanze tossiche e velenose diffuse nelle nostre case letali per il cane

Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire: accenni di primo soccorso

Differenti compresse
Osservate i dettagli per dare più informazioni possibili allo specialista (Foto Pexels)

Calmatempestività e lucidità in caso di assunzione accidentale di farmaci del nostro amico peloso sono le prime tre armi che dovrete sfoderare. Evitate di prendere l’iniziativa e non agite prima di aver chiamato il veterinario o il centro anti veleni.

Insomma un buon kit di primo soccorso per fido è fondamentale da possedere in casa, ma in questo caso non vi sarà di alcun aiuto. Non vi rimane che osservare con attenzione i particolari perché più informazioni saprete fornire allo specialista e più vi potrà essere d’aiuto. Quantità, nome del prodotto, principio attivo e il l’arco di tempo trascorso dall’ingestione sono tutti dettagli preziosi per determinare le prossime mosse.

Farmaci contro il colesterolo alto e ormoni tiroidei

cane con fauci aperte
Quando il cane assume in sbaglio ormoni tiroidei potrebbe diventare aggressivo (Foto Pexels)
I farmaci contro l’elevato tasso nel sangue di colesterolo (composto lipidico) sono molto comuni negli esseri umani. Un alto tasso di colesterolo può interessare anche i cani ma generalmente si sconfigge con un drastico cambio d’alimentazione e l’introduzione di Omega 3 nella dieta di fido.
In caso di assunzione accidentale, è escluso l’insorgere di gravi effetti sulla salute del cane salvo episodi di ingestione cronica o particolarmente copiosa. Anche l’ipotiroidismo è abbastanza frequente nei cani anche se l’assunzione di ormoni tiroidei nel nostro amico a quattro zampe prevede dosaggi molto più bassi.
Solo nel caso di overdose gravi potrebbero presentarsi una serie di reazioni importanti quali tremori muscolari, agitazione, mancanza di respiro, aggressività e aumento del ritmo cardiaco.

Potrebbe interessarti anche: Piante tossiche per il cane: da quelle ornamentali, a quelle coltivate e selvatiche

Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire: Beta bloccanti e ACE inibitori

blister di pillole
I farmaci cardiovascolari sono fra i più letali per fido (Foto Unsplash)

Questi due medicinali, entrambe utilizzati nell’uomo per combattere patologie cardiovascolari, possono essere molto pericolosi per il cane. Essi si sintonizzano subito sui valori vitali dell’animale alterandoli drasticamente.

I beta bloccanti, impiegati per trattare la pressione alta nell’umano, possono essere fatali anche in quantità minime. Gli ACE inibitori vengono impiegati per regolarizzare l’ipertensione arteriosa e possono causare effetti meno gravi nel nostro amico peloso.

In entrambe i casi la loro ingestione può provocare un sensibile abbassamento della pressione che potrebbe manifestarsi attraverso una debolezza muscolare o possibili svenimenti, una riduzione della frequenza cardiaca che potrebbe sfociare in un possibile arresto cardiaco.

La pillola anticoncezionale, benzodiazepine e sonniferi

Cane agitato
Stati di ansia e iper tensione sono invece i sintomi più consueti di un’intossicazione da sonniferi e benzodiazepine (Foto Pexels)

Questi farmaci sono molto comuni nelle nostre case e si trovano incustoditi e di solito a portata di zampa per  fido, magari su comodini o ripiani facilmente accessibili a lui. Sarebbe quindi opportuno addestrate il cane a non mangiare tutto gli capita a tiro. Così da ridurre i pericoli di una possibile ingestione.

La pillola contraccettiva generalmente sortisce effetti collaterali sono negli esemplari femmina non sterilizzate. Dosi elevate di questo farmaco ormonale possono condurre anche a gravi problemi al midollo osseo. Quando il nostro amico a quattro zampe ingerisce per sbaglio benzodiazepine o sonniferi invecesarà immediatamente colto da strani stati d’agitazione, ansia con l’insorgere di possibili attacchi di panico.

 L’assunzione di queste due classi di farmaci inoltre potrebbe essere pericolosa per il suo fegato.

Potrebbe interessarti anche: Sangue nelle feci del cane: possibili cause e cosa fare per rimediare

Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire: farmaci contro l’ADHD e ADD e gli antidepressivi

porta pillole settimanale
Un’ingestione casuale di anfetamine può invece provocare nel cane convulsioni e un innalzamento della temperatura corporea (Foto Pexels)

I farmaci  per l’ADHD (sindrome da deficit dell’attenzione e dell’iperattività) e l’ADD (disturbo da deficit di attenzione) sono di tipo psicostimolante e contengono anfetamine. Questo composto chimico organico, anche se ingerito in piccole quantità, può stimolare negli animali domestici tremori e convulsioni,  temperatura corporea elevata e problemi cardiaci.

Gli antidepressivi invece, come già visto per sonniferi e benzodiazepine può indurre fido in un pericoloso stato di iper agitazione.

Paracetamolo e FANS

Gli anti infiammatori possono compromettere il sistema epatico di fido (Foto Unsplash)

Il paracetamolo, noto farmaco anti-infiammatorio inibitore del dolore, se ingerito dal cane può portare gravi danni al sistema epatico che possono risultare anche permanenti. Maggiore la dose e maggiore è il rischio che vi siano scompensi nel numero di globuli rossi presenti nel flusso sanguigno di fido.

I sintomi più comuni di questo tipo d’intossicazione sono letargia, difficoltà respiratorie, vomito e comparsa di urine scure e vomito. Spesso poi febbre e letargia nei cani sono sintomi di altre sindromi o insufficenze, occorre quindi indagare bene sulla salute di fido.

Anche i FANS possiedono proprietà anti-infiammatorie e se assunti dai nostri amici pelosi, anche solo in piccole dosi, possono  condurre a serie problematiche dello stomaco come ulcere gastriche o a insufficienze renali.

Prestate allora attenzione all’insorgere di questi sintomi perché potrebbero indicarvi una possibile e casuale overdose da FANS: disturbi gastrointestinali, vomito, feci con presenza di tracce ematiche, eccessiva sete, aumento della frequenza della minzione, spasmi e convulsioni.

Gli 11 farmaci umani più letali che fido può ingerire: i derivati della vitamina D

Pillole sciolte
I derivati della vitamina D sballano i livelli di calcio nel sangue dei nostri amici pelosi (Foto Unsplash)

Il calcitriolo e calcipotriolo, entrambe derivati della vitamina D, vengono impiegati nell’uomo per trattare un’ampia gamma di patologie. Dai problemi cutanei come la psoriasi fino all’osteoporosi e le disfunzioni tiroidee.

Se ingeriti dal cane possono seriamente compromettere i livelli di calcio nel sangue e condurre a disfunzioni renali. I segnali di tossicità di questo tipo di farmaci comprendono inappetenza, vomito, aumento della minzione e sete eccessiva a causa dell’insufficienza renale.

C.F