Home Cani Alimentazione Cani Il cane può mangiare le lenticchie? Benefici e rischi per fido

Il cane può mangiare le lenticchie? Benefici e rischi per fido

Il cane può mangiare le lenticchie? Sono molti i padroni di amici a quattro zampe che si pongono questa domanda. Vediamo di capire se questi legumi possono apportare benefici all’alimentazione del nostro fido o rischiano di danneggiare la sua salute.

Il cane può mangiare le lenticchie
(Foto Pixabay)

Nella varietà di cibo per il cane, i legumi sono spesso oggetto di discussione. Ci sono dubbi su quelle ottime proprietà di questa categoria, che fanno bene alla salute di noi umani ma che non sappiamo se sia lo stesso per il nostro amico domestico. Andando nello specifico, oggi ci chiediamo se il cane può mangiare le lenticchie e se sì, in che consumo? Scopriamolo nell’articolo.

Fido e i legumi: un alimento sì per la sua dieta?

I legumi sono un alimento importantissimo per la nostra alimentazione e, quindi, per la nostra salute. Possiamo considerare di offrirli anche al nostro amico a quattro zampe, sperando in quei benefici per lui? Ecco cosa c’è da sapere.

Il cane e il suo cibo
(Foto Pexels)

Possiamo affermare che tutti i legumi rappresentano una buona base della nostra nutrizione sana e corretta. Ogni legume, dai fagioli ai ceci, ai piselli e alle lenticchie, sono una ricca fonte di proprietà e benefici per il benessere del nostro organismo. Il loro unico difetto, per noi, è quello di portarci un leggero gonfiore, soprattutto se si esagera con le porzioni. Esistono dei benefici anche per il nostro animale domestico?

Innanzitutto, bisogna dire che i legumi sono indispensabili per i loro valori nutrizionali. Da mangiare in vari modi, nella pasta, come zuppe o da semplice contorno, questo alimento ci fornisce proteine, fibre e vitamine fondamentali per il nostro sostentamento. Molti cibi industriali per il nostro cane contengono, ormai, legumi tra i loro ingredienti. Questo perché sì, fido può mangiare i legumi ma bisogna chiarire dei punti.

Prima di sapere quali sono i legumi più adatti al cane, dobbiamo ricordare che il sistema digestivo dell’animale è molto delicato e diverso da quello umano. Qualsiasi cibo decidiamo di fornire al nostro fido, non solo i legumi, deve essere sempre in piccole razioni e consumato in sicurezza.

I legumi giusti per l’alimentazione del cane

Tra i legumi che il cane può mangiare, ci sono i ceci. I ceci sono per il cane un legume appetitoso e ricco di valori nutrizionali. Questi legumi, infatti, vengono spesso forniti a fido come integratore in caso di carenza di fibre e minerali, come calcio, ferro e manganese. Sono un cibo utile per curare l’anemia e contrastare il sovrappeso. I ceci aiutano a controllare il livello di zucchero nel sangue, soprattutto se il cane ha il diabete.

Troviamo, poi, i fagioli, per cui il discorso va approfondito. Il cane può mangiare i fagioli, sia bianche che neri e i borlotti, ma deve assolutamente evitare quelli in scatola o fritti. I fagioli in scatola o in lattina contengono molti grassi e zuccheri aggiunti e possono essere molto pericolosi per il cane. Questi possono provocare sintomi come mal di stomaco nel cane, vomito, febbre e pancreatite. In questi casi, chiamare sempre il veterinario.

Il cane può mangiare i piselli. Anche i piselli sono fonte di fibre, zinco, ferro, magnesio e potassio. Oltre che contenere molte vitamine come la vitamina A, K, e alcune del gruppo B. Tutti questi valori proteggono non solo il sistema immunitario del nostro fido, aiutano la sua pelle, la vista e i nervi. Attenzione, però! Se il cane ne mangia troppi, può avere problemi digestivi. Sono, inoltre, sconsigliati nei cani con problemi renali.

Potrebbe interessarti anche: Il cane può mangiare le patate? Il parere degli esperti

Il cane può mangiare le lenticchie? Sì ma con attenzione!

La buona notizia è che anche le lenticchie sono presenti tra i legumi sani per il nostro fido. Bisogna, però, tenere a mente alcune regole importanti su questo legume e sul suo consumo nella dieta dell’animale. Vediamo di cosa si tratta.

Il cibo per il cane
(Foto Unsplash)

Il cane può ricevere molti benefici dall’assunzione di lenticchie e non solo per la sua dieta. Le lenticchie possiedono una grande quantità di proteine, carboidrati, fibre, ferro, acido folico e numerose vitamine del gruppo B. Questo legume ha molte proprietà per la prevenzione di alcune malattie canine. Le lenticchie riducono il colesterolo nel cane, diminuiscono il rischio di malattie cardiache e riducono la pressione e il peso del peloso.

Le lenticchie contribuiscono a rendere il nostro cane più energico e attivo nella sua quotidianità, grazie alla grande quantità di ferro che aiuta il suo metabolismo. Povere di grassi e calorie, le lenticchie hanno un prezioso antiossidante, il selenio. Questo antiossidante riduce il rischio di infiammazioni e tumori. Hanno una vera funzione disintossicante nel cane e possono proteggerlo dal tumore al colon.

Nutrirsi di lenticchie può essere un grande aiuto per il cane che soffre di diabete. Come abbiamo detto, questo legume è povero di zucchero, perciò può essere somministrato nella dieta particolare di un cane che soffre di questa patologia. Le lenticchie aiutano fido a purificarsi dalle tossine, a vivere meglio i suoi pasti e gli allungano la vita.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del cane diabetico: cosa deve e non deve mangiare Fido

Il cane mangia lenticchie: rischi e consigli sul consumo

Esistono, purtroppo, alcuni rischi e danni che questo legume può provocare alla salute del cane. Un problema comune nasce dall’assunzione di lenticchie crude. Se somministrate crude, l’alta quantità di lecitina (glicoproteine) contenuta in esse può produrre tossicità attraverso i batteri nel suo intestino. Perciò, si raccomanda di fornire al cane lenticchie bollite o al vapore, evitando la cottura lenta per aiutare la digeribilità.

I possibili problemi che possono verificarsi sono: disturbi gastrointestinali nel cane. Flatulenza nel cane e diarrea sono sintomi comuni se mangia quantità eccessiva di lenticchie. Moderare il cibo e fornire piccole dosi del legume è importante per evitare che si presentino questi problemi nel cane. Preferire, poi, le lenticchie biologiche, più sane e adatte alla sua sensibilità, evitando quelle ricche di sali e additivi.

Il nostro fido non dovrebbe mai mangiare lenticchie industriali, per via della tossicità di queste sostanze nel suo stomaco. Nella cucina per fido, è importante sapere di non offrigli mai lenticchie in zuppa, sia in scatola che cucinate in casa, perché contenenti cipolla e aglio, alimenti dannosi per il cane.

Se mangiate anche in piccola quantità, possono provocare coma e addirittura la morte del nostro affettuoso animale. Quindi, le lenticchie sono approvate nella dita del cane ma devono essere cucinate nel modo giusto e offerte in piccole quantità nei pasti del nostro amico peloso.

Ilaria G