Home Cani Mal di stomaco nel cane: sintomi, cause e rimedi naturali

Mal di stomaco nel cane: sintomi, cause e rimedi naturali

CONDIVIDI

Il tuo cane si contorce dal dolore e si lamenta? Potrebbe avere il mal di stomaco: ecco come scoprirlo e come curarlo in modo efficace.

Mal di stomaco nel cane
Mal di stomaco nel cane: tutti i campanelli d’allarme a cui fare attenzione (Fonte: Pixabay)

Un mal di stomaco può venire a tutti, anche al nostro amato cane. L’intensità, così come le cause, possono variare da caso a caso. In alcune circostanze purtroppo può anche essere sintomatico di un problema gastro-intestinale più serio: quindi facciamo attenzione! Meglio osservare il nostro amato Fido per intervenire prima che sia troppo tardi. Scopriamo dunque quali sono i segnali d’allarme e quali sono i rimedi più efficaci per combattere il mal di stomaco del cane.

Mal di stomaco nel cane: cosa potrebbe essere

Sotto l’etichetta di ‘mal di stomaco’ possono celarsi almeno tre diverse tipologia di fastidi o patologie. Ecco come distinguerle e quali sono le caratteristiche di ciascuna.

Torsione gastrica

Generalmente i padroni tendono a definirla come un ‘rigonfiamento’, che si presenta di solito dopo che il cane ha mangiato. Si tratta di una dilatazione dello stomaco del cane, dovuta all’assunzione eccessiva di acqua e cibo e ad un’attività fisica successiva molto intensa. Lo stomaco tenderà a dilatarsi fino a ‘sforare’ oltre la cavità addominale. Noteremo che il cane ha lo stimolo di vomitare per liberarsi di questo ‘peso’, ma non vi riesce. A prima vista sembra avere un rigonfiamento addominale, una salivazione eccessiva, non riesce a muoversi facilmente né tanto meno a respirare normalmente.

Ulcera

Come il suo umano, anche il cane può soffrire di ulcera gastrica: anche nel caso canino si tratta di una conseguenza dell’infiammazione e dell’erosione della parete dello stomaco. La differenza è che nel caso dell’uomo spesso la causa è legata ai batteri. Nel cane invece l’effetto scatenante può essere dovuto ad alcuni farmaci come l’aspirina. Generalmente l’ulcera si presenta con episodi frequenti di vomito, anche quando il cane non ha ingerito nulla.

Gastrite

Come nel caso dell’ulcera, la gastrite si presenta come il risultato di una infiammazione della parete dello stomaco. Questo perché gli acidi corrosivi dei cibi attaccano lo stomaco che non ha più difese, provocando dolori anche molto forti. Nel caso del cane, non potendo lamentarsi come l’umano, bisognerà fare attenzione ad una serie di altri segnali; inoltre il cane è in grado di sopportare dolori anche molto forti. Se la gastrite si protrae nel tempo e tende a diminuire per poi ritornare, si parla di gastrite cronica. Essa può essere frutto dell’ingestione di cibi avariati, tossine, piante velenose, ma anche farmaci che possono aver scatenato allergie o infezioni.

Il mal di stomaco nel cane: sintomi

Naturalmente in base alla gravità del malessere possono essere individuate alcune tipologie di mal di pancia che variano dalla semplice infiammazione intestinale a patologie ben più serie, come la torsione gastrica che, se non riconosciuta (e curata) in tempo, potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita. Ecco quali sono i comportamenti più indicativi di un cane che ha mal di stomaco:

  • mangia l’erba
  • si morde il fianco o tenta di mordersi la pancia
  • è insolitamente irrequieto (non di certo perché ha voglia di giocare o è felice di vederci)
  • la sua pancia appare visibilmente gonfia
  • ha episodi di vomito e diarrea
  • dalla sua pancia provengono strani rumori
  • inappetenza
  • aumento della sete
  • aumento della salivazione.

Quando il mal di stomaco nel cane deve allarmarci? Se il nostro Fido soffre di episodi frequenti e violenti di vomito eccessivo, se vi sono tracce di sangue nel vomito e sangue nelle feci, se soffre di letargia, ha la febbre alta e naturalmente è visibilmente gonfio alla zona dell’addome. In questo caso è impossibile che si tratti solo di indigestione, quindi è bene ricorrere al veterinario.

Una volta che abbiamo fatto caso a ciascuno di questi sintomi, è ora di passare ad analizzare tutte le probabili cause che hanno potuto scatenare il mal di stomaco nel cane. Solo un padrone attento sa se c’è stato qualche cambiamento nella sua alimentazione, oppure se ha potuto ingerire qualche rifiuto o sostanza tossica. Prima di portarlo dal veterinario o al pronto soccorso è bene fornire quanti più particolari ed elementi possibili all’esperto, in modo da arrivare ad un quadro clinico più preciso ed immediato.

Mal di stomaco nel cane: le cause

Non è detto che Fido abbia frugato di nascosto nel sacchetto della spazzatura oppure che abbia fatto merenda con una pianta velenosa: la causa potrebbe anche essere legata ad un’allergia stagionale o alimentare. Generalmente la causa più diffusa è il cibo: quindi facciamo molta attenzione alla sua dieta! Il mal di stomaco potrebbe anche essere dovuto ad un’allergia magari ad un cibo che non è solito mangiare. Oppure spesso accade che nella foga di mangiare il cane ingerisca anche involucri alimentari, monete, palline, pezzi di spago etc.

Un’altra causa potrebbe essere del cibo avariato o ammuffito, magari dove si sono sedimentati parassiti pericolosi per lo stomaco. La soluzione in questo caso dovrebbe essere il digiuno non troppo lungo, più o meno uno o due giorni. Dopo questo breve periodo disintossicante il cane dovrà riabituarsi a mangiare assumendo cibi leggeri, come vedremo in seguito.

Mal di stomaco nel cane: rimedi

Mal di stomaco nel cane
Mal di stomaco nel cane: se il cane sta male può essere opportuno un periodo di totale digiuno (Fonte: Pixabay)

Premesso che nei casi peggiori l’unica soluzione è quella di ricorrere al veterinario o al pronto soccorso veterinario più vicino, quando il dolore nel cane appare lieve e ‘gestibile’ è possibile intervenire con rimedi naturali fatti in casa. Il padrone, che conosce le abitudini alimentari del suo cane, sa se ci sono stati alcuni cambiamenti nella sua dieta: i nuovi cibi devono essere inseriti gradualmente nella sua alimentazione, quindi facciamo attenzione!

Dopo frequenti episodi di vomito e diarrea è possibile che il cane soffra di disidratazione. Una volta che avremo provveduto a far salire il livello di idratazione canina, possiamo passare allo step successivo, ovvero il digiuno: lo scopo è quello di consentire al tratto gastrointestinale di riposare e guarire dall’infiammazione. Generalmente i cani col mal di stomaco sono inappetenti, ma se il dolore non è così forte da impedirgli di mangiare il cane potrebbe assumere nuovo cibo e peggiorare la sua situazione. Digiunare per qualche ora non sarà la fine del mondo, quindi non lasciamoci ingannare da due occhioni pieni di tenerezza! In questo caso è per il suo bene, inoltre un breve periodo disintossicante rientra perfettamente nella dieta di un cane e porta solo benefici alla sua salute.

Per quanto riguarda l’alimentazione dei cuccioli di cane è importante che il digiuno non si prolunghi oltre le 12 ore (generalmente non più di una notte). Per tenere alto il suo livello di glucosio inoltre potrebbe essere utile spalmargli sulle gengive dello sciroppo d’acero.

Una volta finito il digiuno è bene far riabituare il cane all’alimentazione con pasti leggeri come ad esempio delle pappe a base di pollo e carni bianche unite al riso bollito. Da evitare assolutamente spezie e sale, e anche olio. Di grande aiuto possono essere zucca, patate dolci, banane e farina d’avena, che riescono a regolarizzare la funzionalità gastrica ed intestinale.

Dieta leggera del cane: ecco cosa serve

Se il tuo cane deve riprendere a mangiare dopo un periodo disintossicante, è bene fare la spesa in modo intelligente. Ecco cosa serve per farlo riabituare al cibo: riso (da bollire), pollo (attenzione a disossarlo completamente) e carni magre (attenzione al grasso degli hamburger). Meglio fare dei piccoli pasti per 3-4 volte al giorno.

In alternativa al riso e al pollo vanno bene anche gli omogeneizzati a base di carne, ma senza cipolla o aglio: basterà riscaldarli e diluirli con un po’ di brodo caldo. In questo modo la pappa risulterà anche più gustosa per il nostro Fido. Un piccolo segreto: aggiungere un po’ di yogurt o di fiocchi di latte per guarire l’infiammazione allo stomaco. I probiotici infatti sono molto utili in caso di diarrea e per ristabilire la flora batterica; alcuni veterinari consigliano anche la corteccia di olmo.

LEGGI ANCHE: La colica nel cane: colite o semplice corpo estraneo?

La digestione nel cane: organi, problemi digestivi e mal di stomaco nei cani

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI