Home Cani Il cane nella cultura giapponese: razze tipiche, tradizione e ruolo di Fido...

Il cane nella cultura giapponese: razze tipiche, tradizione e ruolo di Fido nel paese del Sol Levante

Fido è conosciuto universalmente come il migliore amico dell’uomo, ma è davvero così ovunque? Scopriamo il ruolo del cane nella cultura giapponese.

Il cane nella cultura giapponese
(Foto Adobe Stock)

Il cane, insieme al gatto, è l’animale d’affezione per eccellenza, almeno nella nostra cultura. Ad ogni latitudine, tuttavia, le preferenze in tema di animali da compagnia possono essere differenti; il relativismo culturale involge anche i pets. In questo articolo analizzeremo il ruolo del cane nella cultura giapponese, valutando anche la sua figura nel folclore del Paese orientale.

I numeri

Chi non rammenta la storia di Hachikō, il cane che aspettò vanamente ogni giorno alla stazione di Shibuya, per quasi dieci anni, il ritorno del suo compagno umano, il professore Hidesaburō Ueno?

Akita
(Foto Pixabay)

Il dolce animale non poteva sapere che il suo adorato Hidesaburō era deceduto, e che non lo avrebbe più rivisto. Ma questo non lo fece vacillare, nemmeno per un giorno della sua vita, che si spense davanti alla stazione.

I giapponesi gli tributarono un lutto nazionale lungo ben tre giorni: da allora Hachiko è divenuto simbolo universale di amore e fedeltà incondizionata. Con tali premesse sarebbe fin troppo facile giungere alla conclusione che tutti immaginiamo, o che vorremmo immaginare. Ma i numeri raccontano un’altra realtà.

Secondo un sondaggio condotto dal centro di ricerca Gfk, soltanto un giapponese su 3 possiede un animale domestico; e solo il 17% dell’intera popolazione ha scelto il cane come animale d’affezione (il 14% opta per il gatto).

I numeri sono decisamente bassi; e se cifre alla mano il cane ed il gatto, anche nel paese del Sol Levante, sono gli animali d’affezione più diffusi, è pur vero che nella maggior parte delle abitazioni nipponiche non è presente alcun pelosetto.

Il cane è certamente considerato quale simbolo di fedeltà, coraggio e forza; ma a conti fatti sembra se ne possa fare a meno.

Potrebbe interessarti anche: Animali da compagnia, le diverse preferenze nel mondo

Il cane nella cultura giapponese

Invero non sappiamo se tale trend, decisamente più basso rispetto a quello registrato nei paesi occidentali, sia dovuto in parte al folclore della cultura giapponese.

akita inu
(Foto Adobe Stock)

Alcuni racconti della tradizione ci raccontano che il cane originariamente era dotato di parola, esattamente come noi.

Tuttavia col tempo perse tale abilità, come punizione per averne fatto uso per i propri interessi e a spese dell’essere umano. Anche nelle tradizione degli Ainu, popolazione indigena giapponese stanziata nell’isola di Hokkaidō, il cane non è una figura del tutto positiva, se pur gli viene riconosciuta una certa affinità all’essere umano.

In realtà nella cultura giapponese non mancano leggende più recenti nelle quali al cane vengono attribuite quelle doti di coraggio e lealtà che ne hanno fatto un simbolo in tutto il mondo, creando in tal modo una frattura rispetto ad un passato che in qualche modo influisce ancora sul ruolo del cane (e dell’animale di affezione in generale) nella società orientale.

Potrebbe interessarti anche: Hachiko: il tuo migliore amico, la storia di un uomo e del suo fedele cane

Le razze tipiche

Anche se solo il 17% dei giapponesi possiede un cane come animale d’affezione, non mancano le razze originarie del Paese del Sol Levante, ormai conosciute in tutto il mondo:

Come curare il pelo e l'igiene dell'Akita
(Foto da Pinterest)
  • Akita: simbolo di fedeltà, lealtà e dolcezza assoluta. In Giappone (e non solo) è amatissimo, grazie alle vicende di Hachiko;

    Shiba Inu
    (Foto Pixabay)
  • Shiba Inu: l’Akita sarà anche la razza giapponese più amata e conosciuta in tutto il mondo, ma lo Shiba Inu è quella più diffusa, ed anche una delle più antiche. Tuttavia non è propriamente originaria del Giappone: venne importato dalla Cina più di duemila anni orsono;

    spitz giapponese
    (Foto Adobe Stock)
  • Spitz Giapponese: la razza è relativamente recente, in quanto creata quasi un secolo fa. Il suo aspetto grazioso e tenero, la grande intelligenza ed il carattere socievole e giocherellone ne hanno fatto in poco tempo una delle razze più diffuse;

    Kai Ken
    (Foto Adobe Stock)
  • Kai Ken: un vero e proprio simbolo del Giappone, anche se piuttosto raro anche nella terra nipponica. Nel 1934 è stato dichiarato monumento nazionale del Paese;

    hokkaido inu
    (Foto Adobe Stock)
  • Hokkaidō Ken: è la più antica tra le razze giapponesi, avendo almeno 3000 anni. Forte,  resistente al freddo, dotato di grande coraggio e molto fedele all’essere umano, nel 1937 è stato dichiarato monumento naturale del Giappone.

A. S.