Home Cani Razze di Cani Cani Molossi: quali sono e le caratteristiche comuni

Cani Molossi: quali sono e le caratteristiche comuni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:45
CONDIVIDI

Quali sono i cani molossi e per quali caratteristiche si somigliano e si differenziano dai simili? Quello che c’è da sapere su questa categoria canina.

Cani mossoidi
Cani mossoidi: il Carlino (Foto Pixabay)

Cosa si nasconde dietro questa categoria dal nome buffo? I molossi racchiudono infatti una famiglia di razze canine con delle caratteristiche comuni. E’ importante anche analizzare l’etimologia della parola per capire meglio la definizione. Vediamo in cosa si somigliano e in cosa si differenziano i cani molossoidi e in quante tipologie sono suddivisi. E’ molto affascinante anche raccontare il rapporto che questi cani hanno instaurato con l’umano fin dai tempi più antichi: ecco tutto quello che c’è da sapere sui cani molossi.

I molossi: le origini della razza

dogue de bordeaux
dogue de bordeaux (Foto Pixabay)

Un nome così particolare può destare la curiosità su questi animali così diversi dagli altri. Si tratta infatti di una razza molto interessante e anche molto antica e particolarmente importante nella storia dell’uomo. Il nome deriva da ‘Molosia’, una città della tribù greca nella regione dell’Epiro (l’attuale Albania meridionale). La funzione di questi cani, fin dai tempi antichi è stata quella di sorvegliare il bestiame e scortare i soldati in guerra.

A quanto pare sono stati i Fenici a portali in Europa dall’antico Oriente; altri studiosi invece sostengono che sia stato Alessandro Magno a portarli dalla Persia. Pare inoltre che Marco Polo li abbia introdotti in Asia, dando origine al Mastino del Tibet. In qualsiasi modo essi siano arrivati in Europa, di certo questi cani hanno fin da subito conquistato il cuore degli uomini per le loro caratteristiche fisiche e per la loro ‘utilità’. Avevano un ruolo molto importante nella vita sociale degli uomini dell’epoca, oltre ad essere protagonisti negli anfiteatri come sostituti di riserva negli spettacoli di battaglie.

Caratteristiche dei cani Molossi

Bulldog inglese
Cani Molossi di tipo 3: Bulldog inglese (Foto Pixabay)

Questi cani hanno delle caratteristiche comuni che si possono sintetizzare con:

  • cranio arrotondato,
  • orecchie basse,
  • mascella corta,
  • muscolatura possente e massiccia.

Le tipologie di molossi sono tre: tipo dogo, di montagna e di piccola taglia. Vediamo singolarmente quali sono le particolarità di ciascun tipo.

Tipo 1: Molossi di tipo dogo

Indicati come un’evoluzione del molossoide di montagna, questi cani sono caratterizzati da un fisico massiccio e una muscolatura importante e resistente, oltre che da una testa grossa, rughe evidenti sul viso e un pelo corto. Dato il loro fisico imponente essi sono stati da sempre utilizzati per la guerra e le battaglie prima e le attività di caccia e di lotta poi. Per avere un’idea di questo primo tipo di Molossi, ecco le razze da osservare: il cane Corso, il Mastino Napoletano, il Dogue de Bordeaux, il Dogo Canario, l’Alano etc.

Tipo 2: Molossi di montagna

A differenza dei primi hanno caratteristiche fisiche meno marcate e un pelo lungo e folto. A quanto pare detengono il primato di cani più antichi della razza, e come i primi sono imponenti e alti. La loro funzione però si è quasi sempre limitata ad essere cani pastore: ciò significa che sono particolarmente fedeli, affidabili ed intelligenti, perfetti anche come cani da salvataggio. Possiamo avere degli esempi nel Pastore del Caucaso, il cane da montagna dei Pirenei, San Bernardo, Mastino spagnolo, Pastore dell’Asia Centrale e Pastore fonnese.

Tipo 3: Molossi di taglia piccola

Dal nome è facile intuire che si tratta di cani che hanno subito negli anni una grossa trasformazione fisica: hanno le caratteristiche più marcate di brachicefalia, quindi posseggono mascelle molto corte. Queste doti fisiche li hanno resi famosi come cani da combattimento. Non a caso infatti questi cani portano il peso di una ‘fama di cani cattivi’, caratteristica che ovviamente è stato l’uomo a sviluppare. Hanno una notevole forza muscolare, nonostante le loro ‘piccole’ (ma concentrate) dimensioni. Gli esemplari che rispondono a queste caratteristiche sono appunto: il Carlino e i due tipi di Bulldog inglese e Bulldog francese.

Ci sono alcuni cani che ‘escono’ da queste tipologie appena elencate, come ad esempio il PitBull o del Boerboel. Altri sono cani estinti come il Mastino delle Alpi e il Cane da combattimento Cordovese.

Cani Molossi: amici di grandi e piccini

San Bernardo
San Bernardo (Foto Pixabay)

Con le loro caratteristiche fisiche così particolari e il ruolo di protagonisti che hanno sempre avuto nella vita dell’uomo, i Molossi sono sempre stati molto apprezzati da adulti e bambini. Il loro aspetto imponente e massiccio li rende adatti al lavoro, alle lotte e alle attività dove servono forza e coraggio. Ma dietro questo aspetto ‘da duri’ si nasconde un cuore tenero e giocherellone. Per questo sono anche molto apprezzati come cani di compagnia dai bambini.

Non nascono violenti ma, come sempre, è l’uomo a renderli aggressivi abituandoli alle lotte tra simili e costringendoli a vivere in situazioni estreme. Traumi, cattive abitudini e violenze di vario genere possono assolutamente influire sulla personalità di un cane. Ma se allevati con amore e dedizione saranno di certo dei grandi amici a quattro zampe. Non lasciamoci ingannare dal loro aspetto minuto ma massiccio: questi esemplari sono molto delicati e necessitano di tante cure ed attenzioni!

LEGGI ANCHE:

F.C.