Home Cani Salute dei Cani Autismo nel cane: correlazione tra animale e disturbo secondo la scienza

Autismo nel cane: correlazione tra animale e disturbo secondo la scienza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
CONDIVIDI

Anche il nostro Fido può presentare i sintomi di questa malattia? Come riconoscere l’autismo nel cane e cosa dice la scienza a riguardo.

Autismo nel cane
Autismo nel cane: come riconoscerlo e come gestirlo (Foto Pixabay)

Non sarà facile affrontare un tema così delicato, sul quale la scienza appare ancora piuttosto divisa per quanto riguarda l’autismo negli umani. Infatti non si conoscono ancora bene né i sintomi né le cause dell’autismo nel cane, ovvero di tutti i disturbi dello spettro autistico, che sono davvero tanti e diversi tra loro. Lo stesso accade per i cani, ma pare si possa dire che un cane è autistico in base ad alcuni segnali che ci invia col suo comportamento. Ma solo un medico esperto potrà confermare quelli che sono e restano solo sospetti. Ecco il parere della scienza sul caso del cane autistico.

Che cos’è l’autismo nei cani

Cane spaventato
Cane spaventato (Foto Pixabay)

Nel dizionario Merriam-Webster non è definita una malattia, bensì un disturbo di tipo neurologico, che influisce sulla comunicazione e costringe il soggetto a una vita solitaria sia perché non riesce ad esprimersi bene sia per la difficoltà di recepire informazioni. Vedremo in seguito con quali sintomi si presenta questo disturbo nei cani, anche perché si tratta di un argomento relativamente recente (solo negli anni ’60 si è ipotizzato che anche Fido potesse soffrire di questo disturbo). Attualmente, purtroppo, la ricerca è ancora piuttosto vaga sui risultati circa il cane autistico e sta ancora cercando risposte, tuttavia è possibile diagnosticare questo disturbo in base a quanto influisce sulla vita del cane.

L’Organizzazione The Autism Speaks descrive il disturbo dello spettro autistico in tre aree di riferimento: sfide con abilità sociali, comportamenti ripetitivi e comunicazione non verbale. Non esiste un solo tipo di disturbo, ma vari sono i fattori e i sintomi che concorrono a questa condizione di comportamento disfunzionale nel cane.

Cause possibili di autismo nel cane

I risultati delle ricerche di Adam Miklosi sui ‘neuroni specchio’, ovvero sull’assenza di questi neuroni che potrebbe essere alla base dell’autismo. Si tratta di neuroni di ‘associazione multimodale’ in alcune attività e in determinate azioni, sia quando sono compiute in prima persona sia quando si vedono fatte dagli altri. Dovrebbe essere una condizione che non si ‘acquisisce’ bensì è presente dalla nascita. Un’altra causa possibile potrebbe essere l’ereditarietà da qualche parente, esposto a un numero di tossine troppo elevato.

Autismo nel cane: sintomi

Autismo nel cane
Autismo nel cane: i segnali di questo disturbo (Foto Pixabay)

Non sarà facile diagnosticare questo disturbo nei cani proprio perché l’argomento è tuttora aperto. Di certo si tratta di un disturbo comportamentale che comporta azioni di tipo ossessivo-compulsivo, che variano anche a seconda della razza e si suddividono in cinque macro aree: comunicazione sociale, comportamentale, mentale, fisico e sensoriale.

  • Sociale: i cani con questo disturbo mostrano difficoltà a interagire con i propri simili ma anche con gli esseri umani. Infatti potrebbe stranirsi nel sentire il suo nome e ha difficoltà a compiere le azioni più ‘comuni’ ad un cane come saltare, giocare e mangiare. Sarà sempre solitario e avrà anche dei comportamenti piuttosto ‘inspiegabili’, soprattutto per una personalità che sembra in  molti casi assente.
  • Comportamento: il cane autistico solitamente fissa le persone e le cose, resta spesso immobile a guardare nel vuoto. Oppure inizia a correre e saltare senza un motivo apparente. Solitamente si mostra ansioso e pauroso delle novità, sia che si tratti di oggetti sia che si tratti animali o persone che gli si avvicinano.
  • Mentale: è spesso catturato dalla paura, ma sarà difficile dirlo poiché non mostra le sue emozioni. Tutto appare per loro come una minaccia e un pericolo. Spesso questa condizione mentale porta i cani a fare azioni ripetute, comportamenti ossessivo-compulsivo.
  • Fisico: il cane appare assente e sembra non interessarsi assolutamente a nulla. Sono pigri e non riescono ad appassionarsi a giochi e altre attività solitamente piacevoli per i nostri amici a quattro zampe.
  • Sensoriale: i cani autistici percepiscono il mondo come estraneo, pericoloso e minaccioso. Anche il comportamento innocuo di un padrone o un’altra persona può essere ‘frainteso’ e dunque il cane può rispondere con immotivata aggressività.

In alcune razze, come ad esempio il Pastore Tedesco e il Dobermann, i cani riproducono azioni ossessive e stereotipate, come ad esempio l’inseguirsi e il mordersi la coda.

Come gestire l’autismo nel cane

animale
Animale domestico (Foto Pixabay)

Il ruolo del padrone è altrettanto vago quando si ha a che fare con un cane affetto dal disturbo dello spettro autistico. Come si sa poco del disturbo così si sa poco della cura e della gestione di esso. Non mancano terapie, giochi e attività che si possono fare con un cane affetto da questo disturbo comportamentale, ma la cura migliore è probabilmente dimostrargli amore e comprensione. Non dovrà mancare una buona dose di pazienza, anche perché non si tratta di una condizione che si risolverà in breve tempo (anzi potrà solo essere attenuata).

La cosa migliore è consentire al cane di vivere una sua routine, delle sue abitudini in tutto l’arco della giornata. Bisogna scandire le attività con orari e azioni ben definite, non usare mai violenza e non perdere la pazienza. Uno specialista potrà suggerire le attività più adatte ad un cane con questo disturbo .

Sarà consigliato probabilmente di evitare contatti con umani e altri simili, fare passeggiate in luoghi non affollati e impiegare il cane in attività ‘stancanti’. I cani devono sentirsi al sicuro non solo a casa, ma anche all’esterno e non deve essere sottoposto ad ulteriori stress, come ad esempio coccole troppo assidue e affettuose. Magari possono essere utili anche massaggi e esercizi terapeutici per affievolire la sua ansia.

Ci sono cani più a ‘rischio autismo’?

Da una ricerca della Tufts University School of Medicine del 2014, pare che vi sia una razza canina, quella dei Bull Terrier, particolarmente soggetta a disturbi di questo genere. Non si tratta ancora di una certezza ma pare che questa razza di cani abbia in comune qualcosa con gli umani affetti da disturbo dello spettro autistico: livelli elevati di neurotensina e ormone di corticotropina.

Potrebbe interessarti anche:

F.C.