Home Cani Salute dei Cani Discospondilite nel cane: la causa, i sintomi e il trattamento

Discospondilite nel cane: la causa, i sintomi e il trattamento

La discospondilite nel cane è una patologia causata da un batterio ed è piuttosto frequente nel cane a differenza del gatto. Vediamo quali i sintomi e la cura.

cane malato
(Foto AdobeStock)

La discospondilite nel cane è una patologia che colpisce maggiormente cani adulti di genere maschile con un’età di circa 5 anni.

Alcune razze sono più predisposte di altre, in particolare quelle di taglia da grande a gigante, ad esempio il pastore tedesco e l’alano.

Cause della discospondilite nel cane

La discospondilite nel cane è causata dalla presenza di batteri, nel 90% dei casi o di funghi, maggiormente però si tratta di stafilococchi.

ferita nel cane
(Foto AdobeStock)

La discospondilite nel cane è un’infiammazione causata da funghi e batteri che colpiscono l’organismo (disco intervertebrale e delle epifisi vertebrali vicine) attraverso lesioni o ferite e quindi poi attraverso il flusso sanguigno.

Generalmente si tratta di un’infezione secondaria, ovvero non è la principale malattia ma è trascinata da una causa primaria presente nella colonna, ad esempio:

  • infezioni respiratorie, prostatiche, genitali, della pelle;
  • interventi chirurgici;
  • morsi;
  • stati di immuno-depressione;
  • instabilità con microtraumi della colonna;
  • batterio che arriva tramite il sangue.

Sintomi

I sintomi della discospondilite nel cane evolvono in maniera rapida, specie in presenza di instabilità vertebrale e/o compressione del midollo spinale. Essi possono essere i seguenti:

  • dolore acutissimo a livello vertebrale;
  • rapida atrofia muscolare;
  • segni neurologici da lievi a molto gravi con perdita di sensibilità profonda;
  • anoressia;
  • depressione nel cane;
  • febbre;
  • calo di peso.

Potrebbe interessarti anche: Il cane sbatte contro gli oggetti: cosa è importante sapere

Diagnosi e trattamento della discospondilite nel cane

cane dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Per poter effettuare una diagnosi corretta il veterinario dovrà effettuare esami specifici quali:

  • esami colturali per capire quale sia il batterio che causa la patologia;
  • radiografia (per verificare alterazioni strutturali della colonna nel luogo di infezione);
  • TAC (permette di definir meglio l’estensione dell’interessamento osseo grazie alla possibilità di ottenere immagini multiplanari. Consente inoltre di valutare l’estensione del processo flogistico al canale spinale ai tessuti molli paravertebrali e ai muscoli);
  • RM (permette di valutarne la diffusione grazie alla possibilità di acquisire immagini multiplanari ed alla capacità di visualizzare sconfinamenti epidurali e paravertebrali; permette inoltre di dimostrare compressioni midollari e di riconoscere eventuali focolai di mielite secondaria).

Stabilita la diagnosi di discospondilite nel cane il veterinario potrà stabilire come intervenire in merito alla terapia da applicare.

In alcuni casi si dovrà ricorrere alla chirurgia, in altri invece il trattamento medico è lungo e deve essere specifico per il batterio che causa l’infezione.

Nella maggior parte dei casi il veterinario per la cura della discospondilite nel cane utilizzerà antibiotici per attaccare il batterio e gli analgesici per il dolore che dovrebbe diminuire entro le 48/72 ore successive all’inizio della terapia.

Generalmente si ha un miglioramento evidente dell’animale e la prognosi è buona, anche se vanno eseguite radiografie di controllo.

La fisioterapia per il cane può tornare utile in base al grado di alterazione del movimento provocato dalla malattia.

Lo stesso vale per l’utilizzo di sospensori o di deambulatori per aiutare l’animale a recuperare l’equilibrio e l’andatura.

Successivamente una volta recuperata l’andatura, per migliorare eventuali deficit si potrà ricorrere all’utilizzo di ostacoli slalom, oltre che a potenziare la muscolatura.

Se invece l’animale non risponde al trattamento medico si può arrivare alla setticemia e alla morte del cane.

Se la discospondilite non viene riconosciuta e curata tempestivamente, possono insorgere complicazioni di ordine neurologico quali meningite, mielite, paratopie discali e fratture nel cane

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta