Home Cani Salute dei Cani Il cane può donare sangue: come farlo, a chi rivolgersi, quali regole...

Il cane può donare sangue: come farlo, a chi rivolgersi, quali regole seguire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44
CONDIVIDI

Anche i cani, come noi umani, possono salvare delle vite. Il cane può donare sangue e può così aiutare altri pelosetti in difficoltà con un gesto davvero semplice.

Il cane può donare sangue
Il cane può donare sangue e salvare altre vite. (Foto Flickr)

All’estero, la donazione di sangue tra animali è una realtà ormai consolidata. In Italia si sta diffondendo da poco, ma ci sono già una serie di strutture attrezzate in merito. Sì, da oggi il nostro cane può donare sangue per salvare le vite dei suoi simili. Questo può avvenire in casi piuttosto comuni: una trasfusione è quasi sempre necessaria in casi di incidenti o interventi chirurgici, ecco perché la donazione diventa indispensabile perché il prezioso plasma sia disponibile. Vediamo quindi a chi rivolgersi e come poter partecipare a questo fondamentale momento di aiuto tra animali.

Potrebbe interessarti anche: Gruppi sanguigni del cane: quali sono, come capire di quale gruppo è Fido

L’importanza del sangue

cane a visita
Dal veterinario. In molte occasioni il sangue è fondamentale. (Foto AdobeStock)

Per un cane (o un gatto), un incidente o un intervento chirurgico sono momenti terribili che si spera vengano superati nel migliore dei modi. Per farlo, però, solitamente è necessaria una trasfusione di sangue: questo preziosissimo liquido è la base della vita degli animali, per ripristinare quello perso e tenere attiva l’attività cardiaca.

E poiché non c’è modo di sintetizzarlo in laboratorio, la sopravvivenza dei nostri animali domestici (ma anche degli umani) è legata ai donatori della stessa specie del ricevente, che siano compatibili e i cui padroni capiscano l’importanza di un gesto semplice ma che è fondamentale e – magari – possa essere anche ricevuto in seguito. Un domani, magari, il nostro animaletto avrà bisogno di una trasfusione: cosa succederebbe se non ci fossero donatori?

Il sangue negli animali domestici

Si può dare la tachipirina al cane?
I cani hanno 9 tipi di sangue diversi. (Foto AdobeStock)

Nei cani, esistono molti gruppi sanguigni. Mentre negli esseri umani sono quattro (A, B, AB, 0) che possono essere positivi o negativi, nei nostri amici a quattro zampe la situazione è più complessa: nei cani al momento sono stati classificati 9 gruppi sanguigni (ma potrebbero esserne scoperti altri): vengono detti Dea-Dog Erithrocyte Antigen, di tipo 1.1, 1.2, 1.3, 3, 4, 5, 6, 7 e 8, e possono essere, come nel nostro caso, positivi o negativi.

Tipificare il sangue dei cani è importante perché è preferibile che il sangue usato nella trasfusione sia dello stesso tipo tra donatore e ricevente, ma si potrebbe anche rischiare di usare un tipo diverso. A differenza dei gatti, infatti, che hanno degli anticorpi che possono sviluppare una reazione letale in caso di sangue di diverso tipo, i cani non hanno questi anticorpi e trasferire sangue di tipo diverso non è necessariamente mortale.

La trasfusione animale

cane credenze sugli animali
Il cane può donare sangue per salvare la vita di un suo simile. (Foto AdobeStock)

La trasfusione, sia per il donatore che per il ricevente, non ha pericoli e non è dolorosa: è ormai una tecnica ben nota scientificamente, e non presenta difficoltà di procedure nè rischi. Il vero motivo per cui non si pratica quanto serve, è appunto il fatto che mancano le strutture per la raccolta e la conservazione del sangue.

Infatti, mancando il sangue conservato, in caso di necessità l’unico modo è cercare un donatore tramite il passaparola dei conoscenti. Questo potrebbe anche andar bene per gli interventi programmati (asportazione di un tumore riscontrato negli esami, ad esempio). Ma in caso di un incidente, o un trauma improvviso, è un grande problema non facilmente gestibile in emergenza.

I requisiti per l’idoneità

infografica donazione sangue (cane)
Infografica donazione sangue del cane (Redazione)

Quando il nostro animale donerà il sangue, come per noi umani, ci saranno dei requisiti da rispettare. Il veterinario svolgerà una visita clinica completa per valutare se il cane può donare sangue, e se è tutto a posto, si procede con il prelievo per verificare il gruppo sanguigno. Le analisi sanguigne e la visita sono gratuite presso gli enti convenzionati.

La donazione è completamente sicura ed indolore, e si può ripetere ogni 3 mesi. I requisiti sono di età (compresa tra i 2 e gli 8 anni), di peso (massimo 25 kg), essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie e i relativi richiami, oltre ovviamente alla registrazione all’anagrafe canina e uno stato di buona salute. In caso di necessità, un cane donatore può ricevere una trasfusione e un consulto gratuitamente.

Potrebbe interessarti anche: Analisi del sangue nel cane: come interpretare i valori ed eventuali malattie

I centri per donare

vaccinare animali coronavirus
In Italia ci sono alcuni centri specializzati in trasfusioni animali. (Foto Adobe Stock)

La donazione, un vero e proprio salvavita per gli altri animali, in Italia non è ancora molto diffusa, per una scarsità di strutture adatte a prelevare e conservare il sangue. Fortunatamente, ci si sta attrezzando con alcuni centri già attivi sul territorio. Se non si ha sangue conservato, infatti, l’unica soluzione è effettuare il prelievo al momento dal donatore.

Questo metodo “alla bisogna”, però, obbliga prima di tutto avere una lista di donatori volontari con i proprietari disponibili ad essere contattati in caso di emergenza. Ma il tutto si basa sulla speranza che almeno uno di loro possa portare l’animale in clinica per la donazione.

In Italia i centri attualmente funzionanti anche come emoteca animale sono:

  • REV – Centro emotrasfusionale per cani e gatti presso la Facoltà di Medicina veterinaria dell’Università degli Studi di Milano. Inaugurato ad Ottobre 2011, è stato creato proprio a questo scopo. Attualmente è il più grande in Italia. Link: http://users.unimi.it/rev/
  • EMOVET – Emoteca e centro trasfusionale veterinario, Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia. Nato come reparto nella sezione di Medicina Interna, è il primo nel centro Italia a introdurre un’emoteca per conservare il sangue. Link: http://www.medvet.unipg.it/ 
  • Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie di Legnaro (PD), con la banca del sangue. Link: http://www.izsvenezie.it/ 
  • Ca.Do.S. Anubi – Cani Donatori Sangue di Moncalieri (TO), è un ospedale per animali da compagnia. Link: http://www.anubi.it/banca-del-sangue-veterinaria.php
  • CTV – Centro Emotrasfusionale di Sasso Marconi (BO), che nasce da un veterinario che aveva già partecipato nel 2001 alla prima emoteca animale in Italia (il Centro Emotrasfusionale Felsineo).
  • Banca del Sangue Canino e Felino della Clinica Veterinaria La Foce a Genova. Nasce con il supporto dell’ANFI (Associazione Nazionale Felini Italiani) Liguria. Link: http://www.clinicaveterinariafoce.it
  • Dog Blood Donors, il portale dell’associazione dei cani donatori di sangue, dove trovare tutte le informazioni in merito. Link: http://dogblooddonors.it/

F. B.