Home Cani Salute dei Cani La febbre Q nel cane: causa, sintomi e trattamento

La febbre Q nel cane: causa, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48
CONDIVIDI

La febbre Q del cane è una malattia profondamente contagiosa, anche per umani, gatti e ruminanti. Vediamo la causa, i sintomi e il trattamento.

La febbre Q del cane può essere trasmessa da diverse specie di zecche.(Foto Pixabay)

La febbre Q è una malattia zoonotica causata da Coxiella burnetii ed è indentificata principalmente nei ruminanti, che rappresentano la principale fonte d’infezione per l’uomo. Molte altre specie animali possono infettarsi con questo agente, con o senza sintomi e il momento del parto o dell’aborto è quello più a rischio per la diffusione.

La febbre Q del cane può essere trasmessa da diverse specie di zecche ed essere contagiata per inalazione, ingestione dei tessuti e fluidi infetti. Generalmente è la vicinanza della placenta, sangue, latte, urine e feci a causare il contagio, che avviene per inalazione. Una volta che Fido viene colpito dal batterio, anche noi umani siamo a rischio contagio. Una volta che entra nel corpo, il batterio colpisce fegato, sistemi nervoso e urinario.

Causa e contagio della febbre Q nel cane

Cane malato coccolato Facebook
Cane malato coccolato Facebook

La causa sono i batteri della coxiella, resistenti agli antisettici, al calore e all’essiccazione; vivono fino a sei mesi e si propagano facilmente per via aerea. L’unico metodo per ucciderli è la pastorizzazione ad alto calore.

Questi batteri si moltiplicano per lo più in uccelli e roditori, infettano le zecche che poi diventano vettori della malattia diffondendola alla fauna selvatica, agli animali da fattoria, a cani e gatti attraverso i loro morsi e l’inalazione di feci di zecca che vengono liberate dal manto dell’animale. I nostri amici a quattro zampe sono meno a rischio rispetto agli animali da allevamento. L’elevata possibilità di contagio fa sì che vengano utilizzati anche dai bioterroristi.

Sintomi della febbre Q nel cane

rabbia nel cane
I sintomi evidenti da non sottovalutare nei casi di febbre Q nel cane.(Foto iStock)

I sintomi evidenti da non sottovalutare nei casi di febbre Q nel cane, laddove siano presenti o non facilmente riconducibili ad altre patologie, sono:

  • febbre nel cane;
  • letargia;
  • depressione e spossatezza;
  • inappetenza;
  • convulsioni;
  • interruzione della gravidanza;
  • nascita di cuccioli con deformazioni, malattie o morti.

Febbre Q cronica

In determinate situazioni le colonie di batteri responsabili della febbre Q possono scatenare complicanze più serie come: polmoniti, endocarditi (cioè l’infezione delle valvole cardiache) e epatiti nel cane. Le conseguenze della febbre Q cronica possono protrarsi per mesi e richiedere un lungo periodo di trattamenti. Gli animali più a rischio sono quelle con sistema immunitario più debole, chi è affetto da leucemie o chi soffre di patologie cardiache e/o ha affrontato un intervento chirurgico.

Diagnosi

cane trattamento
La febbre Q viene diagnosticata attraverso un test del sangue del cane,. (Foto iStock)

La diagnosi di Febbre Q avviene tramite esame sierologico (deve essere ripetuto dopo 4 settimane: se il titolo anticorpale è quadruplicato, allora l’infezione è confermata) e isolamento dei batteri. La febbre Q viene diagnosticata attraverso un test del sangue del cane, nel quale si cercano gli anticorpi specifici per Coxiella burnetii (non si va a ‘caccia’ del batterio).Non esiste, a oggi, nessun vaccino.

Trattamento.

cane triste
Attualmente, il trattamento della febbre Q del cane è basato sull’uso dell’ antibiotico Tetraciclina.(Foto Pixabay)

Attualmente, il trattamento della febbre Q del cane è basato sull’uso dell’ antibiotico Tetraciclina. Uno è quando i sintomi sono visibili e in questo caso viene somministrato per via orale, se i test risultano positivi, viene indicato un dosaggio regolare.

La tetraciclina viene anche utilizzata come profilassi, aggiungendo l’antibiotico all’acqua potabile della cagnolina incinta o della neomamma: il metodo generalmente utilizzato anche per gli animali da allevamento infetti. La prognosi dipende da quanto in tempo venga diagnosticata la malattia e da quanto prontamente verrà somministrata la terapia.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI