Home Cani Salute dei Cani Il cane ha mangiato troppo a Natale: cosa fare e come rimediare

Il cane ha mangiato troppo a Natale: cosa fare e come rimediare

Goloso e talvolta anche un po’ ingordo: cosa fare se il cane ha mangiato troppo a Natale. Tutti i trucchi per farlo tornare in forma.

Il cane ha mangiato troppo a Natale
(Foto AdobeStock)

Abbiamo cercato di resistere, ma talvolta abbiamo anche ceduto ai suoi due occhioni compassionevoli che ci chiedevano un po’ del nostro cibo. Oltre a tutti i cibi altamente sconsigliati o vietati per Fido, cosa fare se il cane ha mangiato troppo a Natale? Ecco cosa fare dopo le vacanze natalizie e in che modo rimettere in forma il nostro amico a quattro zampe, per evitare di correre rischi per la sua salute.

Cane a Natale: i rischi a tavola

Diciamola tutta: non solo i cani rischiano di mangiare tanto a Natale! Anche noi siamo talvolta un pessimo esempio per loro, dato che passiamo ore e ore ad ingurgitare cibi tipici e soprattutto in notevoli quantità.

Fido a Natale
(Foto Pixabay)

Ma se Fido ha elemosinato il nostro cibo e in più ha continuato a mangiare regolarmente la sua razione di pappa, non credete abbia un po’ esagerato? Eppure i pericoli della tavola natalizia sono davvero tanti per il nostro amico a quattro zampe, tanto che è fondamentale evitare di fargli assaggiare:

  • noci,
  • insaccati,
  • uva e uvetta,
  • cioccolato e dolci vari.

Oltre dunque a tenere lontani il cane e la stella di Natale, bisogna fare attenzione (come al solito) a tutto quello che mette in bocca. Trattandosi di un animale molto curioso e goloso, è opportuno avere sempre gli occhi aperti. La responsabilità dunque di non cedere ai suoi sguardi imploranti durante le numerose e frequenti occasioni ‘mangerecce’ è tutta nostra, poiché Fido non direbbe mai di no ad una leccornia.

Potrebbe interessarti ancheUn cane a Natale sì o no: le domande per capire se è la scelta giusta

Il cane ha mangiato troppo: il rischio di indigestione

Se a noi basta un digestivo o una corsetta, non è lo stesso per il cane: il fisico del nostro amico a quattro zampe infatti reagisce in modo completamente diverso dal nostro e va incontro naturalmente a problemi di indigestione. Quest’ultima si presenta con alcuni segnali allarmanti, quali:

Fido scarta i regali di Natale
(Foto Pixabay)
  • episodi di nausea,
  • dolori allo stomaco,
  • vertigini,
  • diarrea,
  • stato generale di spossatezza.

Come rimediare se il cane ha mangiato troppo nelle feste natalizie? Imponendogli un digiuno forzato, anche se forse il senso generale di ‘pienezza’ lo distoglierebbe comunque dal pensiero di mangiare ancora.

Attenzione a non fargli mai mancare l’acqua, per evitare il rischio di disidratazione nel cane. Per invogliarlo a bere ma anche per calmare i possibili dolori allo stomaco dovuti all’indigestione, possiamo dargli della camomilla non calda, magari con aggiunta di cannella e curcuma.

Il cane ha mangiato troppo: come prevenire e rimediare

Può sembrare scontato, ma in realtà il modo migliore per non far mangiare troppo Fido durante le occasioni come le feste natalizie è quella di non cedere alle sue richieste. Proviamo a non allungargli nulla sotto al tavolo: in questo modo non solo eviteremo il rischio di indigestione ma anche di obesità nel cane.

Il cane ha mangiato troppo a Natale
(Foto AdobeStock)

Quindi, evitando di fare ‘eccezioni’ ad un’alimentazione sana ed equilibrata, che altro possiamo fare per lui? Portarlo in giro a fare una corsetta o lunghe passeggiate, in modo che non si appesantisca in casa, fermo e rilassato. Meglio uscire per una mezz’ora, prima dei pasti, in modo da riattivare muscoli e cervello.

Potrebbe interessarti ancheCane e albero di natale: 5 consigli e zero rischi per entrambi

Se Fido mangia troppo e velocemente

E se il fatto di mangiare tanto non sia relegato solo al periodo di Natale ma piuttosto frequente? Il rischio di torsione gastrica è piuttosto alto, quindi bisogna fare in modo da razionare il cibo in porzioni più piccole e più volte al giorno. Esistono in commercio anche delle ciotole speciali, che costringono il cane a una complicata ‘presa’ del cibo. In questo modo Fido si abituerà a mangiare con calma e lentamente, senza gettarsi sul cibo come in preda a una fame atavica.

Francesca Ciardiello