Home Cani Salute dei Cani Cardiomiopatia dilatativa nel cane: cause, sintomi e trattamento

Cardiomiopatia dilatativa nel cane: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:24
CONDIVIDI

I cani possono soffrire di varie patologie cardiache. Vediamo insieme quali sono le cause i sintomi e il trattamento della cardiomiopatia dilatativa nel cane.

Cardiomiopatia dilatativa nel cane
Cardiomiopatia dilatativa nel cane: cause, sintomi e trattamento (Foto Adobe Stock)

Molto spesso alcune malattie umane possono colpire anche i nostri amici a quattro zampe, una di queste patologie è proprio la cardiomiopatia dilatativa.

Quest’ultima consiste nell’ingrossamento del cuore e di conseguenza nell’assottigliamento delle pareti cardiache che perdono la forza per pompare il sangue nelle arterie del cane.

Nel caso in cui questa patologia non venga trattata in tempo il nostro amico a quattro zampe potrebbe avere un’insufficienza cardiaca congestizia che porterebbe alla morte di fido. Per questo motivo è necessario riconoscere i sintomi della cardiomiopatia dilatativa nel cane.

Potrebbe interessarti anche: Malattie cardiache del cane: i 6 segnali che da tenere sotto controllo

Cardiomiopatia dilatativa nel cane: cause e sintomi

Terranova
(Foto Adobe Stock)

La causa principale della cardiomiopatia dilatativa nel cane è la genetica. Questa patologia si può presentare a tutte le età ma è molto probabile riscontrarla nei cani con un’età che varia dai 3 ai 7 anni. Inoltre questa patologia si può riscontrare facilmente in alcune razze di cani, come:

Oltre ad una causa genetica, si pensa che questa patologia possa presentarsi nel cane anche a causa di malattie virali come il cimurro e nutrizionali come la carenza taurina.

Sintomi 

I sintomi più comuni che possono presentarsi in un cane che soffre di cardiomiopatia dilatativa sono:

Nel caso in cui il vostro amico peloso presenti uno o più sintomi sopraelencati è necessario contattare un veterinario.

Cardiomiopatia dilatativa: diagnosi e trattamento

cani ansia alano
Un meraviglioso Alano (Foto Pixabay)

Per una corretta diagnosi il veterinario effettuerà al cane degli esami specifici per escludere altre malattie. Tra questi esami troviamo:

  • Ecografia
  • Ecocardiogramma
  • Raggi X

Tali esami servono a rilevare eventuali tachicardie o aritmie nel nostro amico peloso e lo spessore del suo cuore. Una volta accertatosi della presenza di cardiomiopatia dilatativa nel cane lo specialista prescriverà il giusto trattamento.

Trattamento

Il trattamento di questa patologia consiste nell’assunzione di vari farmaci utili per l’aumento del pompaggio del sangue. Inoltre il veterinario potrebbe prescrivere al cane dei diuretici per ridurre i liquidi nel tessuto.

Non vi è una vera e propria cura per questa patologia, ma può essere solo gestita a seconda della causa che l’ha provocata. Non avendo una cura, è molto importante la prevenzione. Per questo motivo è necessario che il vostro amico peloso faccia visite periodiche dal veterinario.

Marianna Durante