Home Cani Salute dei Cani Malattie più comuni dell’American Foxhound: quali sono, cause e cure possibili

Malattie più comuni dell’American Foxhound: quali sono, cause e cure possibili

Quali sono le malattie più comuni dell’American Foxhound e come riconoscerle? Tutto quello che c’è da sapere su come migliorare (quando possibile) la sua salute.

American Foxhound
(Foto Pixabay)

Per quanto possa stare bene in salute perché abituato a stare all’aria aperta e dunque alle intemperie, esistono malattie più comuni che colpiscono l’American Foxhound: dobbiamo fare attenzione a riconoscere i primi segnali e, sapendo di questa sua ‘inclinazione a svilupparle’, tenerlo sempre sotto controllo dal veterinario. Ma quali sono queste patologie così frequenti in questa razza? Tutto ciò che c’è da sapere su di esse (e come curarle).

American Foxhound: com’è la sua salute?

Possiamo stare tranquilli: tendenzialmente è un cane sano, abituato a stare all’aria aperte e a sopportare sia il caldo sia il freddo senza gravi conseguenze sulla sua salute.

Alimentazione dell'American Foxhound
(Foto Pixabay)

Ciò grazie al pelo che lo proteggere contro il cattivo tempo e il clima più rigido, così come nel periodo più caldo dell’anno. Inoltre un American Foxhound dovrebbe sempre avere la possibilità di fare esercizio fisico, magari all’aria aperta: ciò significa che, grazie allo sport, si mantiene sempre in forma (almeno non tende ad ingrassare).

Malattie più comuni dell’American Foxhound: quali sono, sintomi e cure

Ma allora quali sono quelle patologie che sembrano quasi ‘inevitabili’ per gli esemplari di questa razza? Ovviamente non è una certezza matematica (per fortuna) ma almeno si spera che possiamo accorgerci subito dei primi sintomi per correre ai ripari.

Le malattie più comuni dell’American Foxhound sono generalmente quattro:

la malattia di Lyme,

la trombocitopenia,

la displasia dell’anca,

l’otite.

Malattia di Lyme: sintomi, cause e cure

Questa patologia ha un periodo di incubazione piuttosto lungo (fino a 5 mesi) e può manifestarsi dopo questo tempo con segnali importanti come:

American Foxhound
(Foto AdobeStock)
  • febbre alta,
  • inappetenza,
  • difficoltà a deambulare,
  • dolori muscolari,
  • linfonodi ingrossati,
  • stato di apatia e letargia.

Si sviluppa a causa di un batterio, il Borrelia burgdorferi, che staziona nei roditori e che attacca il cane come ospite occasionale.

Per fortuna esistono dei metodi preventivi: dai prodotti repellenti anti-zecche alla vaccinazione. Meglio frasi consigliare dal nostro veterinario di fiducia sull’applicazione di questi prodotti, in modo da garantire una copertura quanto più possibile completa al cane.

Potrebbe interessarti anche: Cosa dare (e non dare) mangiare all’American Foxhound

Trombocitopenia

E’ una malattia autoimmune che prevede una carenza di piastrine che, a sua volta, si traduce nel forte rischio di sviluppare emorragie. Non si sa molto sulle sue cause, ma pare che alcuni anticorpi agiscano contro le piastrine stesse.

Non è facile indicare con certezza quali sono gli altri sintomi, poiché potrebbe anche sembrare ‘invisibile’ come malattia. Per curarla c’è bisogno talvolta di trasfusioni; può essere utile anche l’uso di farmaci che stimolano la produzione di piastrine.

Displasia dell’anca del cane

Si tratta di una malattia congenita, ovvero una anomalia nella crescita dell’articolazione coxo-femorale: in pratica la testa del femore ‘esce fuori’ dalla cavità del bacino. Questo fattore provoca uno sfregamento di ossa che, oltre a causare grande dolore all’animale, non gli consente neppure di deambulare bene.

Noteremo i sintomi più importanti proprio osservando Fido come si muove: solitamente quando è malato zoppica, mostra rigidità nelle zampe, soffre di atrofia muscolare. Può perfino lamentarsi se gli tocchiamo la zona interessata. Come si cura? In realtà ci sono due possibili strade: la cura farmacologica o l’intervento chirurgico.

Potrebbe interessarti anche: Perché dovresti assolutamente adottare un American Foxhound (oppure no)

Otite

Se non siamo attenti e scrupolosi nella pulizia delle sue orecchie, rischiamo di compromettere uno dei cinque sensi del cane, pvvero l’udito con lo sviluppo di una otite.

Razze compatibili con l'American Foxhound
(Foto AdobeStock)

Quando sono sporche le cavità dell’orecchio ‘raccolgono’ sporcizia, polvere ed elementi esterni. Tutto ciò apporterà dei danni: non solo rischierà di non sentire più bene ma è probabile che non riesca neppure a deambulare correttamente.

Qualche piccola accortezza, come il coprirgli le orecchie con un para-orecchie quando fa freddo e naturalmente non trascurare la sua pulizia, possono aiutare a prevenirla.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino