Home Cani Salute dei Cani Malattie più comuni nell’Alano: quali sono e come si possono prevenire

Malattie più comuni nell’Alano: quali sono e come si possono prevenire

Alcune malattie si manifestano di più in alcune razze di cani rispetto ad altre. Quali sono quelle più comuni nell’Alano e come prevenirle?

Malattie più comuni nell'Alano
(Foto da Pixabay)

La taglia gigante di questo cane potrebbe farci pensare che non sia predisposto né possa soffrire di nessuna patologia. Invece è una razza di cane molto fragile di salute, bisogna prendersene molta cura. Quali sono le malattie più comuni nell’Alano e come si possono prevenire?

La salute dell’Alano

Il fatto che abbia uno sviluppo veloce, spesso è per questo cane motivo dell’insorgenza di malattie a cui è predisposto.

Alano
(Foto da Pixabay)

Se, infatti, ci fossero dei deficit nutrizionali nei primi anni della crescita, il cane potrebbe sviluppare dei problemi ossei od alle articolazioni.

Alcune malattie sono ereditarie, vengono fatti dei test appositi per rilevarne la predisposizione e migliorarne la razza:

  • All’anca: per evidenziare predisposizione alla displasia all’anca;
  • Al gomito: per evidenziare predisposizione alla lassità di questa articolazione;
  • Agli occhi: per evidenziare predisposizione al glaucoma;
  • Al cuore: per evidenziare predisposizione a cardiomiopatie.

Gli organi maggiormente colpiti da malattie nell’Alano sono ossa, cuore, stomaco ed occhi: per alcune patologie non è possibile fare delle analisi preventive.

Le malattie che colpiscono le ossa in questa razza di cane sono:

  • Panosteite: è un’infiammazione che colpisce tutto l’apparato osseo (dal greco “pan” -tutto-);
  • Osteocondrosi;
  • Osteodistrofia;
  • Artrosi;
  • Sindrome di Wobbler;
  • Displasia all’anca;
  • Osteosarcoma.

Le malattie che colpiscono il cuore ed i muscoli nell’Alano sono:

  • Miastenia e tremori muscolari;
  • Cardiomiopatia dilatativa;
  • Aritmia;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Cardiopatia infettiva: è causata da filariosi e leishmaniosi.

Allo stomaco il cane potrebbe soffrire di sindrome di dilatazione e torsione gastrica: vomito, bava eccessiva, agitazione e successivi problemi respiratori ne sono i sintomi.

Le malattie che colpiscono gli occhi nell’Alano sono:

  • Entropion;
  • Ectropion;
  • Deviazione della terza palpebra con infiammazione della ghiandola;
  • Cataratta;
  • Arrossamento della congiuntiva.

Bisogna osservare bene il nostro cane già da cucciolo: è nel periodo di crescita che si manifesta la maggior parte delle malattie.

Altre, però, potrebbero colpire l’Alano in età adulta: da anziano potrà subire le conseguenze di quanto ha vissuto durante la sua vita ed avere, dunque, determinati problemi di salute.

Potrebbe interessarti anche: Come curare il pelo e l’igiene dell’Alano: bagno e toelettatura

Come prevenire le malattie nell’Alano e consigli

Se ben curato, l’Alano può arrivare a vivere anche 10 anni: tuttavia raramente riesce a superarli, anche se alcuni esemplari sono arrivati ai 12 anni di età.

Alano
(Foto da Pinterest)

Si sa, le taglie di cane più sono grandi e meno aspettative di vita hanno: molto dipende dalla qualità della vita vissuta.

È chiaro, un conto sarebbe trascorrere 10 anni di vita tra divano, giardino, cuccia e letto ed un conto è passarli al freddo di una cuccia in montagna.

Nonostante l’Alano sia una razza di cane tedesca, non resisterebbe a temperature troppo basse e ne soffrirebbe tanto.

Non è un cane dalla robustezza dell’Akita Americano, non potrebbe rotolarsi sulla neve a pancia in sù felice e beato.

L’Alano, infatti, non ha il sottopelo e già da cucciolo ha bisogno di cure ed accortezze: d’altronde è uno di famiglia ed è giusto che abbia una sua poltrona in casa.

Abbiamo già detto che prendersi cura di questo cane significa preoccuparsene già dalla nascita: somministrare vitamina D al cane e calcio già da cucciolo lo aiuterebbe nello sviluppo di ossa ed articolazioni.

Non solo, si è dimostrato che molte malattie a cui si potrebbe essere predisposti non si sviluppano o si sviluppano tardi, nonostante un evento scatenante, se il livello di questa vitamina nel sangue è alto.

Infatti un’altra predisposizione dell’Alano è quella di rischiare di soffrire di Tiroidite di Hashimoto: è una malattia autoimmune infida e sarebbe ideale poterla diagnosticare ai suoi inizi.

Oltre ad osservare sempre bene il nostro cane, per poterne eventualmente rilevare ogni minima variazione nei comportamenti, ciò su cui bisogna fare tanta attenzione è la sua alimentazione.

È una razza di cane molto delicata, dal punto di vista della salute, ed a volte il suo carattere estroso non lo aiuta.

L’Alano tende a fiondarsi sulla sua ciotola e divorare tutto quello che vi ritrova: mangerebbe ad ogni ora del giorno.

Occorre dargli delle regole sin da cucciolo per il suo bene: piccoli pasti più volte al giorno allontanerebbero il rischio di torsione gastrica nel cane.

Da adulto potrebbe non digerire più determinati alimenti, ed è bene eliminarli dai suoi pasti e controllare sulle etichette se fossero presenti anche nel cibo industriale.

Non è raro che, con lo svezzamento, l’Alano possa non riuscire più ad assumere il latte: si sviluppa un’intolleranza al lattosio nel cane che, però, riesce ad consumare derivati del latte stagionati o senza lattosio.

Certo, volendo esserne sicuri, il veterinario ci prescriverà dei test allergologici per il cane che comprendano magari anche altri alimenti.

Questo cagnolone è talmente socievole che si metterebbe a correre anche dietro ad una zanzara pensando sia farfalla.

Ma è opportuno che mettiamo sul suo manto un repellente per gli insetti: quella zanzarina potrebbe pungerlo e causare la leishmaniosi nel cane.

I rischi sarebbero tanti e quelli maggiori andrebbero a colpire il cuore, un organo vitale per noi quanto per Scooby-Doo.

Potrebbe interessarti anche: Dieta corretta per l’Alano: alimenti più idonei ed alimenti da evitare

Con un Alano in casa di certo non ci si annoierebbe mai, ma dobbiamo essere consapevoli delle sue esigenze e dei suoi possibili problemi di salute a cui andrebbe incontro: potremmo garantirgli così il massimo del benessere.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

S. A.