Home Cani Salute dei Cani Patologie genetiche più comuni nel Pastore tedesco

Patologie genetiche più comuni nel Pastore tedesco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05
CONDIVIDI

Il cane da pastore tedesco, quando allevato e selezionato in maniera appropriata, gode di buona salute. Ciò nonostante presenta svariati punti critici

Coppia di pastori tedeschi
Come tutti i cani di taglia grande anche il Pastore tedesco è soggetto a diverse patologie (Foto Unsplash)

Forte e potente il Pastore tedesco è considerato un cane robusto e dalla buona muscolatura. Ciò nonostante può essere soggetto a pesanti degenerazioni e malformazioni soprattutto agli arti. Dalla più lieve seppur problematica displasia dell’anca e del ginocchio alla più subdola mielopatia degenerativa che può portare alla paralisi parziale dell’animale.

Anche lo stomaco può essere soggetto a torsioni e mal posizionamenti a causa di gas presenti al suo interno. Inoltre, questa razza è particolarmente sensibile a problemi cutanei di diverso genere che possono condurre alla perdita di pelo e a fastidiosi pruriti.

Potrebbe interessarti anche: Cani di razza e patologie congenite

Patologie genetiche più comuni nel Pastore tedesco: displasia dell’anca e del ginocchio

Pastore tedesco in corsa
Limitare gli sforzi negli esemplari giovani può essere un ottimo metodo preventivo contro le displasie (Foto Unsplash)

Quando notate nel vostro Pastore tedesco una diffusa mancanza di solidità durante la deambulazione, che generalmente si manifesta con una leggera oscillazione della schiena e in un’andatura più lenta, sappiate che il rischio di displasia dell’anca è concreto.

Di norma si presenta a partire dai 5 o 6 mesi di età ed in questa razza degenera molto più facilmente in osteoartrosi. Quest’ultima è una degenerazione permanente della cartilagine articolare a livello degenerativo. L’animale, a causa di questo processo degenerativo proverà un dolore ancora più acuto e tenderà a sovraccaricare la parte anteriore, liberando la parte posteriore.

Ci sono ottimi esercizi per prevenire la displasia dell’anca canina. La displasia può colpire anche il ginocchio traducendosi in una lussazione della rotula e del gomito determinata da uno sviluppo anomalo dell’articolazione. La prevenzione in questo tipo di malattia è fondamentale ed è opportuno non sforzare troppo nei movimenti l’animale, soprattutto durante il primo anno e mezzo di vita.

La pericolosa progressività della mielopatia degenerativa

Pastore tedesco
La mielopatia degenerativa può portare ad una parziale paralisi degli arti di questa razza (Foto Unsplash)

Anche il midollo spinale nel Pastore tedesco può essere soggetto ad un processo degenerativo che sfocia nella DM, acronimo di mielopatia degenerativa. A essere compromesse saranno le zampe posteriori che saranno interessate inizialmente da una lieve incoordinazione motoria, che poi generalmente peggiora in una paraparesi progressiva fino a sfociare in una totale incapacità dell’esemplare di stazionare sulle sue quattro zampe.

A spaventare è il carattere progressivo e cronico della patologia che si rivela spesso subdola. Può essere paragonata alla SLA umana. Di solito si manifesta in questa razza dopo gli 8 anni e le prime avvisaglie sono il trascinamento quasi impercettibile di un solo arto posteriore. Un’apparente goffaggine nel cane che nasconde problematiche ben più impegnative. Essendo di carattere degenerativo, si può purtroppo solo ritardare con l’assunzione di farmaci specifici e vitamine.

Potrebbe interessarti anche: Artrite e displasia: come alleviare il dolore all’anca in maniera naturale

Patologie genetiche più comuni nel Pastore tedesco: la torsione gastrica

Pastore tedesco che beve
La salivazione eccessiva è uno dei possibili sintomi della torsione gastrica (Foto Unsplash)

Una delle cause principali della GDV, torsione gastrica, conosciuta anche più semplicemente come gonfiore addominale, è un eccessivo moto dopo i pasti. Si manifesta generalmente nelle razze di taglia grossa e di sesso maschile. Lo stomaco si dilata, a volte torcendosi su stesso, per via dei gas presenti al suo interno.

Il cane apparirà gonfio all’altezza dello stomaco e percepirà dolore quando tenteremo di maneggiarlo sulla parte interessata. Tra gli altri sintomi possono verificarsi tosse, aritmia cardiaca e salivazione eccessiva. Per ovviare l’avvento di questa fastidiosa patologica gastrica i veterinari consigliano di alimentare il cane due volte al giorno per non sovraccaricare lo stomaco inutilmente.

Le fragilità cutanee

Pastore tedesco sdraiato
Ulcerazioni, foruncoli e piaghe sono spesso riscontrabili sulla cute dei Pastori tedeschi (Foto Unsplash)

Il Pastore tedesco è inoltre interessato a diverse patologie cutanee. La più dolorosa e fastidiosa è la piodermite, malattia batterica che provoca piaghe, pus e foruncoli che si dimostrano particolarmente penosi in fase di deambulazione. L’origine di questa patologia è l’eccesso di umidità.

Anche i comuni eczemi interessano spesso la pelle di questa razza provocando pruriti, la possibile perdita di pelo e in alcuni casi anche lesioni e croste dovute all’eccessivo grattare. La dermatite atopica è un’altra malattia della pelle assai comune in questa specie dalle origini tedesche.

Di carattere allergica, vede gli esemplari reagire in maniera eccessiva ad alcuni elementi ambientali comuni come piume, muffe e acari. Caratterizzata sempre da un forte prurito può portare il cane a procurasi serie ulcerazioni.

Potrebbe interessarti anche: Rumori dallo stomaco del cane: cosa significano e quando preoccuparsi

Patologie genetiche più comuni nel Pastore tedesco: la diarrea cronica

Esemplare di pastore tedesco
La diarrea cronica interessa più frequentemente i cani maschi di taglia grossa (Foto Unsplash)

La diarrea cronica può essere recidiva, cioè manifestarsi con una certa frequenza a ritmi regolari, o può essere un fenomeno ricorrente che si manifesta anche per tre settimane di fila. In questa patologia di cui ancora oggi non si conoscono le cause, il sistema immunitario del cane tende a impazzire smettendo di tollerare gli antigeni alimentari e i batteri della flora intestinale.

Tutto ciò provoca una brutta infiammazione, caratterizzata dalla espulsione di feci acquose ed esplosive, talvolta si può notare che le stesse sono ricoperte da sangue o muco. Accompagnata spesso da vomito, se trascurata può condurre ad una forte disidratazione, una perdita di peso importante e un peggioramento estetico e tattile del manto del cane.

Un’alimentazione corretta nel cane in diarrea generalmente aiuta a migliorare la situazione.

C.F