Home Cani Salute dei Cani Pressione alta nel cane: sintomi, cause e rimedi all’ipertensione canina

Pressione alta nel cane: sintomi, cause e rimedi all’ipertensione canina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05
CONDIVIDI

Anche il nostro amico a quattro zampe può soffrire di ipertensione? Eco come riconoscere i segnali della pressione alta nel cane e cosa fare.

Pressione alta nel cane
Pressione alta nel cane: come misurarla e riconoscere i sintomi (Foto AdobeStock)

Sia negli umani sia negli animali le anomalie della pressione sanguigna possono provocare diversi problemi. Le conseguenze infatti di un abbassamento (ipotensione) o innalzamento del volume del sangue possono essere anche piuttosto gravi e coinvolgere una serie di organi e apparati. Vediamo dunque come riconoscere i segnali della pressione alta nel cane, cosa può provocarli e cosa fare in caso di ipertensione nel cane. Inoltre qualche consiglio su come misurare la pressione arteriosa in maniera sicura e affidabile.

Potrebbe interessarti ancheIl cane può donare sangue: come farlo, a chi rivolgersi, quali regole seguire

Pressione alta nel cane: cosa significa

Elettrocardiogramma con cane
Elettrocardiogramma con cane (Foto Pixabay)

Pur non essendo medici o veterinari, ci sarà capitato spesso di sentir parlare di pressione alta (o bassa), ma sappiamo effettivamente cosa significa questa dicitura? Prima di tutto è importante soffermarsi sulla funzione dell’organo vitale per eccellenza: il cuore (Leggi qui: Cane cardiopatico: idee per la salute del cuore di Fido). Grazie a quest’ultimo infatti sangue, ossigeno ed elementi nutrienti raggiungono gli altri organi e tessuti del corpo. Grazie alla ‘spinta’ potente del cuore, che è in grado appunto di ‘pompare’ sangue, l’organismo resta in vita. Lo sforzo che compie il cuore per pompare sangue è detto appunto ‘pressione sanguigna’.

La pressione si valuta solitamente secondo due parametri: sistolica (quando il sangue viene pompato dal cuore verso l’interno del corpo) e diastolica (quando il cuore si ‘ferma’ per poi riprendere a pompare nuovamente). Nel caso del cane l’ipertensione può essere di due tipi, che andremo ad analizzare singolarmente: ipertensione arteriosa primaria o ipertensione arteriosa secondaria (molto più frequente).

Pressione arteriosa primaria o secondaria: differenze e conseguenze

Il primo tipo, detto anche ‘essenziale’ o ‘idiopatica’ è molto comune tra gli umani ma non negli animali. Esso si distingue dal secondo tipo (quella secondaria appunto) per il fatto di essere senza causa apparente, ed è proprio questo fattore che la rende molto rara negli animali. Essi infatti soffrono in grandissima maggioranza del secondo tipo di pressione arteriosa, le cui conseguenze possono abbattersi su più organi fino a condurre alla morte dell’animale.

Pressione alta nel cane: cause e conseguenze

Pressione alta nel cane
Pressione alta nel cane: cosa può fare il veterinario (Foto AdobeStock)

Cosa può causare un aumento della pressione sanguigna nel cane? Dato che spesso si tratta di un problema preciso che ha tra le sue conseguenze l’ipertensione, vediamo quali sono i fattori scatenanti più comuni:

  • insufficienza renale cronica,
  • diabete,
  • tumore cerebrale,
  • sindrome di Cushing,
  • utilizzo di alcuni farmaci (cortisteroidi, ciclosporina, eritropoietina),
  • ipertiroidismo,
  • ipotiroidismo etc.

E poi ci sono alcuni fattori che ‘predispongono’ il cane più di altri ad avere problemi di pressione alta, e sono: età, sesso e peso. Il rischio aumenta con il passare degli anni; i maschi della specie e alcune razze, come i levrieri, sono più predisposti e l’aumento di peso.

Per quanto riguarda le conseguenze, esse riguardano sia l’apparato cardiovascolare, quello renale, deficit alla vista del cane (cecità per distacco della retina ed emorragie) e all’apparato neurologico (con possibile demenza, emorragia e convulsioni).

I sintomi della pressione alta nel cane e come misurarla

Se nel caso della pressione arteriosa primaria è difficile riconoscere i sintomi, nel caso della secondaria invece ci sono alcuni segnali importanti che non devono essere sottovalutati. Essi sono naturalmente sono ‘ ‘campanelli d’allarme’ di una situazione che dovrà essere confermata dal nostro veterinario di fiducia per una vera e propria diagnosi. Un cane che soffre di pressione alta può presentare questi problemi.

  • Apparato oculare: emorragia del bulbo oculare, distacco della retina, dilatazione delle pupille, cecità e nistagmo.
  • Apparato renale: reni rimpiccioliti o allargati, tracce di sangue nelle urine.
  • Apparato cardiovascolare e altro: soffio al cuore, perdita di sangue dal naso, ghiandola tiroidea ingrandita.
  • Segnali generali: disorientamento, assenza di coordinazione nel movimento, paralisi e convulsioni.

Per misurare la pressione solitamente si utilizza uno strumento specifico, oscillometrico, che la rileva dall’arto anteriore alla base della coda. Esso è simile a quello usato per la pressione dell’uomo e consente di misurare la pressione sistolica, la diastolica e la frequenza cardiaca. Lo strumento è associato ad un software molto preciso, che consente di escludere tutti gli elementi e i fattori che potrebbero alterarne i valori. Si consiglia di tenere sotto controllo la pressione arteriosa negli esemplari malati, anziani o in sovrappeso. Lo schema dei valori della media dovrebbe essere:

  • Cani di piccola taglia: 123-149 (sistolica) e 57-91 (diastolica);
  • cani di taglia media: 117-145  (sist.) e 63-87 (diast.);
  • cani di taglia grossa: 109-139 (sist.) e 58-82 (diast.).

Prevenzione e cure

Veterinario
Cane a visita dal veterinario (Foto Pixabay)

Se il benessere parte dall’alimentazione, allora è lì che dobbiamo partire. Bisogna somministrare al cane cibi sani e in quantità adeguate. Magari preferiamo una dieta fatta in casa e nella scelta degli alimenti non lasciamoci trascinare solo dalla mera logica del risparmio economico. Ad una buona alimentazione dobbiamo associare un regolare esercizio fisico e motorio (Leggi qui: Alimentazione del cane: da cucciolo, adulto, anziano e in gravidanza). Oltre a questi due fattori, dobbiamo fare attenzione anche a rispettare il calendario delle visite e delle vaccinazioni.

Se il medico riscontra con certezza un problema di pressione alta nel cane, è probabile che prescriva alcuni farmaci atti a tenerla sotto controllo. Siccome nella maggioranza dei casi si tratta di pressione alta secondaria, e dunque dovuta ad uno specifico problema, l’esperto si preoccuperà di curare la causa scatenante. In alcuni casi sarà necessario il ricovero del cane o un cambio di alimentazione e delle sue abitudini di vita, ma naturalmente ciò dipende dalla singola situazione.

Francesca Ciardiello