Home Cani Salute dei Cani Trombocitosi nel cane: classificazione, cause, sintomi e rimedi della patologia

Trombocitosi nel cane: classificazione, cause, sintomi e rimedi della patologia

La trombocitosi è un disturbo della circolazione sanguigna, la quale, se non trattata correttamente, può perfino condurre il cane alla morte.

Trombocitosi nel cane
(Foto Adobe Stock)

Più che una patologia, la trombocitosi è un’anomalia, dovuta a sua volta all’insorgenza di una malattia nell’organismo, e può colpire anche il cane. Il disturbo non va sottovalutato; se non curato, attraverso il preventivo accertamento della causa scatenante, può avere esito fatale per l’animale. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Definizione, classificazione e cause del disturbo

Non è propriamente corretto definire la trombocitosi come una malattia; è più consono parlare di disturbo, o meglio ancora anomalia, dovuta di norma – questo sì – ad un’altra patologia che affligge l’animale.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

Ed è un’anomalia che riguarda la circolazione sanguigna; più precisamente la capacità del sangue di coagularsi in modo corretto.

E questo perché il numero di piastrine presente nel sangue del cane è troppo alto (si consideri che il valore ordinario massimo di piastrine per mmc – millimetro cubo – deve essere 510000).

La trombocitosi può avere la sua origine in un’altra malattia affliggente l’organismo del cane (spesso causata dal rilascio di adrenalina), ma può essere dovuta anche a disidratazione, infezioni batteriche, problemi gastrointestinali, carenza di ferro.

Anche un cane stressato può soffrire di trombocitosi, che si distingue in due tipologie:

  • primaria: conosciuta anche come leucemia cronica delle piastrine, rara malattia diagnosticata per esclusione (ovvero escludendo le cause precedentemente viste);
  • secondaria: è il tipo di trombocitosi che raccoglie tutte le cause più comuni, che, come visto, costituiscono un ampio ventaglio.

 Ipokaliemia nel cane: cause, sintomi e trattamento

I sintomi della trombocitosi nel cane

Non è semplice accertare o anche solo sospettare che il cane soffra di trombocitosi sulla base dei soli sintomi, in particolare per chi non abbia alcuna particolare competenza nella branca della medicina veterinaria.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

E questo anche perché la sintomatologia che va a caratterizzare l’anomalia è comune a diverse patologie.

Tra i sintomi principali annoveriamo:

  • Sangue nelle feci
  • Perdita di peso
  • Anemia cronica
  • Letargia
  • Gonfiore addominale

Potrebbe interessarti anche: Il cane vomita sangue: cause e rimedi per l’ematemesi nei cani

Come si cura

In presenza dei suddetti sintomi è necessario recarsi con tempestività dal proprio veterinario di fiducia, che procederà alle analisi del caso.

cane dal veterinario
(Foto Pinterest)

Una volta accertato da un semplice emocromo che il numero delle piastrine del cane è troppo alto, il professionista dovrà diagnosticare la causa da cui ha avuto origine la trombocitosi.

Pertanto il trattamento terapeutico varierà a seconda della patologia alla base dell’anomalia sanguigna, fermo restando la possibile somministrazione di farmaci. Ovviamente mai improvvisarsi esperti, sostituendosi al proprio veterinario; non intraprendiamo iniziative senza averlo prima consultato.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.