Home Cani Perché il cane agita le zampe nel sonno, scodinzola e si muove...

Perché il cane agita le zampe nel sonno, scodinzola e si muove molto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:49
CONDIVIDI

Mentre il cane dorme, spesso lo vediamo che si muove di scatto, agita le zampe, sembra agitarsi nel sonno. Cosa significa? Può essere un problema?

Perché il cane agita le zampe nel sonno
Perché il cane agita le zampe nel sonno e si agita tanto? (Foto Flickr)

Se stiamo ad osservare il nostro cane mentre dorme, e notiamo che improvvisamente muove le zampe, si contrae di scatto, magari si agita completamente. Ma non è qualcosa di raro, e non dovrebbe essere un problema di cui preoccuparci. In rari casi, però, se il nostro cane agita le zampe nel sonno potrebbe anche essere il segno di una malattia o una condizione medica nascosta. Abbiamo quindi bisogno di capire se c’è davvero motivo di cui preoccuparsi, magari grazie all’aiuto di un esperto veterinario o comportamentalista.

Potrebbe interessarti anche: Il cane dorme più del solito: possibili cause e quando preoccuparsi

Perché i cani mentre dormono si agitano?

Come dorme il cane
I cani sognano come gli esseri umani, e si muovono nel sonno. (Foto Pixabay)

Secondo gli esperti, i cani si muovono molto durante il sonno perché sognano. E soprattutto, questi episodi sono un comportamento normale di solito, di cui non dobbiamo preoccuparci. I nostri amici a quattro zampe, infatti, hanno un normale ciclo REM del sonno (proprio come gli esseri umani), in cui sognano.

Se nel loro sogno stanno giocando con il loro adorato padrone umano, se stanno inseguendo un gatto, se stanno correndo allegri in un parco, si agiteranno e avranno dei movimenti muscolari molto evidenti, proprio come succederebbe ad una persona che ha un sogno molto vivido.

Il cane che agita le zampe nel sonno è solitamente particolarmente giovane o anziano, almeno secondo le ricerche. Gli occhi dietro le palpebre chiuse si muovono durante la fase REM del sonno, in cui sogniamo, ed i muscoli che muovono i nostri corpi vengono messi in fase di riposo (o rischieremmo di fare tutti i movimenti del nostro sogno!).

Questi “interruttori” per spegnere i muscoli sono posti in una parte molto antica del cervello, i cosiddetti “ponti”. Sono due, e si trovano sul tronco cerebrale, in alto. Se uno o anche entrambi non sono del tutto sviluppati (nei cuccioli, ad esempio) o sono indeboliti per l’età (nei cani anziani, invece), potrebbero non riuscire a spegnere del tutto i muscoli.

Per questo, il movimento del cane sarà legato alla qualità del lavoro che riescono a fare i ponti. Il livello di attività diurna del cane, però, non è legato alla frequenza con cui durante il sonno avvengono tali episodi. Non è chiaro inoltre, perché i cuccioli si muovono di più: forse sognano di più rispetto ai cani adulti.

I sogni dei cani

perché il cane dorme a pancia in su
I cani sognano spesso, in base alle loro dimensioni. (Foto AdobeStock)

Un cane di taglia media, secondo le ricerche, sogna circa ogni 20 minuti, con un sogno della durata di circa un minuto. Possiamo notare che il sogno è in arrivo, se osserviamo il nostro animaletto, quando la sua respirazione diventa irregolare, e notiamo che gli occhi si muovono dietro le palpebre chiuse. La fase REM infatti, prende il nome da “Movimenti Rapidi degli Occhi” (Rapid Eye Movement).

A seconda delle dimensioni del nostro cane, cambiano frequenza e lunghezza dei sogni. Un cane più grande ha meno sogni, ma più lunghi, rispetto a un cane di dimensioni minori. I cani più piccoli, ad esempio il carlino, tende ad avere un sogno di meno di 30 secondi ogni 10 minuti. Un cane grande come un San Bernardo sognerà ogni 45 minuti, con una durata di 4 minuti.

Ed è solo durante questi momenti di sogno, durante la fase REM, che noteremo questi episodi in cui il nostro cane agita le zampe nel sonno, si muove a scatti, e sembra quasi correre sul posto.

Potrebbe interessarti anche: Come dorme il cane? Le posizioni del suo sonno ci parlano di Fido

Quando c’è da preoccuparsi?

Prendere la temperatura al cane
In alcuni casi, dobbiamo far visitare il nostro cane. (Screenshot Instagram)

In generale, abbiamo detto, se il cane agita le zampe nel sonno non dobbiamo preoccuparci. Ma ci sono alcuni casi particolari, in cui potrebbe essere un segno di condizioni di salute sottostanti, o se le contrazioni iniziano addirittura a creare problemi al sonno del nostro pelosetto.

Anche i cani possono soffrire di disturbi del sonno (ad esempio la narcolessia), quindi se pensiamo che gli episodi di movimento ci sembrano eccessivi, dovremmo parlarne con il nostro veterinario. Un episodio occasionale non è niente di grave, ma se il nostro cane arriva a non riuscire più a dormire perché viene svegliato troppo spesso da questi scatti muscolari, potrebbero esserci dei problemi più seri.

Se addirittura questi scatti e movimenti si verificano in un cane anche da sveglio, in modo troppo frequente, lo dovremmo far visitare allo stesso modo dal nostro veterinario di fiducia. Una serie di contrazioni eccessive potrebbe nascondere una condizione neuromuscolare, come uno squilibrio elettrolitico (solitamente a causa della malnutrizione), attività convulsiva, o paralisi da zecca.

Solitamente, il cane agita le zampe nel sonno quando dorme sul fianco, muovendo un po’ le zampe (quasi come se fossero dei remi di una barca), e con qualche saltello. Magari fa anche qualche lieve rumore mentre è disteso, ma sarà tutto nella normalità.

Se invece, il tanto agitarsi scuote tutto il suo corpo, ha le convulsioni, perde il controllo dei suoi bisogni, sbava o schiuma, o addirittura vomita, allora dobbiamo preoccuparci. Se proviamo a svegliarlo durante uno di questi episodi, e sembra stordito o non si sveglia, allora potrebbe esserci un vero problema.

Dobbiamo sempre controllare questi episodi di agitazione del nostro cane, e verificare che restiamo nella normalità. Se invece notiamo qualcosa di preoccupante, dobbiamo verificare con il nostro veterinario (che prescriverà delle analisi del sangue, di solito) che non ci siano problemi seri. Anche un esame fisico e neurologico potrebbe aiutare nella diagnosi.

F. B.