Home Cani Come capire se il cane ha caldo: cosa è importante sapere su...

Come capire se il cane ha caldo: cosa è importante sapere su fido

Come capire se il cane ha caldo e rischia di stare male? Ci sono dei sintomi precisi a cui fare attenzione. Vediamo di quali si tratta e come intervenire per proteggere fido.

Come capire se il cane ha caldo
(Foto Unsplash)

Durante l’estate non si può rinunciare alle passeggiate e ai giochi con l’amico a quattro zampe anche sulla spiaggia. La compagnia di fido al mare dona tanto benessere e anche lui è molto felice. Ma ci sono delle responsabilità e degli accorgimenti da prendere se si vuole portare l’animale domestico al mare. Vediamo, qui, come capire se il cane ha caldo e cosa fare a riguardo.

Come capire se il cane ha caldo: i sintomi importanti

Quando fido è esposto al sole e alle alte temperature, può soffrirne molto, con il rischio di danneggiare la sua salute all’improvviso. Leggiamo, nello specifico, quali sono i segnali e i sintomi del surriscaldamento nel peloso domestico.

Amico peloso sulla sabbia
(Foto Pexels)

L’estate è una stagione fantastica per trascorrere ancora più tempo in compagnia del proprio bau.

Nelle lunghe giornate calde e spensierate, si ha l’opportunità di viaggiare e di allontanarsi spesso, raggiungendo luoghi di natura, come la montagna o il mare.

In questi contesti nuovi e particolari, sotto tanto sole e vivendo le temperature altissime, il cane deve essere protetto e bisogna fare attenzione che viva bene durante le ore fuori casa.

Soprattutto quando si va con il cane al mare, bisogna fare in modo che viva in serenità e totale sicurezza.

La salute del peloso è molto delicata e, nei mesi estivi e con il caldo intenso, si fa più fatica a mantenere equilibrio nel suo benessere psicofisico.

Ma come capire se il cane ha caldo ed evitare, quindi, potenziali problemi? Continuiamo a leggere qui di seguito.

Segnali e sintomi di surriscaldamento

Con le temperature molto elevate, c’è il rischio di un colpo di calore nel cane in estate.

Fido non può regolare la sua temperatura corporea, eliminando il sudore tramite i cuscinetti delle zampe e il ventre, e poi inizia ad ansimare.

Il cane avvisa subito il suo padrone del surriscaldamento, con sintomi e comportamenti inequivocabili, tra cui i seguenti:

  • Ansimare continuo;
  • Respirazione accelerata;
  • Irrequietezza;
  • Battito cardiaco accelerato;
  • Salivazione eccessiva;
  • Il cane ha la diarrea;
  • Possibilità di vomito;
  • Temperatura del corpo elevata, ovvero superiore ai 42°C. La temperatura di fido deve essere compresa tra i 37°C e i 39°C.
  • Il cane trema e sembra stia per svenire;
  • Disidratazione nel cane.

Occorre sapere, inoltre, che esistono delle razze canine predisposte al colpo di calore e a soffrire di più in estate.

Parliamo di cani sofferenti di malattie cardiache, di obesità, particolarmente deboli e delle razze canine brachicefale, che non reagiscono bene alle alte temperature, come Terranova, Boxer, Carlino, Collie e San Bernardo.

Potrebbe interessarti anche: Come camminare con il cane sulla spiaggia: tutto ciò che c’è da sapere

Fido e i rischi del sole: come intervenire

É difficile non notare i sintomi di surriscaldamento di cui sopra nel proprio cane. Per evitare danni gravi a fido, è importante intervenire subito e non commettere errori comuni. Vediamo come agire in aiuto dell’animale.

Cane dorme sulla sabbia
(Foto Pixabay)

I segnali di troppo caldo nel cane sono evidenti e la prima cosa da fare, per evitare svenimento, colpo di calore e danni molto seri, è portarlo via subito.

Per il surriscaldamento sotto il sole, infatti, possono verificarsi conseguenze gravi quali la perdita di sali e zuccheri, emorragia gastrointestinale, insufficienza epatica e l’insufficienza renale nel cane. Quando fa molto caldo è meglio evitare alcuni luoghi.

L’intervento del suo padrone deve essere immediato, in quanto il cane può rischiare un collasso e le convulsioni, quindi entrare in coma e, purtroppo, perdere la vita.

Non lasciamo mai fido chiuso in macchina nelle ore più calde e non deve essere esposto al sole e neanche all’ombra durante le temperature elevate.

Per ristabilire la giusta temperatura corporea nel cane è essenziale recarsi il prima possibile nella clinica veterinaria, perché potrebbe verificarsi ipotermia nel cane a causa dello sbalzo di calore.

Ma qualora non fosse possibile recarsi dal veterinario sarà nostra responsabilità intervenire nel modo corretto per salvare bau. Leggiamo come agire.

Come capire se il cane ha caldo: il metodo per salvarlo

Innanzitutto, bisogna posizionarsi in un posto fresco, lontano da qualsiasi fonte di calore. Utilizzando anche un piccolo ventilatore, fido potrà riprendere a respirare.

É bene sapere di non dargli mai da bere, perché poiché assetato, il peloso può rischiare di strozzarsi. Si può inumidire la bocca e dopo un po’ dargli piccoli sorsi di acqua.

Con un panno imbevuto di acqua fredda (non gelata) iniziamo a tamponare la testa, il collo, il ventre, il torace e le zampe.

La temperatura del corpo dell’animale dovrà scendere fino a 39°C. Il cane impiegherà un po’ di tempo per adattarsi e, poi, riprendersi. Per cui è necessario tenerlo sotto osservazione e andare dal veterinario, se i sintomi dovessero persistere.