Home Curiosita Curiosità sulle megattere: cosa non sapevamo sui giganti dei mari

Curiosità sulle megattere: cosa non sapevamo sui giganti dei mari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:43
CONDIVIDI

Tra i giganti del mare, le balene sono molto famose e amate da tutti. Una specie particolare, le megattere, è molto particolare e può soddisfare la nostra curiosità.

curiosità megattere balene
Curiosità sulle megattere (Foto Flickr)

La megattera è un maestoso cetaceo, che si nutre di plancton e comunica con i suoi simili con dei misteriosi canti. Vive sia in acque polari che in acque tropicali, soprattutto nell’Oceano Atlantico, Pacifico e Artico, ed è la più grandi fra i cetacei. Infatti, mediamente è lunga 13 metri, ma le femmine – più grandi dei maschi – possono arrivare anche a 19 metri di lunghezza. Le megattere sono note per i loro canti, che possono durare anche ore, intervallando brevi pause per respirare. Ma ci sono molte informazioni particolari su questi giganti del mare, che andiamo a scoprire insieme.

Curiosità sulle megattere

megattera megattere balena
La megattera: scopriamo qualcosa di più (Foto Pinterest)

Da dove viene il nome “megattera”?

Le megattere prendono il nome, probabilmente, dall’evidente gobba davanti alla loro piccola pinna dorsale. Rispetto a quelli di altre balene e delfini, questa pinna dorsale è piccola e tozza. Questa gobba viene enfatizzata quando si alzano e piegano la schiena in preparazione per un’immersione.

Quanto sono grandi le megattere?

Le megattere crescono tra i 15 e i 19 metri di lunghezza (circa le dimensioni di un autobus) e pesano circa 40 tonnellate. Una delle loro caratteristiche più evidenti e distintive sono le pinne pettorali lunghe e dall’aspetto sgraziato. Questi possono crescere fino a quasi 5 metri di lunghezza, rendendole le pinne più lunghe di qualsiasi balena.

Questa caratteristica è collegata nel loro nome latino, Megaptera novaeangliae, che significa “grande ala del New England”. Sebbene possano sembrare eccessivamente lunghe e ingombranti, gli scienziati hanno scoperto che in realtà sono molto idrodinamiche e ben adattate alla manovrabilità.

Cosa mangia la megattera?

curiosità megattera balena
La megattera non ha denti, ma fanoni. (Foto Flickr)

Le megattere sono Misticeti, il che significa che hanno un sistema di alimentazione tramite un filtro specializzato all’interno della loro bocca. Filtrano il loro cibo attraverso i fanoni, che sono costituiti da spazzole sfrangiate che crescono in file dalla mascella superiore al posto dei denti.

Prendono enormi sorsate d’acqua nella loro bocca, quindi spingono l’acqua attraverso i fanoni, intrappolando le loro prede all’interno. La loro dieta è principalmente costituita da krill – piccoli crostacei – così come altri piccoli invertebrati, ma può anche includere piccoli pesci di branco come acciughe, sardine e sgombri.

Alcune balene megattere usano un ingegnoso metodo cooperativo per intrappolare i pesci chiamati “bolle d’aria”. Queste balene si immergono al di sotto di un branco di pesci, poi risalgono a spirale verso l’alto soffiando bolle d’aria mentre nuotano. Quando queste bolle salgono verso l’alto, disorientano e intrappolano i pesce in una sfera stretta. Le balene possono quindi nuotare rapidamente verso l’alto nel branco, e deglutire un boccone concentrato di pesci. Questo comportamento viene spesso eseguito in gruppi e si pensa che venga appreso piuttosto che essere istintivo, poiché alcuni gruppi sanno come farlo e altri no.

Quanto vivono le megattere?

megattera enorme balena
La megattera vive fino a 50 o 80 anni, non è ben noto. (Foto Flickr)

Poiché non hanno denti che potrebbero essere utilizzati per stimare la loro età, è difficile sapere per quanto tempo possono vivere. Alcune stime dicono che hanno una durata di circa 50 anni, mentre altri sostengono che possono arrivare fino a 80.

Dove si possono trovare?

Le megattere si trovano in tutti gli oceani del mondo, ma sono maggiormente concentrate in una fascia che va dal bordo del ghiaccio dell’Antartico fino a 81°N di latitudine. Dove possono essere trovate comunemente dipende anche dalla temperatura e dal periodo dell’anno: in estate molte trascorrono il loro tempo in aree di alimentazione ad alta latitudine, come il Golfo dell’Alaska o il Golfo del Maine, mentre in inverno possono essere trovate nelle acque più calde vicino all’equatore.

Sono a rischio di estinzione?

atletica tuffo balena
Un’atletica megattera: questi animali sono a rischio. (Foto Flickr)

La caccia intensiva nel corso dei secoli da parte dell’industria della caccia alle balene ha fortemente ridotto le popolazioni di megattere, in modo tale che la popolazione di queste balene nell’Atlantico sud occidentale è scesa a circa 450 individui. Si stima che almeno trecentomila individui siano state uccise in tutto il mondo.

Sono state messe in atto protezioni negli anni ’60, e nel 1985 è stato attivato un divieto assoluto di caccia commerciale alle balene (anche se alcuni paesi continuano a cacciare le balene con il pretesto di “caccia scientifica alla balena”). Dopo il divieto, le popolazioni di megattere si sono costantemente riprese. In modo incoraggiante, uno studio recentemente pubblicato ha riportato un significativo aumento della popolazione, con l’attuale numero nell’Atlantico sud occidentale vicino a ben 25.000 balene, una stima ottima perché vicina ai numeri precedenti alle baleniere.

Anche se nel 1988 le megattere sono state classificate come in pericolo, sono attualmente classificate come “meno preoccupanti” in quanto a pericolo di estinzione. Sono comunque ancora minacciate dalla caccia nella Groenlandia occidentale e nel mar dei Caraibi in  Bequia, St. Vincent e Grenadine, anche a causa delle collisioni con le navi e del ritrovarsi intrappolate in attrezzi da pesca.

Le megattere vivono in gruppi sociali?

Le megattere non vivono in affiatati gruppi sociali, bensì viaggiano da sole o in gruppi transitori di due o tre individui (i cosiddetti “pod”), che si sciolgono dopo poche ore, sebbene siano state osservate associazioni a lungo termine.

Potrebbero però riunirsi più a lungo per cacciare e nutrirsi, ad esempio quando cooperano insieme come descritto sopra, o quando i maschi si uniscono in “gruppi competitivi” attorno a una femmina per cercare di accoppiarsi con lei.

Come si riproduce la megattera?

coda balena
La coda di una megattera (Foto Flickr)

Le megattere hanno rituali di corteggiamento abbastanza complessi, che si svolgono durante i mesi invernali. Prima che questi possano iniziare, tuttavia, le balene devono prima riunirsi nelle calde acque riproduttive equatoriali, viaggiando spesso a migliaia di miglia dai loro campi di alimentazione estiva per trovare un partner.

Una volta arrivati, i maschi devono guadagnare il diritto di accoppiarsi con una femmina, e ciò comporta spesso una forte concorrenza. I maschi non imparentati si uniscono per accoppiarsi con le femmine della coda e si combattono intorno, violando, schiaffeggiando con la coda e caricandosi l’un l’altro. In tal modo sperano di impressionare la femmina con il loro dominio e la loro forza. La maggior parte di questi combattimenti è solo per mostrare la loro potenza, ed è raro che i maschi si causino reciprocamente gravi danni fisici.

Anche il canto ha un ruolo nella riproduzione. Si pensa che i maschi usino queste canzoni per attrarre la femmina e per mostrare il dominio. Può anche avere un ruolo importante nell’indurre estro nelle femmine.

Una volta che si è verificato l’accoppiamento, il periodo di gestazione per le balene femmine è di 11,5 mesi. Una volta nati, i cuccioli sono lunghi tra 3 e 4,5 m, e pesano fino a una tonnellata.

Queste balene comunicano?

Le megattere sono famose per i loro richiami inquietanti ed evocativi, delle vere e proprie “canzoni”. Queste complesse sequenze di lamenti, ululati e pianti possono durare per ore e percorrere vaste distanze attraverso l’oceano. L’esatta funzione delle canzoni per la megattera non è nota, ma ci sono molte teorie.

Poiché è il maschio che produce le canzoni lunghe e complesse (le femmine hanno vocalizzazioni più brevi), e queste sono prodotte durante la stagione riproduttiva, si ipotizza che possano funzionare per attrarre le femmine. Potrebbe anche essere una sfida per gli altri maschi. Ancora, un’altra teoria è che abbia una funzione ecologica, cioè funge da sonar, in modo che le balene possano “vedere” e navigare nel loro ambiente.

Le megattere usano anche grugniti, gemiti e sbuffi per comunicare tra loro, e si sa che i cuccioli “sussurrano” alle loro madri, usando toni bassi che possono essere ascoltati solo a breve distanza. Questo può aiutarli a evitare predatori e grandi maschi. 

Sono pericolose?

atletica tuffo balena
Un’atletica megattera (Foto Flickr)

Le megattere sono per natura animali per lo più delicati e non aggressivi, quindi è molto improbabile che facciano del male a un essere umano. Sono comunque molto grandi e curiosi, e a volte si avvicinano alle barche.

A causa delle loro tendenze acrobatiche, è possibile per loro urtare e colpire le barche, e nel 2015 c’è stato un caso di una donna canadese che è stata uccisa quando una megattera violenta è atterrata sulla barca da snorkeling che stava utilizzando. Ciò è tuttavia estremamente raro, in quanto le megattere tendono a essere consapevoli dell’ambiente circostante, e ad evitare il contatto diretto con barche e nuotatori umani.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello