Home Curiosita Caprioli, alci, cervi e renne: le specie di cervidi nel mondo

Caprioli, alci, cervi e renne: le specie di cervidi nel mondo

Quando parliamo di cervi, solitamente parliamo di un solo tipo di questi animali. Ma in realtà esistono molte specie di cervidi in tutto il mondo. Tutte molto interessanti.

cervo cervidi specie
Esistono molte specie di cervidi al mondo. (Foto Pinterest)

“Cervo” è un nome generico per diverse specie di mammiferi della famiglia dei cervidi. Alcuni di loro, come il daino, sono molto comuni in tutto il mondo. Altri, come il cervo dalla coda bianca (o cervo della Virginia) e la renna, o il caribù delle regioni più settentrionali, sono animali caratteristici di una particolare area. Conosciuti per le loro maestose corna e l’aspetto nobile e gentile, le diverse specie di cervidi in tutto il mondo condividono molte caratteristiche in comune, ma ci sono vari modi per differenziarle.

I cervi artici e subartici

alce americano moose
L’alce americano. (Foto Pexels)

Le alci e i wapiti

L’habitat principale dell’alce americana sono le foreste dell’emisfero settentrionale, da quelle temperate a quelle subartiche. Si trova in Alaska, in Canada e nell’angolo nord-orientale degli USA. In Eurasia, le alci vivono in Scandinavia, Finlandia, repubbliche baltiche, sparse un po’ in tutta la Russia, fino al lato orientale, nella parte settentrionale della Cina.

Le alci non vivono in branchi; sono invece animali solitari e calmi. Sono animali diurni e non pascolano, preferiscono infatti foglie e germogli. Questa specie è il più grande tipo di cervo al mondo; le alci adulte possono raggiungere 2,1 metri di altezza: la sottospecie più alta è l’alce d’Alaska. Le corna medie di un alce maschio sono larghe circa 1,5 metri e sono larghe e piatte; le alci femmine non hanno invece le corna.

wapiti
Il wapiti (Foto Flickr)

I wapiti sono originari dell’Asia orientale e del Nord America e vivono nelle catene montuose, specialmente nelle foreste. I wapiti vivono in branchi composti da individui dello stesso sesso. Questi cervidi migrano verso sud quando arriva l’inverno.

Sebbene non siano grandi come le alci, anche i wapiti sono tra i più grandi tipi di cervi. I maschi sono molto più grandi delle femmine; mentre i maschi degli alci possono arrivare a 1,5 metri e avere corna di circa 1,2 metri di lunghezza, le femmine raggiungono solo 1,3 metri, e non hanno corna.

Le renne (o caribù)

Le renne (chiamate anche caribù) vivono nelle catene montuose, nelle foreste boreali e nelle tundre delle regioni artiche e subartiche dell’Eurasia e del Nord America, anche a latitudini più elevate rispetto alle alci. Sono una specie vulnerabile, ma sono molto popolari in quanto sono gli animali che tradizionalmente tirano la slitta di Babbo Natale. Le renne vivono in grandi branchi e migrano da medie a grandi distanze durante l’anno.

Le renne sono grandi animali, all’incirca delle stesse dimensioni delle alci, ma anche le femmine hanno le corna. Raggiungono i 1,5 metri, anche se spostandosi più a nord, l’altezza diminuisce. Le corna di alcuni maschi delle renne possono raggiungere anche i 1,35 metri di lunghezza.

Cervi d’Europa

daino daini cervi
Il daino, un cervide originario dell’Europa. (Foto Pixabay)

I daini

I daini sono più piccoli e tipici dei climi più caldi, e comprendono la sottospecie del daino persiano. I daini possono essere riconosciuti dal loro manto color castagna con chiazze bianche, anche se alcuni individui sono neri o bianchi, e il loro mantello diventa più scuro in inverno. Sono originari dell’Europa occidentale, ma al giorno d’oggi sono stati introdotti in molte parti diverse del mondo.

A differenza delle alci, i daini sono animali da pascolo, e trascorrono le loro giornate mangiando erba nelle praterie e nei boschi aperti. Vivono in branchi, che possono raggiungere popolazioni di oltre cento elementi. I daini femmine sono più piccoli dei maschi e non hanno le corna, e misurano fino a 85 cm di altezza, mentre i maschi raggiungono i 95 cm e le loro corna hanno circa la stessa lunghezza. I daini hanno corna diverse rispetto ai cervi dalla coda rossa o bianca, perché sono larghe e piatte come quelle delle alci.

I caprioli

capriolo cerbiatto
Il capriolo (Foto Flickr)

I caprioli europei sono più piccoli e grigi dei daini. Il loro manto ha delle sfumature rossastre, più evidenti in estate. Un’altra differenza tra daini e caprioli è che mentre i daini hanno una notevole striscia nera sulla coda, le code dei caprioli sono appena visibili. E come i daini, i caprioli sono originari dell’Europa occidentale, ma a differenza delle alci, non raggiungono le regioni più settentrionali.

I caprioli sono tra le più piccole specie di cervidi di ​​tutto il mondo: i maschi adulti raramente superano i 75 cm, e le corna del maschio raggiungono al massimo i 25 cm. Uno dei tratti più riconoscibili dei caprioli è che le loro corna ricominciano a crescere non appena vengono tagliate.

Cervi dell’Asia

Il sambar indiano
Il sambar indiano (Foto Pixabay)

Anche se le alci e i wapiti sono originari dell’Asia, esistono alcune specie di cervidi che si trovano solo in quel continente. Sono i seguenti:

  • Barasinga: questo cervo si trova in India e Nepal, dove vive in branchi di medie dimensioni in praterie e montagne. I barasinga hanno un’altezza di 120 cm e le corna del maschio misurano circa 75 cm di lunghezza. Possono essere riconosciuti dal loro mantello giallastro e perché hanno più di tre punte nelle loro corna.
  • Sambar indiano: questa specie si può trovare dal sud-est asiatico fino al subcontinente indiano occidentale, dove vivono in grandi branchi in fitte foreste di tutti i tipi. I Sambar sono piuttosto grandi, poiché raggiungono i 160 cm e le corna del maschio possono raggiungere i 110 cm: sono i più grandi tra i cervi asiatici, senza contare le alci.
  • Il sambar dalla criniera: un cervo originario dell’Indonesia; vive nelle savane e nelle foreste da secche a miste. I sambar di Giava sono più piccoli dei Sambar indiani, ma le loro orecchie e le corna sembrano più grandi.
  • Il cervo delle Filippine: come si evince dal nome, è una specie di cervidi originari delle Filippine. Vivono in praterie e foreste ed il loro habitat è attualmente minacciato, quindi sono stati introdotti in altre aree del mondo. Questo cervo filippino raggiunge solo i 70 cm di altezza, ma le corna dei maschi sono lunghe fino a 40 cm.
  • Il cervo maculato delle Visayas: un cervo in via di estinzione originario delle isole Visayas delle Filippine. Vivono nelle foreste pluviali e sono piuttosto piccoli, con un’altezza di 80 cm. Questo cervo può essere riconosciuto dalle macchie color crema sulla schiena. I maschi hanno corna piuttosto corte.
  • Muntjak: questo genere comprende 12 specie di cervidi sparse in tutta l’Asia meridionale, dall’Himalaya all’Indonesia, e sono stati introdotti anche in Gran Bretagna. Questi cervi sono piccoli e le corna dei maschi sono molto corte.
  • Cervo dal ciuffo: questa specie di cervo quasi minacciata è facilmente riconoscibile da tutte le altre, a causa delle sue piccole dimensioni (70 cm di altezza), il mantello grigiastro con un ciuffo nero sulla parte superiore della testa e le zanne del maschio. È originario della Cina e del Myanmar, dove abita le foreste delle catene montuose.
  • Capriolo d’acqua: questa specie è originaria della Cina e della Corea, dove abita nelle praterie e paludi vicino a fonti d’acqua, infatti come suggerisce il nome, questi cervi sono eccellenti nuotatori. I caprioli d’acqua sono il tipo più piccolo di cervo asiatico, raggiungendo solo 55 cm, ma hanno zanne impressionanti, più lunghe di quelle dei cervi dal ciuffo e non hanno le corna.

Cervus: una specie di cervidi particolare

cervo rosso
Il cervo rosso (Foto Flickr)

Il cervo nobile (o cervo rosso, o cervo europeo) e il cervo sika (o cervo shika, o cervo del Giappone) appartengono allo stesso genere, quello di Cervus. Tuttavia, mentre il cervo rosso si trova in tutta l’Eurasia e nel nord dell’Africa, i cervi sika sono solo in Giappone. Sono facilmente distinguibili, poiché i cervi sika mantengono il loro mantello maculato fino all’età adulta, a differenza dei cervi rossi.

I cervi rossi

I cervi rossi sono tra i tipi di cervi più diffusi, tanto che sono le uniche specie di cervidi che possiamo trovare in Africa. E anche se sono nativi delle montagne dell’Eurasia e del Nord Africa, sono stati introdotti anche in America e Oceania. Vivono in grandi branchi di un solo sesso, che si incontrano nella stagione degli amori; alcune di queste mandrie superano addirittura i 3000 esemplari.

Questi cervi sono tra i più grandi, sebbene siano più piccoli delle alci e dei sambar: raggiungono un’altezza di circa 130 cm; il cervo rosso dei Carpazi è il più grande di tutti. Solo i maschi hanno le corna, che possono misurare 115 cm di lunghezza; e i maschi di alcune sottospecie di cervo hanno una specie di criniera intorno al collo.

I cervi sika 

I cervi sika si trovano principalmente in Giappone, anche se una volta si trovavano in varie aree dell’Asia orientale; oggi piccoli gruppi isolati vivono ancora in Russia, Cina e Vietnam. Tuttavia, sono stati introdotti in Europa, Nord America e Nuova Zelanda, dove sono stati allevati e mescolati con i cervi rossi.

I cervi sika sono più piccoli dei cervi nobili o dei sambar, ma più grandi di altri cervi dell’Asia orientale come i cervi dal ciuffo o i caprioli d’acqua. Raggiungono un’altezza di 110 cm e mentre i cervi maschi hanno delle corna a palchi che possono raggiungere gli 80 cm, le femmine presentano brevi protuberanze nere sulla fronte.

I cervi del Nord America

cervo dalla coda bianca specie di cervidi
Il cervo dalla coda bianca, originario del Nord America. (Foto Pinterest)

Anche se alcuni cervi di cui abbiamo già parlato si trovano in Nord America, due di loro sono originari di quel continente: il cervo mulo e il cervo dalla coda bianca o cervo della Virginia.

I cervi muli possono essere riconosciuti dalle loro orecchie grandi e lunghe, simili a quelle dei muli. Hanno la capacità di saltare, come le gazzelle, con tutte e quattro le gambe contemporaneamente in aria. I cervi dalla coda bianca invece sono noti per la loro coda, che è completamente bianca nella parte inferiore. Il cervo dalla coda bianca è l’emblema di molti stati negli Stati Uniti, ed è anche popolare grazie al film Disney “Bambi”.

I cervi muli

I cervi muli abitano le praterie, le macchia, i deserti e le catene montuose inferiori del lato occidentale del Messico, degli Stati Uniti e del Canada. Esistono diverse sottospecie di cervi muli; possono essere solitari o vivere in piccoli gruppi. Raggiungono un’altezza di 105 cm, e sono in media più grandi dei cervi dalla coda bianca. A differenza di altri cervi, le corna del maschio crescono verso l’alto e non in avanti.

I cervi dalla coda bianca

La gamma del cervo dalla coda bianca è molto più grande di quella del cervo mulo; vivono nella parte orientale del Nord America, ma anche in tutta l’America centrale e la costa settentrionale del Sud America; inoltre, sono stati introdotti in molti altri paesi. Di conseguenza, ci sono molte sottospecie di cervi dalla coda bianca diverse, che hanno dimensioni molto diverse.

I cervi dalla coda bianca hanno dimensioni variabili a seconda della sottospecie e dell’habitat. Più freddo è il clima, più sono grandi; il più grande cervo dalla coda bianca raggiunge i 120 cm, ma in generale sono più piccoli del cervo mulo. Le loro corna crescono leggermente in avanti e raggiungono i 65 cm di lunghezza.

Cervi del Sud America

pudu cervi piccoli specie di cervidi
Il pudu del Sud America (Foto Twitter)

Le specie di cervi native del Sud America sono le seguenti:

  • Cervo delle paludi: questa specie vulnerabile è la più grande tra i cervi sudamericani, ma di solito non supera i 130 cm. Vive vicino a fonti d’acqua come paludi e fiumi.
  • Pudú settentrionale: questo cervo in via di estinzione è il più piccolo del mondo. I pudú settentrionali vivono in alta quota, e misurano solo 35 cm e le loro corna all’indietro sono lunghe solo 6 cm.
  • Pudú meridionale: anche questo cervo in via di estinzione vive nelle Ande, ma alle quote più basse dell’Argentina e del Cile. È un po’ più grande del suo cugino del nord, con un’altezza di 45 cm e delle corna lunghe fino a 9 cm.
  • Huemul del nord o taruca: questa specie vulnerabile vive nelle Ande e raggiunge un’altezza di 80 cm e le corna del maschio sono lunghe 25 cm.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello