Home Gatti Salute dei Gatti Consigli per l’estate con il gatto: pensiamo alla sua sicurezza e felicità

Consigli per l’estate con il gatto: pensiamo alla sua sicurezza e felicità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07
CONDIVIDI

Come passare un’estate con il gatto che sia sicura, allegra e indimenticabile? Stando attenti ai pericoli più comuni della vita all’aperto e proteggendo il micio.

Come passare un’estate con il gatto in sicurezza e allegria
Come passare un’estate con il gatto in sicurezza e allegria (Foto AdobeStock)

Arriva l’estate, arrivano i mesi più caldi. Le temperature si alzano, e le abitudini cambiano: si vive di più all’aperto, c’è più tempo libero, magari abbiamo più occasioni di vivere la nostra socialità. E i nostri animali domestici, invece? Come per noi umani – o almeno per molti di noi – i mesi estivi possono essere stressanti per i gatti. D’altronde, anche loro soffrono il caldo. E proprio il calore può rendere questi mesi poco confortevoli, e i mici possono essere facilmente stressati dai cambiamenti nella routine, e dall’aumento dei visitatori domestici. Che sia giovane o vecchio, a pelo corto o a pelo lungo, ci sono varie cose a cui prestare attenzione per passare una bella estate con il gatto, al sicuro e senza problemi.

I pericoli estivi più comuni per i gatti

gatto
Quali sono i pericoli estivi più comuni per i gatti. (Foto AdobeStock)

Se viviamo l’estate con il gatto che abbiamo scelto come compagno di vita, i pericoli estivi cui stare attenti (almeno i più comuni) sono: il colpo di calore, la disidratazione e la sindrome del grattacielo. Ecco un elenco di possibili sintomi, se notiamo uno di essi dobbiamo contattare il nostro veterinario prima possibile.

  • Colpo di calore. I gatti sudano solo attraverso i loro piedi, quindi possono avere difficoltà a rinfrescarsi. Se la temperatura corporea interna aumenta troppo, possono subire un colpo di calore. I sintomi includono respiro ansimante, camminata barcollante, gengive molto rosse, irrequietezza e/o vomito. Se uno di questi segni si presenta, dovremmo portare il nostro gatto dal veterinario quanto prima.
  • Disidratazione. I gatti hanno una propensione naturale a bere poca acqua, quindi la disidratazione è un grosso rischio in estate. I sintomi di questa condizione includono: perdita di appetito, letargia, frequenza cardiaca elevata, secchezza delle fauci, depressione, occhi infossati, pelle meno elastica, respiro ansimante. Cerchiamo di far bere la quantità di acqua necessaria ogni giorno al nostro gatto.
  • Sindrome del grattacielo. Chiamata perché si presenta comunemente nei gatti che vivono in appartamenti, la sindrome dei grattacieli è un fenomeno in base al quale un gatto subisce lesioni dopo aver saltato o essere caduto da un’altezza considerevole. Di solito c’è un’aumentata incidenza della sindrome del grattacielo in estate, a causa del numero di finestre lasciate aperte e di balconi non schermati. E anche se il 90% dei gatti sopravvive a una caduta di questo tipo, può subire lesioni abbastanza gravi. Cerchiamo di lasciare al nostro gatto il suo spazio alla finestra, senza però metterlo in condizioni di pericolo.

Come proteggere il nostro gatto in estate

Svezzamento dei gattini
Proteggere il nostro micio in estate: cosa fare (Foto Pixabay)

Tutti i gatti, sia quelli che vivono all’interno di una casa che quelli che vivono all’esterno, devono rimanere freschi e idratati nei mesi estivi. È importante creare uno spazio a casa che si presta alle esigenze del gatto. Sarà infatti proprio il micio a cercare un po’ di fresco quando ne ha bisogno, basterà organizzarci un po’ per dargli tutto quello di cui ha bisogno.

  • Fornire acqua dolce. Durante l’estate, è importante che il nostro gatto abbia accesso illimitato all’acqua dolce. Le fontanelle per gatti possono essere un’ottima soluzione, in quanto forniscono acqua fresca filtrata, simile all’acqua di un rubinetto. Possiamo anche mettere alcuni cubetti di ghiaccio nella ciotola, per mantenere l’acqua fresca più a lungo. Dobbiamo però far attenzione a eventuali problemi in caso opposto, se il gatto beve anche troppa acqua.
  • Creiamo una zona di raffreddamento. I gatti gravitano naturalmente nella zona notte più comoda che riescono a trovare. Possiamo creare un letto rinfrescante, posizionando un pacchetto di verdure surgelate (piselli, ad esempio, più “comodi”) sotto una coperta o un copriletto per il gatto.
  • Teniamo fresco il gatto bagnandolo. Nei giorni molto caldi, i gatti possono anche surriscaldarsi troppo. Puliamo il gatto con un asciugamano o anche un panno fresco e umido, a intervalli di due ore; l’umidità agirà come una sorta di “muro” per il sudore. Sarà un modo per tenerlo fresco senza dargli troppo fastidio, come faremmo con un bagno vero e proprio.
  • Teniamo le finestre dei piani superiori chiuse. Per prevenire la sindrome del grattacielo, assicuriamoci che il nostro pelosetto non abbia accesso a finestre o balconi a eventuali piani superiori. Se ci sono finestre, installiamo delle zanzariere in modo sicuro per evitare fughe e cadute accidentali.

Come comportarsi d’estate con il gatto che vive all’aperto

Come passare un’estate con il gatto in sicurezza e allegria
Come comportarsi con un gatto da esterni? (Foto AdobeStock)

Poiché trascorrono molto tempo all’aperto e fuori casa, i gatti che vivono all’esterno sono più a rischio di infortuni e malattie estivi, rispetto ai loro simili che vivono in casa. Proprio per questo, dobbiamo comportarci in modo ancora più attento per prevenire ogni tipo di problema che può presentarsi in estate.

  • Prevenire le scottature. Proprio come gli umani, i gatti possono scottarsi al sole, in particolare quelli con pelliccia leggera e naso rosa. Nei giorni molto caldi, applichiamo una crema solare per gatti (possiamo chiedere maggiori informazioni al nostro veterinario) sulla punta delle orecchie e sulla parte superiore della testa.
  • Controlliamo le zampe del nostro gatto. Sentieri, cortili, strade e sabbia possono diventare estremamente caldi in estate. Se una superficie è troppo calda per essere calpestata, non è adatta al nostro gatto. Dobbiamo quindi controllare regolarmente le zampe del nostro animale domestico, per assicurarci che non siano state bruciate.
  • Creiamo un giardino sicuro per i gatti. Alcuni fertilizzanti da giardino, pellet per lumache e molte piante (come i gigli, ad esempio) sono tutte sostanze velenose per i gatti. Se il nostro pelosetto esce molto, cerchiamo di usare prodotti da giardino sicuri per i gatti. I giardini con erba gatta sono un altro ottimo modo per distrarre il nostro gatto da altre piante.
  • Fornire un po’ di ombra. Assicuriamoci di avere un’area esterna ombreggiata e confortevole, incluso un letto o un tappetino per gatti dove il micio potrà stare comodo e al fresco.
  • Parassiti. Durante l’estate, zecche, pulci, zanzare, mosche e altri insetti sono al culmine della loro diffusione. È una buona idea proteggere il nostro gatto dai parassiti ancor prima che inizi il caldo estivo.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.