Home Gatti Salute dei Gatti Mucocele salivare nel gatto: sintomi, cause e trattamento

Mucocele salivare nel gatto: sintomi, cause e trattamento

Il tuo amico peloso presenta un gonfiore sotto la mascella? Potrebbe trattarsi di mucocele salivare nel gatto. Vediamo insieme quali sono i sintomi e le cause.

mucocele salivare gatto
(Foto Pixabay)

Per prendersi cura del proprio amico peloso, è opportuno osservare attentamente quest’ultimo. Solo facendo attenzione ad eventuali sintomi o segni che può presentare il nostro Micio, possiamo capire se quest’ultimo sta male.

Infatti quando il nostro amico a quattro zampe presenta un gonfiore alle ghiandole salivari, molto probabilmente ha un mucocele salivare. Vediamo qui di seguito di cosa si tratta e quali sono gli altri sintomi da osservare.

Ghiandole salivari gonfie nel gatto: sintomi e cause

Quando una delle ghiandole salivari o il dotto salivare del gatto presenta qualche lesione, la saliva fuoriesce e si accumula nei tessuti limitrofi, formando così i mucoceli salivari.

gatto mascella gonfia
(Foto Pixabay)

Sebbene tale condizione sia rara nel felini, può pur sempre presentarsi e può colpire tutte le razze di gatto. Solitamente tale gonfiore non provoca dolore, se non quando è presente oltre al mucocele, anche un’infezione batterica secondaria.

Dacché il nostro amico a quattro zampe presenta molte ghiandole salivari, esistono 4 categorie di mucoceli salivari nel gatto:

  • Mucocele cervicale: condizione più comune che provoca gonfiore sotto la mascella del Micio;
  • Ranula mucocele: in questo caso il felino presenterà un gonfiore sotto la lingua;
  • Mucocele faringeo: condizione rara dove il gonfiore si presenta nella faringe del gatto;
  • Mucocele zigomatico: in questo caso si ha un gonfiore intorno all’occhio.

A seconda della ghiandola interessata, i sintomi possono essere diversi:

Come detto in precedenza, il gonfiore delle ghiandole salivari è causato da una lesione o un trauma. Anche se non ci sono conferme scientifiche, quest’ultimo può essere provocato da:

  • Ferita da un morso
  • Masticazione di oggetti appuntiti
  • Eccessivo allungamento del collo

Potrebbe interessarti anche: Salivazione e iperventilazione nel gatto: I disagi del trasportino

Mucocele salivare nel gatto: diagnosi e trattamento

Per diagnosticare il mucocele salivare nel gatto, lo specialista effettuerà un esame fisico a quest’ultimo.

gatto occhi
(Foto Adobe Stock)

L’esame consiste nel palpeggiare il gonfiore della zona interessata, il quale se causato da un mucocele risulterà più morbido. Tuttavia per una corretta diagnosi è necessario l’agoaspirato.

Quest’ultimo è un esame che consiste nell’aspirare, appunto con un ago, il liquido presente nel gonfiore per accertare che sia saliva. Ciò perché il gonfiore in alcune zone può essere anche sintomo di ascessi o tumori.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto sbava: tutte le cause possibili della ipersalivazione

Il trattamento migliore per “eliminare” il problema, è ricorrere alla chirurgia, ossia asportare le ghiandole salivari interessate. Inoltre il veterinario potrebbe prescrivere al Micio antidolorifici in caso di dolore e antibiotici in caso di infezioni o per prevenire queste ultime.