Home Non solo Cani e Gatti Malattia metabolica ossea nel camaleonte: cause, sintomi e trattamento

Malattia metabolica ossea nel camaleonte: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59
CONDIVIDI

La malattia metabolica ossea nel camaleonte è una patologia scatenata da una cattiva alimentazione. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

Gli animali esotici come i camaleonti, sono animali domestici difficili.(Foto Pixabay)

Gli animali esotici come i camaleonti, sono animali domestici difficili, tra le altre cose, a causa delle loro pretese nutrizionali. Un’alimentazione sbagliata per questo rettile, è la causa più comune della malattia metabolica ossea nel camaleonte, che danneggia le ossa di questi rettili.

È il risultato di uno squilibrio di calcio / fosforo nel corpo che provoca una debolezza della struttura ossea. Molte delle malattie che colpiscono questi animali, compresa la malattia metabolica dell’osso, sono facili da prevenire se impariamo le esigenze del nostro animale domestico.

Le cause malattia metabolica ossea nel camaleonte

camaleonte malattia
Le origini della diffusione di questa patologia possono essere svariate.(Foto Pixabay)

Le origini della diffusione di questa patologia possono essere svariate: dalla predisposizione dei soggetti, ad una mancanza di informazione, ad errori di gestione. Questa malattia è dovuta maggiormente alla mancanza di calcio. Normalmente, questo è determinato dalla dieta, ma anche da carenze di vitamina D, dovute da errori di gestione da parte di chi li possiede, ossia da una cura sbagliata per il camaleonte.

In particolare, è dovuto ad un contrasto nella relazione tra calcio e fosforo, poiché sono equilibrati nel corpo. Una carenza di calcio può essere dovuta a un eccesso di fosforo. Il fatto è che il calcio viene estratto dalle ossa e quindi diventano molto deboli e finiscono per deformarsi.

Oltre alla mancanza di calcio e al fosforo in eccesso nella dieta, anche l’abbondanza di grasso può ridurre l’assorbimento del calcio. La mancanza di esposizione ai raggi UVA causa problemi di assorbimento del calcio da parte della vitamina D, quindi questa è un’altra causa. Un’altra causa comune di bassi livelli di calcio è la mancanza di vitamina D.

La vitamina D è essenziale per il metabolismo del calcio, permette l’assorbimento del calcio attraverso le membrane del duodeno, da dove viene trasportato in tutto il corpo. Il camaleonte può ottenere una piccola quantità di vitamina D dal cibo, la maggior parte di questa vitamina non l’assorbe bene.

Invece, i rettili hanno percorsi metabolici unici con i quali fanno la stragrande maggioranza di ciò di cui hanno bisogno. Il funzionamento di questi percorsi, richiede però un’esposizione regolare ai raggi UVA e UVB. Questo è il motivo per cui un’illuminazione inadeguata o insufficiente è spesso legata come causa di EOM.

Un altro problema comune che può contribuire a bassi livelli di calcio è una fonte di calore scarsa o inesistente. Le basse temperature possono ritardare e prevenire la digestione, diminuendo l’assorbimento del calcio.

Sintomi malattia metabolica ossea nel camaleonte

Si manifesta con infiammazione della mascella, l’area più evidente del gonfiore,(Foto Pixabay)

Questa malattia, che di solito si mostra negli animali giovani, si manifesta con infiammazione della mascella, questa è l’area più evidente del gonfiore, ma colpisce l’intero scheletro, mostrando rigonfiamento delle estremità, deformità delle dita e deviazioni della colonna vertebrale.

Ciò può causare problemi di movimento e persino fratture. Queste deformità e fratture sono più evidenti tanto maggiore è la demineralizzazione che subisce il nostro animale domestico. In questi casi è fondamentale portare il nostro camaleonte domestico dal veterinario, poiché un cambiamento nella dieta non è sufficiente. Nei casi cronici che richiedono molto tempo diventano molto visibili e rendono persino necessario l’uso di protesi a ruota.

Trattamento della malattia

camaleonte
Camaleonti trattamento malattia (Foto Pixabay)

Il trattamento più importante per la maggior parte dei casi di EOM (ad eccezione di quei casi secondari a una condizione medica preesistente) è la corretta amministrazione della patologia. Ciò include una dieta che accosta sostanze nutritive in frutta e verdura con fonti proteiche come grilli e vermi freschi per assicurare un’alimentazione equilibrata.

Gli integratori di calcio possono essere di aiuto e sono disponibili sotto forma di polvere, somministrandoli ricoprendo il cibo come gli insetti o ricoprirne la frutta e verdura. Anche la temperatura ha la sua importanza e devono essere giuste e variare in base alla specie.

Ma è importante che i rettili abbiano accesso alle aree calde dove “prendono il sole” e alle zone più fredde dell’ombra. Inoltre devono avere i diversi stadi di temperatura il giorno e la notte. Il camaleonte deve essere esposto quotidianamente alla luce UVA e UVB, nonché ai cicli di luce diurna e notturna.

I cicli di temperatura e luce dovrebbero essere basati sull’ambiente nativo della specie. I casi più gravi di EOM possono usufruire dell’assunzione di dosi orali di calcio glubionato o iniezioni di gluconato di calcio, sempre sotto controllo veterinario, a seguito di una dose adattata alle esigenze individuali. Quando i livelli di calcio nel sangue sono sufficienti, la calcitonina può essere somministrata per accelerare la deposizione di calcio nell’osso.

Consigli per un’alimentazione corretta

camaleonte mangia
Il camaleonte è un animale insettivoro, ama per lo più grilli e locuste.(Foto Pixabay)

L’alimentazione corretta per il proprio camaleonte tiene in considerazione alcuni fattori molto importanti. Il primo è l’umidità. Si perché questo rettile, per potersi nutrire correttamente ha bisogno di avere all’interno della teca un’umidità sempre alta, che gli dia la possibilità di rimanere idratato.

Per mantenere sempre costante la percentuale di umidità all’interno della teca, è possibile adattare un umidificatore che rilascia piccole quantità d’acqua sulle foglie, vaporizzando l’acqua internamente alla teca del camaleonte. Il secondo fattore sono gli insetti. Si alimenta principalmente di piccoli grilli e locuste che cattura con la sua caratteristica lingua viscosa.

Infatti il camaleonte è un animale insettivoro. È possibile trovare questi insetti da pasto in negozi specifici ed online (moltissimi e-commerce che vendono insetti da pasto in recipienti di cartone o di alluminio che si differenziano a seconda del numero di insetti).

Il terzo ed ultimo fattore sono gli integratori, questi ultimi sono veramente fondamentali per il camaleonte, infatti gli permettono di conservare le ossa ed i muscoli in perfetto stato. Gli integratori che generalmente si danno al camaleonte sono il calcio e la vitamina D3.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI