Home Non solo Cani e Gatti Quali sono i rettili? Origine, evoluzione e classificazione

Quali sono i rettili? Origine, evoluzione e classificazione

I rettili, animali dall’aspetto per qualcuno affascinante, per altri spaventoso, ma quali sono i rettili? In questo articolo andremo a conoscerne le origini.

rettili
Conquistarono la terra, trovandosi di fronte a un’incredibile varietà di ambienti diversi da colonizzare.(Foto Pixabay)

I rettili sono animali affascinanti in tutte le loro specie e ciò è dovuto non solo al loro aspetto, ma anche a tutto ciò che costituisce i diversi habitat naturali in cui vivono e al potere adattativo che hanno dimostrato nel tempo. Ma quali sono i rettili?

Origine ed evoluzione della specie

brontosaurus
Brontosauro: l’origine dei rettili.(Foto Pixabay)

I rettili sono apparsi sulla Terra 318 milioni di anni fa e furono la forma di vita predominante durante il Mesozoico (Triassico, Giurassico, Cretaceo), nella cosiddetta “Età dei dinosauri”. Gli studiosi hanno dedotto che siano nati in ambienti acquatici insieme ai pesci.

Sono stati i primi a cercare indipendenza dall’acqua insieme agli anfibi e abbandonano definitivamente l’acqua grazie alla loro modalità di riproduzione. E fu così che conquistarono la terra, trovandosi di fronte a un’incredibile varietà di ambienti diversi da colonizzare.

Iniziò così la diffusione sulla terra ferma in una probabile varietà di forme e dimensioni. Successivamente tornarono di nuovo in acqua dando vita a forme acquatiche come ittiosauri, plesiosauri e mesosauri.

Ma non solo, hanno anche cercato di conquistare l’aria e sono riusciti con le forme più strane come: i pterodattili, i rhamphorhynchus e i pteranodons. Alcuni di questi animali erano chiusi in corazze compatte, altri erano armati di piastre e speroni per difendersi dai predatori.

Alcuni camminavano a quattro zampe, come i brontosauri o come i canguri sulle loro uniche zampe posteriori, come gli iguanodon o i trachodon.

Erano presenti i triceratopo massicci accanto ai fini stiracosaurie monoclonio simile a un rinoceronte con un muso dal naso di corno e infine giganti vegetariani, come i diplodocus e i carnivori, come i tirannosauri.

Chi sono i rettili?

serpenti rettili
I serpenti non sono gli unici a cambiare pelle. (Foto Pixabay)

I rettili, sono un insieme di quadrupedi e vertebrati a sangue freddo, con una pelle rivestita di squame di cheratina, come caratteristica principale.

Anche se come abbiamo appena detto sono generalmente quadrupedi, alcune specie nel tempo hanno perso le gambe, come per esempio i serpenti, e altre hanno un guscio rigido integrato nello scheletro, come ad esempio le tartarughe.

Hanno inoltre il senso dell’olfatto molto sviluppato e nel caso dei serpenti un senso del tatto che consente loro di percepire le vibrazioni dal suolo. I rettili sono generalmente carnivori ma ci sono anche erbivori e onnivori.

Esistono comunque molte specie di rettili che si nutrono di insetti. In generale, i rettili insettivori hanno lingue lunghe e molto mobili per catturare le prede, come fanno i camaleonti. Inoltre, molte specie di lucertole si nutrono di mosche, piccoli ragni e formiche.

I rettili erbivori mangiano solo piante. Nonostante siano i meno numerosi, ce ne sono di diversi in tutto il mondo. La maggior parte dei rettili in ogni caso sono cacciatori e alcuni velenosi o costrittori, che li rendono animali esotici e non animali domestici.

Questi animali, hanno un apparato digerente semplice che è adattato per la decomposizione della carne, poiché sono principalmente predatori. La loro digestione è, tuttavia, molto più lenta che nei mammiferi, in parte perché non sono in grado di masticare il cibo e devono ingoiarlo in grandi pezzi.

I rettili hanno diverse caratteristiche comuni e uno di questi è il controllo termico. Ciò significa che possono controllare la temperatura corporea e adattarla al luogo in cui si trovano.

Per quanto riguarda la riproduzione, questa comporta la fecondazione interna della femmina da parte del maschio durante la copulazione, nonché lo scambio di gameti (cellule sessuali).

Successivamente, la femmina depone le uova, di solito in un nido che protegge ferocemente. i giovani, identici ai loro genitori ma più piccoli, senza la necessità di alcun tipo di metamorfosi.

Classificazione dei rettili

tartarughe aiuto bambini ricoverati
Fra i rettili abbiamo le tartarughe  (Foto Pixabay)

Esistono quattro grandi serie di rettili:

  • Tartarughe ( testudine ): sono esseri che si sono adattati agli habitat acquatici ma anche terrestri. Una caratteristica è la corazza ossea che li rende inconfondibili. Tale corazza si distingue in una parte superiore bombata detta “scudo” o “carapace”. Ai testudinati appartengono sia specie carnivore che vegetariane.
  • Squamati: sono l’ordine di rettili che comprende il maggior numero di specie e si possono suddividere in diversi sottordini: i Sauri (lucertole, gechi, camaleonti, iguane e varani); i Sauri senza zampe (apodi) che vengono spesso scambiati per serpenti: in realtà questi appartengono al sottordine degli Ofidi; le Anfisbene invece costituiscono un gruppo separato dagli altri squamati, in quanto simili a grossi lombrichi.
  • Loricati: sono un ordine di rettili che comprende animali dotati di una corazza di squame molto resistente, si tratta di coccodrilli, alligatori e gaviali.
  • Rincocefali: c’è un solo esponente vivente, in Nuova Zelanda, chiamato tuatara (Sphenodon punctatus). Esso viene considerato un “fossile vivente” in quanto si crede derivante da animali vissuti nel tardo Triassico. Il tuatara è stato “contemporaneo” dei dinosauri, i quali a loro volta sono classificati come rettili.

Molte specie di rettili sono oggi a rischio di scomparsa a causa dell’uomo. Tra questi riconosciamo i seguenti: Camaleonte nano, Iguana di Ricord, Lucertola gigante della Palma, Caimano di Orinoco, Tartaruga embricata e Coccodrillo cinese.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche: