Home Curiosita I sensi del topo domestico e dei ratti: vista, udito, olfatto, gusto,...

I sensi del topo domestico e dei ratti: vista, udito, olfatto, gusto, tatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:03
CONDIVIDI

Alcuni animali hanno sensi particolarmente sviluppati, quasi come dei superpoteri. I sensi del topo domestico (e non) sono particolari e veramente acuti.

I sensi del topo domestico
I sensi del topo domestico. (Foto AdobeStock)

I topi domestici sono roditori grigi o marroni con orecchie relativamente grandi e occhi piccoli. Un adulto pesa circa 15 grammi ed è lungo da 14 a 19 cm circa, compresa la coda da 7 a 10 cm. I topi hanno acuti sensi di gusto, udito, olfatto e tatto. Sono scalatori eccellenti e possono correre su qualsiasi superficie verticale ruvida. Possono correre orizzontalmente lungo cavi o funi e possono saltare in alto ad oltre 30 cm dal pavimento su una superficie piana. Possono anche scivolare dentro una fessura delle dimensioni di una matita (visibilmente più grande di 60 mm di diametro). Per una vita così impegnativa, i sensi del topo devono necessariamente essere ottimi.

I sensi dei topi e ratti

topolino domestico può bere acqua
I sensi del topo: come funzionano? (Foto AdobeStock)

I sensi nei ratti e nei topi hanno permesso loro di prosperare anche quando vivono in prossimità delle persone. Scopriamo come i sensi del topo, quali vista, udito, olfatto, gusto e tatto lo rendano un animale così efficace e formidabile, oltre a poter sfruttare questa conoscenza per avere una migliore comprensione di questi roditori, quando si hanno topi domestici.

Vista

Il topolino riconosce il padrone ed il suo nome?
La vista del topolino (Foto AdobeStock)

Poiché ratti e topi sono principalmente specie di prede e principalmente notturni, la loro vista si è evoluta di conseguenza. Hanno una vista piuttosto sfocata, ma hanno una buona percezione luce/buio che è un fattore molto importante quando si rileva il movimento dai predatori.

Contrariamente alla credenza popolare, i topi possono vedere a colori e distinguere la luce blu e verde, ma non sono in grado di percepire il rosso. Tuttavia hanno la capacità di vedere la luce ultravioletta e, poiché l’urina di roditori riflette la luce ultravioletta, si ritiene che questa capacità sia importante nella comunicazione tra questi animali.

Hanno anche la capacità di muovere gli occhi in modo indipendente, il che consente loro di tenere d’occhio il cielo in cerca di predatori. Sebbene la loro vista non possieda chiarezza puntuale o la vivida percezione del colore, è perfettamente adeguata all’ambiente in cui vivono. I sensi del topo sono in effetti totalmente programmati per il loro modo di vivere.

Udito

topolino domestico può bere acqua
L’udito del topo e dei ratti (Foto AdobeStock)

I ratti hanno un udito eccellente e possono rilevare l’audio nell’intervallo da 200Hz a 90.000Hz (i topi invece nell’intervallo che va da 100Hz a 90.000Hz). A titolo di confronto, gli umani possono ascoltare nell’intervallo da 20Hz a 20.000Hz. Ciò dimostra che i ratti non solo hanno una gamma più ampia di udito rispetto a noi, ma possono addirittura rilevare il suono ad ultrasuoni (oltre i 20.000Hz). 

Pertanto, questi roditori sentono molti più rumori ambientali di quanti ne percepiamo noi umani. I roditori possono anche comunicare con gli ultrasuoni, il che consente loro di trasmettere informazioni a potenziali compagni, fratelli e membri della colonia. Una capacità molto utile!

Si ritiene inoltre che gli ultrasuoni possano essere utilizzati come mezzo di navigazione o di rilevamento di prede, in modo simile ai pipistrelli che utilizzano l’ecolocalizzazione. Con questo in mente è sicuro di dire che i roditori ci possano sentire arrivare molto tempo prima che noi sappiamo che loro sono lì.

Olfatto

il topolino può mangiare cibo per gatti
L’olfatto del topo (Foto AdobeStock)

Tra i sensi del topo, questo è il più impressionante. Questo senso è molto sviluppato nei roditori e l’1% del loro intero DNA è dedicato ai recettori olfattivi. Il mondo degli odori dei roditori deve essere un posto molto diverso dal nostro, dove profumi di cibo, prede e predatori li bombardano costantemente di informazioni. 

I roditori hanno anche un altro organo di rilevamento degli odori chiamato organo vomeronasale (VNO), situato appena fuori dalla cavità nasale e che viene utilizzato principalmente nel rilevamento dei feromoni. Questi sono segnali chimici che ratti e topi si depositano nelle urine, nelle feci e nelle ghiandole odorifere, che forniscono informazioni come età, sesso, maturità, parentela ed è il VNO che interpreta questi segnali. Con un senso dell’olfatto così sviluppato, non sorprende che le nostre case e attività siano così attraenti per i roditori.

Gusto

sensi del topo
Il senso del gusto nel topo (Foto Abobe Stock)

Ratti e topi sono onnivori, e come tali mangiano una grande varietà di cibi diversi e incontrano costantemente nuovi potenziali alimenti. Ciò richiede la capacità di garantire che ciò che mangiano non sia tossico, malsano o immangiabile, e quindi il loro senso del gusto consente loro di identificare tutto ciò che non è beneficamente nutrizionale. 

I roditori possono percepire tutti e 5 i gusti: dolce, aspro, salato, amaro e umami (o gusto “saporito”, che indica nello specifico il sapore del glutammato). Sebbene ratti e topi possano mangiare una grande varietà di alimenti, hanno anche preferenze che possono essere trasmesse dalle loro madri: la dieta che la madre mangia, viene trasferita nel latte di cui i piccoli si nutrono.

Tatto

sensi del topo domestico può bere acqua
Il tatto dei topi (Foto AdobeStock)

Come per gli altri sensi del topo, anche lo sviluppo del tatto è molto legato alle abitudini di vita di ratti e topi. Questi roditori, essendo notturni, hanno sviluppato un senso estremamente acuto del tatto, che consente loro di formulare una mappa dettagliata del loro ambiente. 

I baffi (o vibrisse) dei roditori sono dei peli rigidi situati sul muso, che vengono costantemente spostati per rilevare movimento, consistenza e vibrazioni. Mentre il roditore si muove attorno al suo ambiente, la flessione delle vibrisse invia messaggi al cervello che consente loro di distinguere oggetti e ostacoli.

In effetti, questi roditori fanno molto più affidamento sul loro senso del tatto che sulla loro vista. I topi hanno anche dei peli di guardia, che sono ritti sulla loro pelliccia e inviano anche informazioni al cervello in risposta al tocco. Ratti e topi hanno una forte preferenza ad allinearsi alle superfici verticali come le giunzioni delle pareti o del pavimento, quando si muovono nel loro ambiente. Questo comportamento, chiamato Thigmotaxis si è probabilmente evoluto come strategia per evitare i predatori. 

Un altro modo in cui i roditori mappano il loro ambiente è mediante la memoria muscolare (cinestesi). È qui che i percorsi vengono appresi e ricordati, attraverso ripetuti movimenti muscolari e consente una rapida fuga in caso di necessità. A volte è facile supporre che altri animali percepiscano il mondo nello stesso modo in cui lo facciamo noi. Ma nel caso dei sensi del topo, molto deriva dalla loro vita, di possibili prede e di grandi esploratori.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.