Home Curiosita I pipistrelli ci insegnano lezioni di vita: dei veri supereroi in realtà

I pipistrelli ci insegnano lezioni di vita: dei veri supereroi in realtà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:33
CONDIVIDI

Non vediamo sempre di buon occhio alcuni animali, ma in realtà dovremmo: i pipistrelli ci insegnano tanto, in quanto a lezioni di vita. Dei veri supereroi notturni.

I pipistrelli ci insegnano lezioni di vita
I pipistrelli ci insegnano lezioni di vita (Foto Flickr)

Abbiamo tutti quel parente, per quanto distante, che riesce a imbrattare il buon nome della famiglia attraverso la sua malizia e misfatti. Per circa 1.200 specie di pipistrelli del mondo, sono i loro cugini di pipistrelli vampiri, sparsi in tutto il Sud America e il Sud America. Ma in realtà, solo tre specie di pipistrelli si nutrono effettivamente di sangue, le loro abitudini hanno generato secoli di miti e disinformazione. Di conseguenza, le persone non riescono a capire che i pipistrelli sono in realtà i bravi ragazzi. Scopriamo allora delle lezioni di vita che i pipistrelli ci insegnano.

I pipistrelli sono bravi ragazzi ambientalisti

Pipistrelli e malattie
Pipistrelli: difensori dell’ambiente. (Foto Pixabay)

Da grandi eroi quali sono, i pipistrelli sono saggi e disposti a condividere con noi umani tre importanti lezioni di vita. In cambio, sperano che non continueremo a ritenere l’intera famiglia dei pipistrelli responsabile di alcuni membri meno amichevoli. Prima di tutto, qualche consiglio per capire se abbiamo compagnia nel nostro attico

Se notiamo crepe attorno a finestre, tubi o cavi elettrici che sono larghi 8,5 mm o più, potremmo aver fatto entrare qualche ospite alato. I pipistrelli possono infatti infilarsi attraverso aperture così piccole. I segni che potremmo avere un nido di pipistrelli nella soffitta includono:

  • Odore di ammoniaca, dai rifiuti di pipistrelli accumulati
  • Escrementi fecali sotto i punti di entrata dei pipistrelli nell’edificio
  • Uno scolorimento oleoso di colore marrone scuro, vicino ai punti in cui possono entrare (prese d’aria, pannelli di rivestimento, ma anche il tetto e i camini)
  • Un suono costante di graffi o grattare, più evidente di notte.

Lo sfratto di questi animaletti richiede in genere un aiuto professionale. Non solo può essere illegale gestire in autonomia un lavoro di disinfestazione del genere, ma potremmo rischiare di fare del male a questi poveri pipistrelli.

Lezione 1: Aiuta gli altri, aiuta te stesso

Pipistrello
Pipistrello: aiuta gli altri per aiutare te stesso! (Foto Pixabay)

Senza i pipistrelli che ci aiutano (in modo del tutto involontario, probabilmente), potrebbe essere vero quanto segue:

  • Il virus del Nilo occidentale correrebbe in modo dilagante.
  • Avremmo meno rum e tequila, utili a volte per lavare via i nostri problemi.
  • Saremmo costretti a usare pesticidi più tossici sulle colture.

Quindi, quali ruoli utili svolgono i pipistrelli in tutte queste cose? Prima di tutto, i pipistrelli sono silenziosi supereroi dell’ecosistema. Una delle specie più abbondanti di mammiferi nel Nord America, i pipistrelli rappresentano circa il 20% di tutte le specie di mammiferi classificate nel mondo. Spesso, tuttavia, non ci rendiamo conto che i pipistrelli sono in giro ad aiutarci, perché sono animali notturni.

I pipistrelli offrono questi tre vantaggi chiave al nostro ecosistema ed alla nostra economia:

  • Consumo di insetti: i pipistrelli forniscono un’alternativa “verde” all’utilizzo di pesticidi tossici. Le zanzare diffondono il virus del Nilo occidentale, mentre altri parassiti possono infliggere incalcolabili danni alle colture agricole a livello economico. Ma la squadra dei pipistrelli ci viene in soccorso. Un singolo pipistrello può mangiare fino a 1.200 zanzare in un’ora. Una femmina incinta o in allattamento può consumare il proprio peso in insetti in una sola notte. Oltre alle zanzare, i pipistrelli divorano anche falene nocive alle colture, scarabei dei cetrioli e maggiolini, cimici e cavallette.
  • Impollinazione delle piante: si può dire che le api e gli uccelli fanno il turno di giorno, mentre i pipistrelli fanno il turno di notte. Fino a 500 piante tropicali si affidano ai pipistrelli per l’impollinazione. Ad esempio: mandorle, cacao, anacardi, datteri e fichi, banane, pesche, mango, zucchero di canna e agave.
  • Dispersione dei semi: i pipistrelli che consumano semi li espellono a lunghe distanze da dove hanno mangiato. In questo modo, i pipistrelli svolgono un ruolo importante nel rimboschimento delle aree che sono state disboscate o frammentate.

Quindi, cosa possono imparare gli esseri umani dalla disponibilità dei pipistrelli? Innanzitutto, i vantaggi dell’aiutare. Aiutare gli altri e aiutare se stessi non sono attività che si escludono reciprocamente. I pipistrelli fanno entrambe le cose per sopravvivere, e anche noi umani possiamo!

La ricerca ha scoperto che l’aiuto e il volontariato sono associati a:

  • Aumento della fiducia in se stessi
  • Un sistema immunitario potenziato
  • Diminuzione dell’intensità e della consapevolezza del dolore fisico
  • Bassi livelli di stress, poiché il cortisolo – l’ormone dello stress – diminuisce e l’ossitocina rilascia l’ormone della compassione
  • Umore migliorato, con protezione, da lieve a moderata, dalla depressione
  • Speranza di vita più lunga, in particolare con un ridotto rischio di malattie cardiache

Quando si tratta di volontariato, bisognerebbe farlo perché si è motivati dalla compassione. Anche se potremmo non ricevere denaro in cambio dei nostri sforzi, i premi potrebbero essere altrettanto dolci. Qualcuno potrebbe chiamarlo karma!

Sfatiamo qualche mito sui pipistrelli, per conoscere davvero questi animali e sapere quello che i pipistrelli ci insegnano.

  • MITO: i pipistrelli sono ciechi. FATTO: la maggior parte dei pipistrelli ha una vista che può facilmente rivaleggiare con quella di un essere umano. Alcuni pipistrelli, come il pipistrello della frutta, possono vedere notevolmente bene in condizioni di scarsa illuminazione, e persino vedono a colori.
  • MITO: i pipistrelli sono creature sporche. FATTO: i pipistrelli trascorrono molto tempo a pulire il loro pelo, per mantenere la sua consistenza setosa.
  • MITO: i pipistrelli sono topi volanti. FATTO: i pipistrelli non sono roditori. Sono più legati ai primati che ai topi.
  • MITO: i pipistrelli vampiri succhiano il sangue umano. FATTO: solo tre delle oltre 1.200 specie di pipistrelli si nutrono di sangue. In ogni caso si tratta di un pasto delle dimensioni di un cucchiaio di sangue, che leccano anziché succhiare, principalmente da bovini o uccelli. I pipistrelli non danno la caccia alle persone.
  • MITO: i pipistrelli attaccano a vista gli umani. FATTO: i pipistrelli sono timidi e intelligenti. Come altri animali selvatici, vogliono essere lasciati soli ma possono mordere per autodifesa. Basta quindi lasciarli in pace.
  • MITO: i pipistrelli provano a “piombare” sulle persone e si aggrovigliano tra i capelli. FATTO: se un pipistrello sta piombando vicino a noi, probabilmente sta cercando di catturare una zanzara lì vicino.

Lezione 2: collaborare per il successo

Pipistrello calabrone
Pipistrello calabrone: dov’è il resto del tuo gruppo? (Foto di pubblico dominio)

Questi animali conoscono il valore della collaborazione, ed è una delle lezioni che i pipistrelli ci insegnano. Vivono in gruppo, allevano i loro cuccioli in gruppo e cacciano insieme. I pipistrelli sono animali sociali e molto spesso vivono insieme in colonie. Queste colonie in genere vanno da pochi pipistrelli a migliaia.

I pipistrelli fanno affidamento sui gruppi così tanto che molto probabilmente un pipistrello solitario si perde o resta comunque confuso. Le loro abitazioni preferite sono in genere luoghi caldi, asciutti e bui, come nelle strutture artificiali. Tuttavia, a seconda della specie, i pipistrelli possono anche vivere in vecchi alberi morti, grotte, fronde morte di palma o muschio spagnolo.

La più grande colonia di pipistrelli conosciuta al mondo si trova a nord di San Antonio, in Texas, nella Bracken Cave. Ospita oltre 20 milioni di pipistrelli. I pipistrelli hanno abitato questa caverna per circa 10.000 anni e l’area è diventata un sito ecoturistico. I pipistrelli trovano più efficace la caccia in gruppo. Al crepuscolo, escono dai loro nidi e si avventurano all’esterno in cerca di insetti. Sorprendentemente, alcuni sciami di pipistrelli sono così enormi da essere rilevabili su un radar Doppler.

Durante una sola notte, i pipistrelli possono:

I pipistrelli beneficiano anche del poter crescere i loro piccoli in posti comuni. Le femmine si riuniscono in colonie chiamate “asili nido”. Le femmine di un nido in genere danno alla luce i loro bambini allo stesso tempo delle altre. Ogni madre ha un “figlio unico” e i cuccioli si rannicchiano per il calore negli asili nido, mentre le madri sono in cerca di cibo tutte insieme.

Sapere quando usare il gruppo

pipistrelli a testa in giù (Foto Pixabay)
Pipistrelli a testa in giù: questi animali vivono in gruppi (Foto Pixabay)

Per gli umani, i gruppi non sono sempre il modo migliore per svolgere un compito. I pipistrelli ci insegnano il valore dei gruppi, ma qualsiasi lavoratore o studente che è stato assegnato a un gruppo di lavoro può confermare questo problema. E se i pipistrelli eccellono nella collaborazione, i gruppi umani spesso non riescono a raggiungere il loro pieno potenziale

Questo perché il lavoro di gruppo prevede: una perdita di motivazione e riduzione dei nostri livelli di sforzo individuale, assieme ad una perdita di coordinamento e problemi nella combinazione efficace degli input dei singoli membri. Noi umani, quindi, abbiamo bisogno di sapere quando usare i gruppi e quando abbandonarli per andare da soli.

Quando siamo pronti ad assegnare il lavoro a un gruppo o a un individuo competente, dobbiamo fermarci e considerare le cose che rendono più efficace il lavoro basato su gruppi:

  • L’attività è sufficientemente complessa da poter essere suddivisa in attività secondarie ed assegnata a vari membri.
  • Il gruppo è fortemente motivato a trovare la soluzione migliore (ad esempio, situazioni ad alto rischio che comportano conseguenze di voti, lavori o possibili perdite di vite umane).
  • Il successo dell’attività è determinato dal volume di produzione rispetto alla qualità (vale a dire, ogni contributo aiuta, non importa quanto piccolo). Un esempio è nello sport, dove conta segnare il maggior numero di gol per squadra, non importa il singolo giocatore che segna.

La prossima volta che dovremo affrontare un enigma della collaborazione, cerchiamo di ricordare questi suggerimenti che i pipistrelli ci insegnano! I pipistrelli sfruttano il potere della collaborazione e anche noi possiamo farlo, quando le circostanze sono giuste. I pipistrelli ci insegnano il valore del lavoro di gruppo.

Lezione 3: Sapere dove ci troviamo – il valore del feedback

pipistrelli frutta
Anche se poco amato, il pipistrello è un animale molto importante. (Foto Pexels)

La terza lezione che i pipistrelli ci insegnano è legata a una loro caratteristica specifica. Anche se sono più attivi sotto la copertura della notte, i pipistrelli hanno una capacità invidiabile di sapere dove si trovano grazie al loro sistema di ecolocalizzazione.

Attraverso la bocca o il naso, i pipistrelli emettono dei veri e propri urli ad ultrasuoni, che rimbalzano sui potenziali pasti degli insetti. Il feedback (eco di ritorno) di questi suoni aiuta i pipistrelli a muoversi nell’aria notturna. La loro ecolocalizzazione è così ben sviluppata che può rilevare anche oggetti sottili come un capello umano.

Quindi come fanno i pipistrelli a acchiappare gli insetti loro prede, visto che si muovono così imprevedibilmente? Usando le loro abilità super sonar, i pipistrelli stimano non solo dove si trova il bersaglio in relazione a se stessi, ma anche dove finiranno i loro insetti bersagli nell’immediato futuro.

Questi cacciatori alati lo fanno anche a turno, in silenzio, in modo che possano ascoltare il loro capo pipistrello. È in pratica l’equivalente di non parlare tutti nello stesso momento! Questo è certamente un buon consiglio anche per gli umani!

Cercare il feedback

pipistrello
Pipistrello: il suo metodo di ricerca delle prede si basa sul feedback. (Foto Pixabay)

Pensiamo al sistema di ecolocalizzazione dei pipistrelli come ad un processo di ricerca dei feedback. I pipistrelli emettono suoni, che a loro volta generano un’eco dall’ambiente, che fa loro sapere dove sono relativamente ai loro obiettivi alimentari, gli insetti.

Sfruttare il potere del feedback ha benefici per gli umani in merito al nostro obiettivo. In ambito lavorativo, i dipendenti giovani, nuovi nel loro lavoro o nuovi in ​​azienda tendono a cercare il maggior feedback o delle informazioni sulla correttezza e l’adeguatezza dei loro comportamenti.

Tuttavia, cercare il feedback è una strategia efficace per raggiungere gli obiettivi, ed è questo che i pipistrelli ci insegnano. Molti di noi dovrebbero usarlo regolarmente nelle aree personali e professionali della nostra vita. La ricerca mostra che cercare feedback riduce l’incertezza, migliora le capacità e le prestazioni, ed è correlato a atteggiamenti di lavoro più positivi, tra cui la soddisfazione lavorativa, una minore intenzione di abbandonare l’organizzazione e ad una riduzione del turnover effettivo. Sebbene si possa essere riluttanti a ricevere dei feedback negativi, in realtà questo può migliorare le percezioni su di noi, e può anche produrre una comprensione più accurata di come le altre persone vedono il nostro lavoro.

Altre informazioni sui pipistrelli

pipistrello
Pipistrelli: animali da cui imparare tanto (Foto Pixabay)
  • L’immagine del pipistrello Molossoide messicano è il logo del rum Bacardi. Secondo il folklore cubano e spagnolo, i pipistrelli sono simboli di buona salute, unità familiare e buona fortuna.
  • A seconda della specie, i pipistrelli vivono da 5 a 30 anni: molto tempo per un animale della loro taglia.
  • I pipistrelli vampiro hanno forti legami familiari. Se succede qualcosa a una femmina madre, un’altra femmina spesso “adotta” l’orfano. Questo è l’unico tipo di pipistrello che ha questo comportamento.
  • I pipistrelli vampiri condividono anche i pasti di sangue con gli altri membri attraverso il rigurgito, in quanto possono vivere solo due giorni senza avere un tale pasto.
  • Un capitolo a parte sulla rabbia: meno dello 0,5% dei pipistrelli ha la rabbia. La minaccia della rabbia è praticamente zero se si esegue quanto segue: vaccinare tutti i cani e gatti di famiglia, evitare il contatto con animali non familiari, non toccare mai animali selvatici (se un animale selvatico ci permette di toccarlo, è probabilmente malato).

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello