Home Cani Il cane beve dal wc: cause e rischi per la sua salute

Il cane beve dal wc: cause e rischi per la sua salute

Avete trovato Fido con la testa immersa nella tazza nel bagno? Ecco perché il cane beve dal Wc e quali sono i rischi per la sua salute.

Il cane beve dal Wc
Il cane beve dal Wc: cause, rischi e come evitarlo (Foto AdobeStock)

Quando abbiamo ‘beccato’ Fido bere dalla tazza del Wc, dopo un comprensibile primo moto di disgusto, ci saremo chiesti perché il nostro cane si disseti proprio da lì. In fondo l’acqua nella ciotola non mancava, eppure ha trovato più invitante quella della tazza del bagno. Non solo la cosa ci è sembrata strana, ma ci ha provocato anche un danno, quello di dover ripulire l’acqua rovesciata a terra. Insomma un vero disastro! Dovremmo soprattutto preoccuparci delle conseguenze che questo insolito gesto potrebbe avere sulla sua salute. Ecco tutto quello che è meglio sapere sulle cause e sui rischi legati al cane che beve dal Wc.

I comportamenti strani di Fido

Fido sulla tazza del bagno
Fido seduto sul wc (Foto AdobeStock)

Il fatto che beva dalla tazza del bagno, è solo uno dei comportamenti più strani del nostro amato amico a quattro zampe (Leggi qui: 12 comportamenti strani del cane spiegati dagli esperti). Spesso alcuni suoi atteggiamenti ci lasciano a bocca aperta: pensiamo a quando lo vediamo rincorrere la sua stessa coda o dare la caccia ad una preda invisibile.

Molti di questi comportamenti possono avere anche conseguenze sulla sua salute, come quando lecca una zona del suo corpo fino ad infiammarla (Leggi qui: Dermatite da leccamento nel cane: cause, sintomi e trattamento). A volte poi potrebbe mostrarsi aggressivo senza motivo, ringhiare a se stesso e rifiutare la ciotola del cibo e dell’acqua. Quest’ultimo motivo può esserci utile anche a capire la cause che portano un cane a preferire l’acqua del Wc piuttosto che quella della sua ciotola in plastica.

Il cane beve dal Wc: perché gli piace così tanto?

Il cane beve dal Wc
Il cane beve dal Wc: cosa ha di così invitante (Foto AdobeStock)

Dal nostro punto di vista è assolutamente incredibile che Fido preferisca mettere il muso nella tazza del bagno, invece di usufruire della comoda ciotola che gli è stata riempita. Eppure lo fa! E’ naturale chiedersi il perché, sebbene la scienza non abbia ancora trovato una risposta esaustiva a questo dilemma. Ci sono varie ipotesi, tra cui quella di un comportamento canino spinto da una serie di fattori ‘positivi’ (almeno ai suoi occhi). Ecco tutte le cause per cui Fido beve dalla tazza.

  • Ricorda cascate di acqua fresca: pensiamo a un torrente o una cascata. Nella mente del cane l’acqua corrente del bidet o quella dello sciacquone gli ricorda i corsi di acqua fresca che potrebbe trovare in natura.
  • Tazza a portata di muso: in fondo per bere dalla ciotola il cane deve abbassarsi non poco e questo risulta parecchio scomodo. Mentre per i cani di media e grossa taglia, l’altezza della tazza del Wc è perfetta e consente loro di bere più comodamente. Basterà allungare il collo e bere l’acqua del wc o da altri sanitari ‘bassi ma più alti della ciotola, come il bidet.
  • Acqua fresca: quando lasciamo scorrere l’acqua corrente dal bidet o tiriamo lo sciacquone, sicuramente attiriamo l’attenzione di Fido. Questa ‘cascata’ di acqua fresca è sicuramente molto invitante per il nostro amico a quattro zampe, ne sarebbe attratto tanto da tentare in ogni modo di raggiungere il sanitario più ‘a portata di muso’. Consideriamo inoltre che l’acqua nella ciotola solitamente ristagna ed è spesso ricca di muffe e funghi.
  • La porcellana: questo materiale, col quale sono costruiti i sanitari, consente all’acqua di mantenersi più fresca rispetto alla plastica delle ciotole. Inoltre questo materiale non ne altera il sapore. Per questo consigliamo le ciotole in metallo che, soprattutto in estate, trattengono il freddo e mantengono l’acqua fresca; mentre d’inverno il ferro potrebbe ghiacciarsi e far rimanere attaccato il muso del cane.

I rischi dell’acqua del Wc

A parte la questione in sé disgustosa, è normale preoccuparsi anche delle conseguenze che questo comportamento canino può avere sulla sua salute. Lo diciamo fin da subito: non c’è da stare tranquilli, ma in fondo l’acqua che viene fuori dai sanitari è più pulita di quanto immaginiamo. Infatti l’acqua stagnante della ciotola può contenere muffe, funghi e alghe, che la rendono altrettanto pericolosa. Il problema però resta il Wc! I veterinari sono assolutamente concordi nel sostenere che un cane non deve assolutamente bere dai sanitari, soprattutto per le infezioni che può contrarre. E’ pur sempre un luogo sporco, anche se viene igienizzato e pulito regolarmente.

Altro problema non da poco è costituito dai prodotti igienizzanti che utilizziamo per pulire la tazza del bagno: candeggina, tavolette igienizzanti, liquidi e profumatori sono tutti tossici per la salute di Fido. Si tratta di detergenti chimici, anche piuttosto aggressivi, che possono risultare velenosi per il nostro cane (Leggi qui: Il cane ha bevuto candeggina: i rischi e come evitare l’avvelenamento). I residui di questi prodotti possono restare attaccati alla tazza ed essere ‘trascinati’ dall’acqua, la stessa che il cane beve. Per questo motivo è assolutamente sconsigliato lasciar bere l’acqua dei sanitari al nostro cane.

Il cane beve dal Wc: come evitarlo

chihuahua
Un chihuahua che beve dalla ciotola dell’acqua (Foto Pixabay)

Assodato che i cani non devono essere liberi di bere dalla tazza o dal bidet del bagno, dobbiamo ora trovare una soluzione affinché questo non accada. Naturalmente cercare di spiegargli i rischi per la sua salute non sarebbe ‘efficace’, quindi bisogna rendergli la cosa più difficile. In realtà potrebbe bastare tenere la porta del bagno chiusa o, quanto meno, la tavoletta del Wc abbassata. Quindi per evitare questo rischio:

  • teniamo la porta del bagno chiusa,
  • blocchiamo la tavoletta con appositi strumenti,
  • compriamo ciotole in metallo, in vetro o in ceramica (perché non alterano il sapore dell’acqua e la tengono fresca),
  • cambiamo l’acqua nella sua ciotola e ricordiamoci sempre di riempirla!

Potrebbe interessarti anche:

Francesca Ciardiello