Home Cani Rimedi casalinghi per la stitichezza del cane: consigli efficaci

Rimedi casalinghi per la stitichezza del cane: consigli efficaci

Rimedi casalinghi per la stitichezza del cane, soluzioni del tutto naturali. Vediamo quali sono e soprattutto individuiamo le cause.

cane stitico dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Gli animali sono molto simili agli esseri umani e sotto molto aspetti in particolare le problematiche di salute, differiscono davvero molto poco.

Nel caso ad esempio della stitichezza, questa condizione molto spesso si ripresenta sia negli adulti che nei bambini e in questo caso anche nei cani.

La stitichezza nel cane può essere acuta o cronica. Nel primo caso ha una durata breve e possiamo ritenerla occasionale, mentre nel secondo si presenta per un periodo di tempo più lungo e va curata.

È importante rivolgersi ad un veterinario per individuare la causa e risolverla quanto prima.

Tuttavia ciò che possiamo fare per aiutare Fido, innanzitutto è prevenire la condizione di stipsi.

Laddove, invece, si dovesse comunque verificare è possibile intervenire con dei rimedi casalinghi per la stitichezza del cane sotto la supervisione del veterinario.

Rimedi casalinghi per la stitichezza del cane

cane mangia zucca
(Foto AdobeStock)

Esistono diversi rimedi casalinghi per la stitichezza del cane che andremo a spiegare in questo articolo.

Con la sola raccomandazione di rivolgersi prima ad un esperto, ovvero il veterinario di fiducia, per avere consigli inerenti alla situazione, in particolar modo se si tratta di stitichezza cronica nel cane.

Il veterinario in base alla causa che genera questa condizione, potrà prescrivere la giusta cura per risolvere il problema.

Nel frattempo esistono alcuni rimedi casalinghi per la stitichezza del cane, che possono accelerare la guarigione.

Partiamo da i consigli basilari, ad esempio:

  • aumentare la dose giornaliera di acqua, nel caso in cui essa possa risultare troppo scarsa. Questo serve ad idratare e stimolare il metabolismo dell’animale. Impedendo alle feci di bloccarsi nell’intestino. L’acqua è il principale costituente dell’organismo e integrarla correttamente nella dieta del cane serve a garantirne il benessere fisico e psicologico;
  • eliminare un alimento in particolare che possa generare stitichezza nell’animale;
  • inserire frutta e ortaggi nella dieta del cane (verdure fresche o cotte, come carote, patate, piselli, fagiolini o la zucca sotto forma di purea fatta in casa, 2 o 3 volte al giorno. È un ottimo lassativo naturale ricco di fibre, molto utile per idratare ed ammorbidire le feci.

Altri rimedi casalinghi:

  • somministrare il succo di aloe vera al cane, può essere efficace. In quanto ha un effetto benefico sull’apparato digerente e agisce come un lassativo naturale senza apportare effetti collaterali;
  • aggiungere all’alimentazione olio di oliva o olio di cocco aiuterà a ridurre la stitichezza cronica. Sono due ottimi lubrificante ma non bisogna eccedere e ritrovarsi con la diarrea nel cane;
  • preparare un bel brodo di pollo al cane, che grazie al grasso presente in esso agirà come un lassativo e contribuirà a rendere più molli le feci del cane;
  • l’aggiunta di fichi alla dieta ma con moderazione. Questo frutto è ricco di fibra e potassio, ottimi contro il trattamento per la costipazione del cane e anche dell’uomo;
  • la somministrazione di latte molto utile a stimolare la motilità intestinale nel cane in poche ore (attenzione solo alle intollerenze).

In misura preventiva, invece, gli esperti consigliano di somministrare quotidianamente e nelle dosi adeguate.

Piccole porzioni di crusca e avena, aggiunte regolarmente al cibo del cane. Questi due alimenti sono molto importanti in quanto ricchi di fibre e aiutano a mantenere morbide le feci del cane.

Un altro consiglio sempre per prevenire il problema della stipsi del cane è cercare di eseguire una giusta dose di tempo da dedicare all’esercizio fisico.

Il movimento è fondamentale in quanto contribuisce ad aumentare la motilità intestinale e a facilitare la defecazione.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione per il cane stitico: cosa deve mangiare Fido che soffre di stitichezza

Le cause della stitichezza nel cane

esercizio fisico cane
Portare il cane fuori per la passeggiata è importante per tanti motivi, che possono essere l’esercizio fisico.(Foto AdobeStock)

La stitichezza colpisce in particolare i cani con un sistema immunitario debole o perché anziani.

Il risultato però non cambia, in pratica succede che le feci non riescono a percorrere il resto dell’intestino, indurendosi sempre di più e non riuscendo a scivolare restano bloccate al suo interno.

Le cause della stitichezza possono essere dovute a diversi fattori, ad esempio:

  • scarso esercizio fisico;
  • alimentazione povera di fibre;
  • contenuto di ossa nell’alimentazione del cane;
  • assunzione di pochi liquidi;
  • perdita di liquidi (nel caso di una malattia con stato febbrile);
  • fratture nell’area del bacino;
  • tumori nel cane o altre masse, come linfonodi o ematomi, che esercitano una pressione sul tratto finale dell’intestino;
  • patologie prostatiche;
  • ingestione di corpi estranei nel cane;
  • dolori al sistema osseo-muscolare e o infiammazione della ghiandola anale;
  • effetti collaterali dovuti a medicinali;
  • diverticoli;
  • patologie metaboliche come la disfunzione della tiroide e disturbi neurologici dell’intestino crasso.

Senza dimenticare che può insorgere stitichezza nel cane anche per assunzione involontaria o somministrazione inconsapevole di alimenti non tollerati o tossici per Fido.

Ricordiamoci che se la stitichezza viene sottovalutata e non trattata, il colon può riempirsi di feci, causando dolore intestinale, letargia, perdita di appetito e vomito nel cane.

Raffaella Lauretta