Home Cani Salute dei Cani La sindrome della disfunzione cognitiva del cane

La sindrome della disfunzione cognitiva del cane

CONDIVIDI

Il nostro amico a quattro zampe purtroppo come noi invecchia e quando questo avviene, va incontro a disturbi dovuti all’età. Fra questi disturbi c’è la sindrome della disfunzione cognitiva nel cane. Vediamo come si manifesta questa sindrome e come puoi aiutare il tuo cane.

cane anziano
Cane anziano, con sindrome della disfunzione cognitiva (Foto da Pixabay)

Simile alla malattia di Alzheimer che colpisce l’uomo, la sindrome della disfunzione cognitiva (CDS) è una malattia del cervello del cane legata all’invecchiamento. Conosciuto anche come sindrome confusionale del cane, colpisce i cani anziani, a partire da gli 8 anni ed è l’origine di numerosi cambiamenti comportamentali del nostro amico a quattro zampe.

Le cause della sindrome della disfunzione cognitiva del cane

Cane con i sintomi di stanchezza, provocati dalla malattia

Le cause della sindrome della disfunzione cognitiva, non sono ancora del tutto note, tuttavia, sappiamo che è una degenerazione del sistema nervoso centrale e un’alterazione dei neuroni sarebbero l’origine della malattia.

I sintomi della sindrome della disfunzione cognitiva del cane

Come cambia il nostro animale con la sindrome di disfunzione cognitiva

La sindrome della disfunzione cognitiva nei cani anziani si manifesta con cambiamenti comportamentali come:

  • una perdita di apprendimento delle cose basilari. Pertanto, non è raro che un cane che soffre di sindrome confusionale a volte si senta a disagio e non obbedisca agli ordini che in passato aveva imparato
  • una diminuzione dell’interesse per giochi e passeggiate insieme al suo padrone
  • disorientamento nello spazio. Il cane non riesce a trovare la sua strada nemmeno in luoghi che conosce a memoria come casa o giardino,
  • di disturbi del sonno. Il cane inizia a dormire molto meno di notte e vaga senza meta in casa e dorme molto di più durante il giorno,
  • una tendenza a mangiare qualsiasi cosa, anche corpi estranei, come un cucciolo o, al contrario, perdere l’appetito ,
  • una tendenza a diventare ansioso e meno adattabile ai cambiamenti. Comincia a piangere non appena viene lasciato da solo in casa. Le passeggiate diventano ansiose per il cane non appena si discostano dalla solita via,
  • una modifica delle interazioni con i suoi simili o con persone conosciute che a volte sembra non riconoscere.

Questi sintomi possono essere accompagnati da uno stato depressivo del cane che si manifesta in ansia, perdita della sua gioia di vivere (il cane non gioca più, non fa più le feste al padrone, sente il bisogno di isolarsi ) o si manifestano disturbi ossessivo-compulsivi come il cane che si lecca le zampe o corre in cerchio.

Queste manifestazioni tendono ad aumentare nel tempo ma non sono necessariamente costanti. Possono effettivamente diminuire momentaneamente prima di aumentare successivamente. Ma vediamo come viene diagnosticata la sindrome della disfunzione cognitiva del cane.

Diagnosi

malattie cardiache nel cane
Fonte: iStock Photo

La diagnosi della sindrome della disfunzione cognitiva del cane è una valutazione che viene fatta per esclusioni di altre malattie. Il veterinario lo stabilisce dai sintomi segnalati dai proprietari dell’animale e dopo aver escluso altre malattie che potrebbero causare segnali clinici simili nel cane anziano, come tumore al cervello , sindrome di Cushing, ipotiroidismo o ancora una perdita degli organi sensoriali dell’animale (sordità del cane, cecità …).

Quali le cure per la sindrome della disfunzione cognitiva del cane

cani cura depressione
Aiuta il tuo animale a combattere la depressione

Sfortunatamente, non esiste una cura per la sindrome da disfunzione cognitiva nei cani anziani. D’altra parte, esistono trattamenti che rallentano la progressione della malattia e ne riducono i sintomi. Questi trattamenti sono:

  • integratori alimentari a base di S-adenosil-l-metionina il cui ruolo è di stimolare il metabolismo generale e cerebrale, integratori a base di antiossidanti e alcuni lipidi per rallentare il processo di invecchiamento del cervello
  • farmaci psicotropi per stimolare le funzioni cognitive e/o curare la depressione associata
  • farmaci vasodilatatori che funzionano migliorando il flusso e l’apporto di ossigeno al cervello.
  • anche la fitoterapia in aggiunta o in sostituzione di farmaci convenzionali può essere utilizzata per il trattamento della sindrome della disfunzione nei cani. Diverse piante sono davvero un ottimo rinforzo per limitare i sintomi legati alla problematica del nostro cane. Per esempio, i piselli Mucuna o Moscato. Ricca di antiossidanti e L-dopamina, questa pianta è ideale per i cani che mostrano segni di invecchiamento neuronale, il Ginko e la Pervinca del Madagascar, le cui straordinarie attività di micro circolazione cerebrale le rendono piante essenziali nel settore geriatrico.

Attenzione!

Tuttavia, queste piante non dovrebbero essere utilizzate per curare i nostri animali, senza il parere di un veterinario specializzato al fine di evitare qualsiasi rischio di interazione farmacologica e di tenere conto di possibili controindicazioni.

Come aiutare il tuo cane con la sindrome

vivere con un cane
Cane e padrone

Sebbene i sintomi possano essere abbastanza difficili da tollerare per i proprietari, è tuttavia necessario essere estremamente pazienti con un cane anziano con questa sindrome. Se il cane diventa disordinato o commette errori in tua assenza, evitiamo a tutti i costi di rimproverare l’animale in modo da non aggiungere ulteriore stress alle sue condizioni.

È consigliabile, tuttavia, continuare a stimolare intellettualmente il cane, offrendo giochi  strategici, attività che stimolano il suo olfatto (come ad esempio giocare a nascondere le  crocchette in casa), imparando nuove cose o nuove indicazioni ricompensate con prelibatezze ecc. Allo stesso modo, le passeggiate sono molto efficaci per l’attività cerebrale.

Quindi continua a proporre passeggiate al tuo cane anziano in modo che possa mantenere una buona muscolatura, rilassarsi e avere abbastanza contatti con gli altri animali e umani che non fanno parte della cerchia familiare. Se il tuo cane ha difficoltà a muoversi, regola i tempi di camminata. Quindi preferisci passeggiate più brevi ma più frequenti e evita di farlo giocare con cani giovani che potrebbero essere troppo brutali con lui.

Se il tuo cane mostra tendenze bulimiche, dividi la sua dose giornaliera in diversi piccoli pasti al cane  durante il giorno, questo può aiutare a soddisfarlo di più. Puoi anche mettere le sue crocchette in un distributore di cibo per cani, che rallenterà l’assunzione di cibo.

Se, al contrario, il tuo vecchio cane perde appetito, offrigli un cibo più appetibile: una razione domestica o crocchette “migliorate” da un po’ d’olio, un po’ di carne morbida. Abbi pazienza accompagnalo verso la fine del suo cammino, rimarrà per sempre il tuo cucciolo e per lui il suo unico umano amato.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI