Home Cani Salute dei Cani Meningite nel cane: sintomi e pericolosità per l’uomo

Meningite nel cane: sintomi e pericolosità per l’uomo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:44
CONDIVIDI

Molte malattie del cane sono trasmissibili all’essere umano, scopriamo insieme con questo articolo se la meningite nel cane potrebbe essere pericolosa per l’uomo.

Meningite nel cane: sintomi e pericolosità per l'uomo (foto Pixabay)
Meningite nel cane: sintomi e pericolosità per l’uomo (foto Pixabay)

La meningite nel cane è un’infiammazione delle meningi, cioè delle membrane presenti all’interno del cranio del nostro amico a quattro zampe che proteggono il sistema nervoso, l’encefalo e il midollo spinale.

Questa infiammazione si presenta a seguito di un’infezione causata da microrganismi, cioè virus, batteri o funghi. Questa malattia può avere conseguenze fatali per il nostro amico a quattro zampe, in quanto può causare gravi complicazioni al sistema nervoso.

L’incubazione della meningite varia dai 3 ai 4 giorni , ma può durare anche 10 giorni. La meningite canina può colpire qualsiasi razza di cane di qualsiasi età, è vero però che alcune specie di cani sono più predisposte, come per esempio:
Maltese
Carlino
Bovaro del Bernese
Chihuahua
Bulldog Francese
Beagle

Meningite nel cane: le cause

Cane che soffre, sangue nelle urine
(Foto Pixabay)

Come abbiamo specificato prima, la meningite si verifica a seguito di un’infezione causata da microrganismi (virus, batteri o funghi). Per questo possiamo dividere vari tipi di causa:

  1.  Meningite batterica nel cane
    E’ la più comune sia nei cani che nell’uomo, in tal caso i batteri attaccano una parte del corpo del cane, provocando un’infezione che va a colpire il midollo spinale o il cervello.
  2. Meningite virale nel cane
    Questo tipo di meningite è provocata da un virus che attacca il liquido cerebrospinale, senza attaccare né cervellomidollo spinale.
  3. Meningite fungina nel cane
    Questa meningite è causata dal contatto con un organismo già affetto da questa malattia.
  4. Meningoencefalite nel cane
    E’ la meningite che causa l’infiammazione delle meningi e del cervello
  5. Meningomelite nel cane
    In tal caso la meningite e l’infiammazione si espandono dalle meningi al midollo spinale.

Negli ultimi due casi è necessario l’intervento immediato dello specialista.

Meningite nel cane: sintomi

Cane non mangia solo

Solitamente se la meningite nel cane viene diagnosticata in tempo, la prognosi è spesso buona. Quindi è opportuno saper identificare i sintomi di questa patologia. I vari sintomi che manifesterà il nostro amico a quattro zampe se ha la meningite sono i seguenti:

  • Muscoli del collo rigidi
  • Inappetenza del cane
  • Riduzione di movimenti
  • Febbre
  • Perdita di coordinamento
  • Confusione e agitazione
  • Sensibilità eccessiva al tatto
  • Cambiamenti nel comportamento

Se notate uno di questo sintomi nel vostro amato cane è opportuno portarlo dal veterinario, che se sospetta una meningite eseguirà una puntura di liquido cerebrospinale o una risonanza magnetica.

Meningite senza febbre

Esistono anche casi di meningite senza la presenza di febbre, spesso colpisce cani anziani. I sintomi della meningite senza febbre sono uguali ai sintomi dell’influenza nel cane, per questo ci si può confondere. Essi sono:

– Forte raffreddore
Vomito nel cane
– Diarrea

Anche se sono sintomi più lievi di una meningite normale, bisogna bisogna fare comunque attenzione.

Meningite fulminante nel cane

epidemia cani
Cane malato

La meningite fulminante viene chiamata in questo modo in quanto è molto veloce nel manifestare i sintomi e vi è un rapido peggioramento della salute nel cane. E’ una patologia rara ma molto grave in quanto può avere conseguenze letali per il nostro amico a quattro zampe.

Infatti può portare al decesso del cane, che avviene tra le 24 e 48 ore dalla comparsa dei primi sintomi. La meningite fulminante generalmente è di origine batterica e l’agente infettivo più comune è il meningococco.

Nel caso in cui la diagnosi e il trattamento non sono adeguati, fido potrebbe avere conseguenze molto gravi, per esempio:

L’unico modo per far si che il nostro amico a quattro zampe non corra il rischio di riscontrare questa patologia, è la vaccinazione.

La meningite canina è pericolosa per l’uomo?

La meningite canina che sia di tipo virale, quindi infettivo, o causata da un disturbo del sistema immunitario non è pericolosa per l’uomo, in quanto non è trasmissibile.

La meningite è contagiosa però per gli altri cani, se causata da un virus, non è trasmissibile se causata da un problema del sistema immunitario.

Quindi state tranquilli potete accudire senza problemi il vostro amato cagnolino se presenta questa patologia, nel caso abbiate anche altri cani però, bisogna mettere l’ammalato separato da loro.

Trattamento meningite

Il principale obiettivo del trattamento è eliminare l’attività infiammatoria per evitare danni neurologici al nostro amico a quattro zampe.

Il trattamento varia a seconda della causa della meningite, il veterinario potrebbe prescrivere uno o più dei seguenti farmaci:

  • Antibiotici: per meningite di tipo batterica, possono eliminare o impedire la riproduzione dei batteri.
  • Corticosteroidi: forti anti-infiammatori che servono a diminuire la risposta del sistema immunitario o l’infiammazione presente nelle meningi.
  • Antiepilettici: interagisce con il cervello per valutare la funzione neuronale e impedire le convulsioni.

Nel caso in cui la meningite si presenta grave, è opportuno un trattamento ospedaliero per prevenire complicazioni.

Potrebbero interessarti anche i seguenti argomenti:

M.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI