Home Cani Sterilizzare il cane: perché farlo e quali sono i rischi dell’intervento

Sterilizzare il cane: perché farlo e quali sono i rischi dell’intervento

CONDIVIDI

Molti padroni provvedono alla sterilizzazione del cane per evitare malattie e gravidanze. Ma quali sono i rischi e i vantaggi da valutare?

Sterilizzazione del cane: evita gravidanze indesiderate

Il motivo principale per cui molti padroni preferiscono procedere alla sterilizzazione del proprio cane, soprattutto nel caso delle femmine, è per controllare le nascite. Potrebbe capitare che nel corso di una delle passeggiate il nostro cane incontri un suo simile e avvenga l’accoppiamento. Non sempre i proprietari accolgono con gioia l’evento se non era stato programmato in precedenza. Quindi per evitare che nascano dei cuccioli e sorvolare sul problema di trovare in seguito una sistemazione adeguata a ciascuno di essi, optano per questa operazione. Ma quali sono i rischi che seguono ad un intervento del genere? Si tratta di cambiamenti umorali o possono esserci anche ripercussioni fisiche? Ecco perché bisogna valutare bene in tempo i rischi.

La sterilizzazione: una decisione delicata

Non si tratta di un intervento di poco conto: le ripercussioni potrebbero essere più pesanti di quello che immaginiamo. Sebbene molti canili diano in affidamento cani già sterilizzati indubbiamente il cane ha delle conseguenze umorali e anche fisiche dopo questa operazione. Se adottiamo un animale non sterilizzato potremmo facilmente notare la differenza tra un ‘prima’ e un ‘dopo’ l’intervento. Sia che si tratti di sterilizzazione sia di castrazione è comprensibile che il cane non sia più lo stesso: quindi è bene fare le giuste valutazioni prima di assumerci una responsabilità così importante per il futuro del nostro amico a quattro zampe.

Quando sterilizzare il cane



Quando è meglio sterilizzare un cane?

Sebbene il termine venga impropriamente utilizzato per tutti i cani, senza fare ulteriori specificazioni tra maschio e femmina, ‘sterilizzare’ riguarda l’operazione prettamente femminile. La cagna infatti è sottoposta all’asportazione delle sole ovaie, con una ovariectomia, oppure di utero e ovaie insieme, ovario-isterectomia. Poi vedremo che tipo di operazione riguarda il maschio della specie. Il periodo ideale per fissare l’operazione dipende naturalmente dall’età dell’animale. La questione del ‘momento giusti’ per farla è ancora piuttosto aperta: non si è ancora arrivata a una risposta unica e oggettiva. In questo caso è fondamentale il parere del veterinario che conosce lo stato fisico del nostro cane e valuterà con esperienza e competenza il caso specifico.

Vantaggi e svantaggi della sterilizzazione in età puberale

Diversi studi hanno dimostrato che una femmina sterilizzata in età giovanile abbia meno possibilità di sviluppare alcune forme di tumori da grande. Essi sono il cancro al seno, uterino e ovarico.  E’ altrettanto importante sottolineare anche i lati negativi riscontrati in questa fase così delicata della vita di un cane. L’età prepuberale è spesso sconsigliata poiché le femmine tendono poi a sviluppare incontinenza da adulte. Inoltre il rischio di sviluppare le suddette forme di tumori non è annullato, ma solo diminuito: purtroppo dipende dalla predisposizione genetica dell’animale. La conclusione? Sarebbe meglio aspettare la maturità sessuale, ovvero il primo ciclo mestruale.

Operazione e fase post-operatoria



Un cane sterilizzato potrebbe usare un collare per non leccare la ferita

La sterilizzazione del cane femmina è un intervento piuttosto invasivo, poiché si tratta dell’asportazione delle ovaie o anche di queste e l’utero insieme. Sebbene sia un’operazione ormai di routine, essa è piuttosto invasiva poiché va a incidere la cavità addominale dell’animale. Il tutto avverrà in anestesia totale, in modo da facilitare anche il lavoro del chirurgo. E’ importante affidarsi nelle mani di veterinari esperti che siano in grado di eseguire l’intervento con meno rischi possibili. E’ facile immaginare che dopo un’operazione del genere la cagna avrà bisogno di un periodo di degenza post-operatoria piuttosto lungo, che oscilla tra le 24 e le 48 ore.  Di solito dopo questo periodo di riposo forzato, che aiuta anche nella cicatrizzazione dei punti di sutura, il nostro cane riprenderà le sue normali attività. Potrebbe essere utile fargli indossare un collare per evitare che possa leccare la ferita e allungare i tempi di guarigione. Naturalmente ogni cane è una storia a sé e potrà richiedere più o meno tempo per rimettersi in sesto, a seconda della taglia e dell’età dell’animale in questione.

Costo dell’operazione

Così come i tempi di ripresa, anche i costi variano a seconda della taglia e dell’età: nel caso dei cani di grossa taglia o adulti è ovvio che l’intervento richieda più tempo. Più è lunga l’operazione più aumenta il suo costo: esso non comprende solo l’atto chirurgico ma anche i successivi appuntamenti dal veterinario per eventuali complicazioni o difficoltà. Quindi il prezzo varia dai 150 euro ai 350 euro, compresi i medicinali e le cure post-operatorie.

LEGGI ANCHE: Cambiamenti di carattere nel cane: cause e soluzioni

Castrazione e sterilizzazione: differenze

Spesso viene usato lo stesso termine per indicare l’operazione: ma in realtà si tratta di interventi completamente differenti l’uno dall’altro, in quanto il primo riguarda il cane maschio e il secondo la femmina. Entrambi però hanno uno scopo comune: quello di evitare gravidanze indesiderate, o subite come nel caso della femmina, o provocate come nel maschio. Quest’ultimo infatti potrebbe essere soggetto a una castrazione: in termini scientifici si tratta di orchiectomia, ovvero l’asportazione dei testicoli. Si tratta di un intervento diverso dalla sterilizzazione della femmina, perché meno invasivo e di conseguenza anche meno traumatico. Sebbene i tempi di ripresa del maschio castrato siano più corti, in realtà in lui si notano i cambiamenti maggiori di umore: potrebbe diventare un cane aggressivo oppure pigro e indolente.

Perché sterilizzare un cane: i vantaggi

Come in tutte le questioni aperte spesso i conflitti tra due posizioni differenti portano a considerazioni diametralmente opposte. La castrazione e la sterilizzazione sono due interventi chirurgici, e come tali devono essere considerati. Non è il caso di farne un dramma ma neppure di trattare la questione con estrema superficialità: possono esserci delle complicazioni. Ma prima valutiamo perché un padrone dovrebbe scegliere di sottoporre il proprio amico fedele a questa operazione.

  • Il cane vive di più: pare che l’intervento migliori lo stato di salute dell’animale e lo aiuti a preservarlo più a lungo possibile.
  • Evita il rischio di tumori (al seno, uterino e ovarico), di infezioni e malattie, spesso legate alla gravidanza e di natura psico-fisica. Anche i costi legati alle cure quindi saranno notevolmente diminuiti.
  • Calma gli istinti del cane: così tenderà a scappare di meno per andare alla ricerca del simile col quale accoppiarsi.
  • Non avrà il ciclo: questo si traduce in un rischio inferiore di sporcare la casa. Non ci sarà il pericolo di macchie di sangue su divani e pavimento.

Perché non sterilizzare un cane: i rischi

Come già accennato diverse sono anche le conseguenze negative che un’operazione del genere può comportare. Quindi è fondamentale valutare tutti i rischi prima di procedere all’operazione. Anche in questo caso è importante consultare il parere dell’esperto.

  • Operazione lunga e stressante: oltre ad avere delle probabili complicanze, il cane potrebbe avere disturbi con episodi di vomito e diarrea dopo l’intervento.
  • Pericolo di infezioni: trattandosi di un’operazione che necessita dei punti di sutura, è importante che la ferita si rimargini completamente per evitare il rischio di infezioni. Quindi il tempo di ripresa potrebbe notevolmente aumentare così come i costi per le relative cure.
  • Obesità: il cane potrebbe cambiare le sue abitudini alimentari e sfogare la assente attività sessuale sul cibo. In commercio esistono diverse qualità di cibo specifico per le fasi successive a questo tipo di operazione.

Potrebbe interessarti anche: Quando il cane è in calore: tutto quello che c’è da sapere

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.