Home Curiosita L’armadillo a nove fasce: scopriamo questo piccolo animale corazzato

L’armadillo a nove fasce: scopriamo questo piccolo animale corazzato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06
CONDIVIDI

Famosissimo per il suo aspetto corazzato, l’armadillo a nove fasce è un animale che nasconde tante caratteristiche interessanti e curiose. Scopriamole insieme.

armadillo a nove fasce
Armadillo a nove fasce: scopriamo qualcosa di più. (Foto Pinterest)

In natura, esistono circa 20 specie di armadillo, tra cui il più famoso è l’armadillo a nove fasce, l’unico che si trova negli Stati Uniti. Il termine “armadillo” significa “piccolo corazzato” in spagnolo, e si riferisce alla presenza di piastre ossute simili a armature che coprono il loro corpo. Nonostante il loro nome, gli armadilli a nove bande possono avere da 7 a 11 bande sulla loro armatura. Un comune malinteso è che gli armadilli a nove fasce possono arrotolarsi in sfere sferiche (come si vede spesso nei cartoni animati). In realtà, solo due specie di armadillo, entrambe a tre fasce, sono in grado di arrotolarsi completamente. Gli armadilli a nove fasce sono lunghi circa 70 centimetri dal naso alla punta della coda, e pesano in media 5 chilogrammi.

Potrebbe interessarti anche: Caratteristiche del pangolino: habitat, alimentazione e cattiva fama

L’armadillo a nove fasce

armadillo a nove fasce
L’armadillo a nove fasce è detto anche armadillo comune (Foto Flickr)

L’armadillo comune (Dasypus novemcinctus), o armadillo a nove fasce, della famiglia dei Dasypodidae, è uno dei più famosi mammiferi corazzati che vivono in America meridionale e centrale, nelle regioni tropicali e subtropicali. Tra le 20 specie di armadilli, molti (la maggior parte) vivono in aree aperte – praterie, di solito – ma altri vivono nelle foreste.

Tutti gli armadilli possiedono un carapace, cioè una serie di piastre che coprono la maggior parte del loro corpo, testa e, solitamente, anche le zampe e la coda. In tutte le specie, questo carapace non è coperto di peli o quasi, tranne una. Il carapace è costituito da fasce ossee che sono ricoperte di squame dure, squame formate di tessuto cutaneo

Gli armadilli a tre, sei e nove bande sono chiamati così a seconda del numero di bande mobili presenti nella loro armatura. Solo una specie, l’armadillo a nove fasce, si trova negli Stati Uniti. La sua gamma si è diffusa in diversi stati del sud da quando è stata osservata per la prima volta in Texas durante il 1800. Esemplari a otto fasce di questa specie sono comuni in alcune regioni. Le specie di armadillo più meridionali includono il pichi (Zaedyus pichiy) o armadillo nano, un residente abituale della Patagonia argentina, e l’armadillo villoso maggiore (Chaetophractus villosus), il cui habitat si estende fino al sud del Cile.

Caratteristiche più particolari

armadillo a nove fasce
Le caratteristiche più bizzarre dell’armadillo (Foto Pinterest)

L’armadillo a nove fasce, è un mammifero corazzato di medie dimensioni che è prevalentemente notturno, con alcune particolari caratteristiche davvero interessanti.

  • Nascono in cucciolate di quattro gemelli: gli armadilli a nove fasce hanno quasi sempre cucciolate di quattro piccoli, con delle quadruplette identiche. I cuccioli di armadillo assomigliano molto agli adulti, ma sono più piccoli e più morbidi dei loro genitori corazzati.
  • Quando vengono spaventati, questi armadilli possono saltare fino a un’altezza da 120 a 150 cm. Di solito questo sorprende ogni creatura che stia tentando di trasformarlo nel suo pranzo. Sfortunatamente, questo comportamento atletico non funziona così bene quando l’armadillo viene sorpreso da un’auto in movimento, motivo per cui sono comuni gli investimenti stradali.
  • Nel loro menu sono presenti insetti e larve, gli armadilli sono insettivori. Mangiano principalmente insetti, scarafaggi, larve, vermi, ragni e termiti. Di tanto in tanto mangiano anche funghi, frutta e semi, oltre ad alcune carogne. Ma il cibo che amano di più restano gli insetti.
  • L’armadillo a nove fasce è anche un buon nuotatore. Questo piccolo mammifero – quando è obbligato a farlo – riesce a nuotare molto bene. Può anche camminare sott’acqua per attraversare i fiumi e corsi d’acqua, e addirittura sa trattenere il respiro fino a sei minuti.
  • Sebbene gli armadilli siano abbastanza salutari per essere degli animali selvatici, sono collegati alla lebbra. Non trasportano molti comuni parassiti, e la rabbia negli armadilli è molto rara, ma c’è il pericolo che possano trasmettere la lebbra. Sono stati riconosciuti come ottimi soggetti di prova per lo studio di questa malattia, e attualmente c’è un numero crescente di casi confermati in cui armadilli selvatici hanno diffuso la lebbra nell’uomo.

La vita dell’armadillo

armadillo a nove fasce
Come vive l’armadillo? Scopriamolo insieme. (Foto Pinterest)

Gli armadilli vivono da soli, ma anche in coppia o in piccoli gruppi. Lasciano le loro tane di solito solo di notte, e questi efficienti scavatori cercano il cibo usando il loro acuto senso dell’olfatto. Si nutrono di termiti e altri insetti, insieme a vegetazione, piccoli animali e larve di insetti associati a carogne. 

Gli armadilli trascorrono le ore del giorno in tane lunghe 6 metri (di cui 1,5 metri sotto terra) e con un massimo di 12 ingressi. Ogni specie di armadillo scava tane che si adattano alle sue dimensioni e forma: addirittura, anche altri animali le usano come riparo. A causa delle loro abitudini di scavatura, gli armadilli sono considerati parassiti in molte regioni. La carne di armadillo viene consumata in varie parti del Sud America.

Gli armadilli sono animali molto timidi. Quando minacciati, si ritirano nelle loro tane o, se catturati all’aperto, si appiattiscono in modo che la loro armatura tocchi il terreno. Gli armadilli a tre fasce sono in grado di arrotolarsi in una solida palla, come mezzo per proteggere le loro parti inferiori più vulnerabili. 

Una volta all’interno di una tana, alcune specie di armadillo flettono le loro piastre posteriori per incastrarsi così saldamente che sono praticamente impossibili da estrarre. L’armadillo della specie clamidoforo troncato usa una strategia diversa. La parte posteriore del suo carapace è verticale, e questo animale lo usa come una piastra piatta per tappare l’ingresso della sua tana. 

Gli armadilli possono anche scappare, scavare o colpire con i loro artigli gli attaccanti. L’armadillo a nove fasce salta verticalmente quando viene sorpreso. Se catturato, reagisce fingendosi morto, restando rigido o molto rilassato, ma in ogni caso rimanendo perfettamente immobile. Se ciò non riesce a risolvere la situazione, inizia a calciare con grande forza. 

Quando incontra uno specchio d’acqua, l’armadillo a nove fasce ha due opzioni. Poiché il suo carapace è così denso che non gli permette di galleggiare, la sua prima opzione è quella di continuare a camminare sull’acqua trattenendo il respiro. In alternativa, può ingoiare abbastanza aria nel suo apparato digerente da riuscire a galleggiare e nuotare.

Come detto in apertura, l’armadillo a nove fasce porta in grembo i cuccioli a gruppi di quadruplette identiche che si sviluppano nell’utero da un singolo uovo fecondato, un fenomeno chiamato poliembrionia. Il suo periodo di gestazione è di quattro mesi, ma ciò non include un periodo di ritardo variabile fino a diversi mesi tra la fecondazione dell’uovo ed il suo impianto nella parete dell’utero. I cuccioli nascono con una pelle morbida e coriacea e possono camminare entro poche ore dalla nascita. La durata di vita di questa specie è di 12-15 anni.

Classificazione degli armadilli

armadillo a nove fasce
Classificazione degli armadilli (Foto Flickr)

Le 20 specie di armadillo appartengono a vari generi, che costituiscono la famiglia dei Dasypodidae. Si tratta di una famiglia legata alla lontana ai bradipi e i formichieri. I formichieri squamosi (come il pangolino) sembrano esteticamente simili agli armadilli, essendo anche loro corazzati. Tuttavia, non si trovano nelle Americhe, ed appartengono a un diverso ordine, quello Pholidota.

Tra gli antenati ormai estinti, degli attuali armadilli, c’era un enorme “mostro” di 2 metri e dal peso di oltre 200 kg, che vagava nell’area che oggi è lo stato della Florida, fino a 10.000 anni fa. Non è certo se gli umani precolombiani abbiano contribuito all’estinzione di questo armadillo

Uno scheletro quasi completo di una specie ancora più grande, risalente all’epoca pleistocenica (che va da circa 2,6 milioni, fino a 11,700 anni fa), è stato ritrovato in Texas. Questa creatura apparteneva a una sottofamiglia estinta di armadilli e aveva quasi le dimensioni di un rinoceronte. I gliptodonti estinti erano armadilli preistorici e spesso massicci, con un singolo carapace non unificato.

F. B.