Home Curiosita Incredibili storie di cetacei: balene e delfini protagonisti sottomarini

Incredibili storie di cetacei: balene e delfini protagonisti sottomarini

Orche, megattere, delfini, balene, in una parola: cetacei. Questi mammiferi marini sono meravigliosi, e vogliamo ascoltare delle storie di cetacei davvero interessanti.

Storie di cetacei balena bianca
Le storie di cetacei più interessanti (Foto Flickr)

Le balene, le orche, i delfini e le focene sono considerate alcune delle creature più maestose dell’oceano. Alcuni di questi sono mostruosi e spaventosi quando provocati, ma sono tutti maestosamente belli. Questi mammiferi oceanici continuano a sorprenderci con il loro comportamento intelligente, quasi umano. Molti hanno anche una vita molto lunga, e hanno ricordi apparentemente illimitati. Attraversano tutti i grandi oceani, alcuni in pod di centinaia di membri, altri da soli, in coppia o in piccoli gruppi. Di varie dimensioni, oltre che di personalità, le balene e altri cetacei hanno molte delle loro comunità separate nell’oceano. 

Le storie di cetacei più interessanti

storie di cetacei beluga
Storie di cetacei: i beluga (Foto Flickr)

La storia di Ibis

Ibis era una megattera molto popolare, che visitava spesso le aree del Maine e Cape Cod in Nord America alla fine degli anni ’70 e ’80. Le megattere nel Nord Atlantico migrano tipicamente tra le Bahamas e ovunque da Terranova alla Groenlandia o addirittura fino alla Norvegia. Gli scienziati sono stati in grado di identificare Ibis tramite la sua pinna caudale, perché le pinne delle balene hanno segni distintivi equivalenti alle impronte digitali negli umani. Le rotte migratorie registrano gli avvistamenti di balene basandosi su questo principio.

Ibis era la preferita degli appassionati di balene e gli scienziati l’hanno seguita dal 1979. Poi, nel 1984, c’è stata quasi una tragedia. All’inizio di ottobre, Ibis è stata avvistata impigliata in un’enorme rete da pesca utilizzata per catturare il merluzzo bianco e l’eglefino. Per quasi due mesi, Ibis ha lottato con la rete da pesca, perdendo lentamente le forze. 

A un certo punto, si temeva che fosse annegata, dal momento che sembrava lottare per raggiungere la superficie dell’oceano con il passare del tempo. Infine, intorno al giorno del Ringraziamento, Ibis è stata avvistata con un’altra megattera, che sembrava cercare di aiutarla. I soccorritori sono stati finalmente in grado di avvicinarsi ad Ibis, legando dei galleggianti alla rete aggrovigliata per impedirle di immergersi, in modo da poter finalmente tagliare la rete

La liberazione di Ibis ha segnato il primo salvataggio registrato di una balena che nuota liberamente, e quel gruppo di volontari è poi diventato il team Marine Animal Entanglement Response (MAER), che da allora ha salvato oltre 200 animali in modi simili: materiale per le prossime storie di cetacei?

Delta e Dawn

megattera megattere balena
La megattera: un animale meraviglioso (Foto Pinterest)

Il 13 maggio 2007, nel fiume Sacramento in California, furono avvistate una coppia di megattere, che sembravano essere perse. Queste balene, dai nomi di Delta e Dawn, avevano anche ferite che sembravano provenire da eliche di barche. Spettatori e volontari hanno seguito le balene su e giù per il fiume, tentando di farle tornare nella zona della Baia di San Francisco. Le squadre di salvataggio hanno provato di tutto, per far smettere di risalire la corrente alla coppia di balene. 

Il salvataggio è diventato uno sforzo nazionale e mondiale, anche quando gli scienziati hanno trattato le ferite delle megattere con antibiotici, iniettati con una siringa lunga 60 centimetri arrivata dalla Nuova Zelanda. Un esperto di un santuario per balene delle Hawaii ha suggerito di utilizzare i tubi antincendio per far pressione sulle balene verso valle. 

Dopo 18 giorni, con le loro condizioni della pelle deteriorate a causa dell’esposizione prolungata all’acqua dolce, la coppia ha finalmente invertito il corso. In una svolta ironica, dopo tanta pubblicità e copertura mediatica, Delta e Dawn sono sbrigativamente scomparse nell’Oceano Pacifico, senza nemmeno un “grazie”.

Migaloo

megattere cetacei balene
Megattere (Foto Flickr)

Nel 1991, una megattera completamente bianca è stata avvistata vicino alla Grande Barriera Corallina in Australia, migrando dall’Antartide alle coste dell’Australia settentrionale. Dopo quasi 25 anni questa balena bianca, chiamata Migaloo, è una delle maggiori attrazioni australiane per gli appassionati di balene. E se anche ci sono stati altri avvistamenti di megattere, ciò che separa Migaloo dagli altri è che è completamente bianca. 

Altre balene bianche possono avere macchie nere o altri segni scuri, che compensano il loro colore pallido, ma non Migaloo. È interessante notare che gli scienziati non credono che Migaloo sia un animale albino, poiché gli albini nei mammiferi e la maggior parte delle altre specie hanno gli occhi rossi. Migaloo ha gli occhi marroni normali della megattera media

Sembra anche che ci possa essere un altro Migaloo che vaga per le acque costiere dell’Australia. Nel 2011 è stata avvistata una gobba bianca nei pressi della Grande Barriera Corallina, anche se nessuno è stato in grado di convincere Migaloo ad accettare un test di paternità per determinare se questa prole bianca è sua.

Il vecchio Tom

Secondo la leggenda australiana, è stato stipulato un patto da 10.000 anni tra orche e aborigeni, chiamato “la legge della ingua”. Sulla costa dell’Eden, in quella che oggi è conosciuta come la baia di Twofold, le orche radunano i pod per i balenieri aborigeni. Dal 1840, i coloni europei presero il controllo, cacciando con gli arpioni le balene e lasciando le carcasse alle orche per mangiare le lingue, dopodiché le orche lasciavano il resto ai balenieri.

Il vecchio Tom era il più famoso tra queste orche. Con le altre orche avvisava i balenieri dei pod vicini o in avvicinamento. Ma il vecchio Tom aveva una sua personalità, a volte restava aggrappato con le sue pinne pettorali alle carcasse morte mentre venivano trascinate dai balenieri. A volte, il vecchio Tom si occupava di trascinare le carcasse. 

Sfortunatamente, come fanno spesso gli umani, nei primi anni del 1900, i balenieri (presumibilmente non quelli nativi) divennero avidi e iniziarono a infrangere la Legge della Lingua, trascinando via le balene morte senza permettere alle orche di prendere le lingue come pagamento

In un caso, il vecchio Tom ha lottato con una baleniera in una sorta di tiro alla fune con una carcassa, che l’orca ha perso, perdendo alcuni dei suoi denti anteriori nello scontro. Ciò potrebbe aver portato alla morte di Tom, perché da quel momento non era in grado di strappare la carne. Quando fu trovato, era lungo 7 metri: piuttosto piccola come orca. Si stima che il vecchio Tom avesse almeno 70 anni, forse 80-90 anni, quando morì.

Luna

orca
L’orca, nota anche come balena killer. (Foto AdobeStock)

Luna era un’orca assassina nata da un gruppo che vive lungo il Pacifico nord-occidentale del Canada e degli Stati Uniti. Quando nacque Luna, lui e sua madre furono isolati dal loro pod. Questa è una stranezza, perché le orche sono tipicamente protettive per le madri e i cuccioli appena nati. Luna finì per separarsi da sua madre e dal suo pod, uno dei soli due episodi documentati di un cucciolo di orca che si separa dal suo nucleo familiare e sopravvive a un’età così giovane. Forse è stato allontanato dalla sua stessa madre e in seguito dal suo pod, anche se nessuno sa perché.

Luna è diventata popolare tra i turisti, eseguiva acrobazie, saltava in aria e poi si avvicinava abbastanza alle barche perché la gente gli accarezzasse la lingua. Sfortunatamente, Luna non riuscì mai a distinguere tra imbarcazioni turistiche e altre navi da pesca o industriali. Questo lo portò alla sua fine, perché  avvicinò troppo alla barca sbagliata e fu ucciso da un’elica.

Springer

Springer è l’altro caso documentato di un cucciolo di orca trovato isolato dal suo pod. Nel 2002, Springer è stata trovata al largo della costa dell’isola di Vashon a Puget Sound. Soffriva di vermi e di una condizione della pelle, e gli scienziati credevano che sua madre era morta non molto tempo prima che fosse trovata. 

Fortunatamente, la seconda di queste storie di cetacei ha un finale molto più felice di quello di Luna. Dopo diversi mesi di osservazione, Springer è curata tornando in salute. Nel luglio 2002 è stata quindi reintrodotta con successo nel suo pod. All’inizio era provvisoria, ma dopo alcune settimane è stata completamente accettata dal suo pod. 

Gli scienziati sono stati in grado di determinare la sua famiglia originale tramite modelli di pelle distintivi e dialetti vocali di comunicazione. Ancora più gratificante, 11 anni dopo, Springer si era accoppiata e aveva dato alla luce il suo cucciolo, dimostrando che il suo ritorno in natura è stato un completo successo.

Sassafras il delfino sordo

Sassafras è stato trovato lungo la costa della Louisiana nel 2012, bruciato dal sole, in pochi centimetri di acqua di mare fangosa. Nel riportarlo in salute, si scoprì che oltre ad essere un piccolo delfino a 2 metri, Sassafras era anche sordo. È stato ipotizzato che sua madre lo abbia lasciato a badare a se stesso all’età di due anni e mezzo, che è il tipico stadio di svezzamento per la maggior parte dei delfini. A causa della sua menomazione, Sassafras probabilmente si è perso immediatamente e non è riuscito a difendersi da solo. 

Sassafras era uno dei quasi 800 mammiferi della Costa del Golfo che si erano arenati lungo la costa a partire dal 2010. Inizialmente era destinato a essere riabilitato e rilasciato in libertà, fino a quando non hanno saputo della sua mancanza di sonar. Sassafras è nato nello stesso periodo della fuoriuscita di petrolio della BP nel 2010, e gli specialisti si sono chiesti se la fuoriuscita avesse avuto un ruolo nel renderlo sordo. 

Sassafras fu infine trasferito all’Institute for Marine Mammal Studies in Mississippi, dove divenne evidente la sua spiccata personalità. La sua storia ha attirato l’attenzione sulla più ampia questione di estinzione di delfini di massa nel Golfo del Messico, iniziata nello stesso anno. Mentre la maggior parte vorrebbe indicare la fuoriuscita di petrolio come il principale contributo, ci sono stati altri fattori, tra cui il freddo e il deflusso di acqua fredda maggiore del normale a causa dello scioglimento della neve. La fuoriuscita di petrolio è stata comunque un fattore.

Mocha Dick

La balena spruzza acqua
Di certo “Moby Dick” è la più nota tra le storie di cetacei. (Foto Pixabay)

Tutti hanno sentito parlare del romanzo di Herman Melville, “Moby Dick”, indubbiamente la più famosa tra le storie di cetacei. Ciò che molti studenti probabilmente non sanno è che Melville è stato ispirato da eventi reali. Nel 1820, la nave baleniera Essex, capitanata da George Pollard, fu attaccata e affondata da un gigantesco capodoglio. Questa balena, che i sopravvissuti sostenevano fosse lunga circa 26 metri, speronò l’Essex due volte, facendo sì che l’equipaggio di 20 abbandonasse la nave in tre scialuppe di salvataggio. 

Pollard voleva dirigersi verso la terra più vicina – le Isole Marchesi – ma il suo equipaggio lo convinse a provare per il Sud America, poiché avevano sentito dire che gli isolani erano cannibali. Si è rivelata una decisione crudelmente ironica, dal momento che l’equipaggio affamato si è presto rivolto proprio al cannibalismo. Hanno persino sparato al cugino di Pollard dopo aver estratto un sacco per vedere chi sarebbe stato mangiato dopo. Alla fine, solo otto membri dell’equipaggio sarebbero sopravvissuti. 

Un’ispirazione ancora più diretta è stata un capodoglio bianco noto come Mocha Dick che è diventato famoso per aver distrutto barche baleniere e ucciso marinai nelle acque al largo del Cile, a volte in difesa di balene morte o morenti. Questa balena bianca era nota per la sua astuzia, a volte sembrava addirittura fingersi morta per attirare le barche vicino a lui, prima di ruggire e attaccare. Quando una baleniera ha giurato di ucciderlo, Mocha Dick ha fracassato tre delle sue barche e lo ha costretta a ritirarsi. La sua furia continuò fino a quando non fu infine uccisa nel 1859, con 19 arpioni che le sporgevano dal corpo. A quel punto, Mocha Dick aveva ucciso almeno 30 uomini nel corso di 100 battaglie.

Pinky

delfino rosa amazzoni
Storie di cetacei: il delfino delle Amazzoni, rosa (Foto Pinterest)

In Sud America, c’è una specie in via di estinzione chiamata il Delfino delle Amazzoni, che è di colore rosa. Vive nei bacini del Rio delle Amazzoni e dell’Orinoco, ed è una delle sole tre specie di delfini d’acqua dolce al mondo. Ma “Pinky” non fa parte di nessuna di queste specie minacciate di estinzione. Pinky è un delfino tursiope che è stato scoperto nel Lago Calcasieu, un estuario del lago di acqua salata in Louisiana, nel 2009. 

A causa dell’albinismo genetico, a Pinky manca il pigmento nella pelle e negli occhi, facendolo apparire rosa. Oltre a passare un po’ più di tempo sott’acqua rispetto alla maggior parte dei delfini, la rara condizione di Pinky non sembra influenzare la sua qualità di vita. Sebbene non sia il primo delfino albino documentato in natura, ciò che è peculiare è che altri due delfini albini conosciuti sono stati avvistati dentro e intorno alla costa del Golfo. Ci si chiede allora, chi sono i genitori di Pinky?

Mini-Moby

Concludiamo le nostre storie di cetacei con una focena. La differenza tra un delfino e una focena è che la focena ha un naso corto e denti a forma di vanga, oltre ad essere un po’ più grossa al centro e non così lunga. I delfini sono più grandi e noti per avere il naso più lungo e i denti a forma di cono. Mini-Moby è una focena, una delle sole due del porto del Pacifico completamente bianche. Come abbiamo visto, una balena, un delfino o una focena di colore bianco non sono poi così rari. Ciò che però rende interessante Mini-Moby è la sua storia familiare.

Le focene del porto del Pacifico sono scomparse dall’area della Baia di San Francisco per oltre 65 anni. All’inizio degli anni ’40, la Marina degli Stati Uniti estese una rete d’acciaio attraverso la foce della Baia di San Francisco per impedire l’accesso ai sottomarini dell’Asse. Sfortunatamente, ciò ha impedito anche l’ingresso delle focene del porto del Pacifico. 

Quando finì la seconda guerra mondiale, la rete d’acciaio fu rimossa, ma la baia era diventata così tossica per i rifiuti accumulati, e la pesca commerciale aveva fatto così tanti danni che le focene non sono tornate, ma anni di sforzi per la conservazione hanno iniziato a ripagare. Nel 2008, le focene del porto sono state nuovamente viste in gran numero nell’area della Baia ed è diventata (o forse è tornata ad essere) un terreno fertile naturale per questi cugini più piccoli e più corti del delfino.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello