Home Curiosita Perché i pesci nuotano in verticale nell’acquario e cosa significa?

Perché i pesci nuotano in verticale nell’acquario e cosa significa?

Tra i vari comportamenti dei pesci, alcuni significano molte cose. Tra questi, perché i pesci d’acquario nuotano in verticale nella loro vasca?

perchè i pesci nuotano in verticale
Un pesce betta: perchè i pesci nuotano in verticale? (Foto Flickr)

I pesci mostrano molti comportamenti che ci fanno capire come si sentono, e il nuotare contro le pareti di vetro è uno di questi. Questo avviene quando i pesci nuotano costantemente su e giù ai lati dell’acquario. Uno dei motivi per cui lo fanno è lo stress. Potrebbe significare che non sono felici nel loro ambiente, per una qualunque ragione. E in quanto padroni e custodi dell’acquario, sta a noi umani esaminare la situazione e determinare la causa del loro stress. 

I motivi dello stress

pesce betta acquario
Un pesce betta (Foto Facebook)

Tra i motivi che scatenano lo stress, perché i pesci nuotano in verticale quindi, potrebbe essere legato all’ambiente in cui vivono. Potrebbe infatti semplicemente esserci qualcosa che possiamo cambiare nel loro ambiente che li aiuterà a calmarsi, come il migliorare le condizioni dell’acqua.

Tuttavia, in molti casi, il problema si riduce a decisioni errate di organizzazione dell’acquario, o la scelta sbagliata delle dimensioni della vasca. Questo è il motivo per cui è così importante cercare di conoscere le esigenze di tutti i pesci che si intende prendere, prima di portarli a casa.

Lo stress è anche uno dei maggiori motivi per cui i pesci d’acquario muoiono troppo presto. Bisogna fare attenzione ai segni di stress ed agire per ridurlo in modo tempestivo: questo può fare molto per mantenere i nostri pesci sani e felici. In questo articolo, daremo uno sguardo ad alcuni dei motivi più comuni perché i pesci nuotano in verticale contro il vetro, e cosa si può fare al riguardo.

Cattive condizioni dell’acqua

pesci nell'acquario (2)
Le condizioni dell’acqua sono fondamentali. (Foto Pixabay)

Mantenere l’acqua del serbatoio pulita e sana è una delle cose più importanti che possiamo fare per assicurarci che i nostri pesci rimangano lontani dallo stress. I rifiuti chimici si accumulano in tutti i serbatoi, e dobbiamo necessariamente prendere provvedimenti per ridurli. Ovviamente, ciò significa cambiare correttamente la vasca prima di aggiungere qualsiasi pesce. Sfortunatamente, questo è un passo che molti allevatori di pesci alle prime armi sottovalutano o ignorano completamente, e che potrebbe tornare in seguito a creare problemi.

Una volta che un acquario è attivo e funzionante, è fondamentale eseguire frequenti cambi d’acqua. Questo diluisce qualsiasi sostanza chimica di scarto, e se impariamo ad utilizzare un aspirapolvere per la ghiaia, possiamo anche pulire la ghiaia e cambiare l’acqua in un colpo solo.

Se i parametri dell’acqua sono corretti, i pesci hanno meno probabilità di mostrare segni di stress come il nuotare in verticale. Se non siamo sicuri che l’acqua del nostro acquario sia ottimale per la salute dei nostri pesci, è abbastanza facile scoprirlo. Possiamo portare un campione di acqua al nostro negozio di animali di fiducia, e possiamo richiedere un test. Ma la cosa migliore è testare l’acqua del nostro acquario e l’acqua della nostra fonte direttamente. Ci sono anche dei kit per questi test, piuttosto economici, che possiamo usare a casa per sapere quanto è sana la nostra acqua in pochi minuti. Ne esistono di molte marche e tipologie.

Eccessiva popolazione e sovralimentazione

Troppo mangime ai pesci
Troppi pesci nell’acquario (Foto Pixabay)

Il sovrappopolamento è un altro problema che può portare a comportamenti di stress nei pesci e questo problema è strettamente correlato alla qualità dell’acqua. Insieme ai nostri pesci, infatti, ci sono milioni di piccoli microbi che vivono nel nostro acquario. È una buona cosa, però: aiutano a processare i rifiuti prodotti dai pesci e, grazie a loro, è più facile mantenere sana l’acqua della vasca.

Questo è il motivo per cui cambiamo l’acqua, per consentire ai microrganismi sani di aumentare di numero. Idealmente, la colonia di microbi in un acquario sarà in grado di eliminare totalmente i rifiuti creati dai pesci. Ma quando abbiamo troppi pesci, le cose possono complicarsi: in parole povere, più pesci creano più rifiuti. Quando il carico biologico supera la capacità delle colonie di microbi di processare i rifiuti, l’acqua si sporca rapidamente. Lo stesso può accadere con l’eccesso di cibo, quando c’è troppo cibo in decomposizione nella vasca. Queste condizioni possono portare all’eccesso di accumulo di alghe o addirittura allo scoppio di un fungo. Nei casi più gravi, possono far ammalare i tuoi pesci.

I nostri pesci possono anche sentirsi stretti, in una vasca troppo affollata, il che può essere un’altra causa perchè i pesci nuotano in verticale. I pesci hanno bisogno di spazio per nuotare e quando una vasca è piena di altri pesci o decorazioni può diventare una situazione stressante per loro: anche perché, a differenza della vita in natura, non c’è nessun posto dove andarsene se non gli piace la loro situazione attuale.

A proposito di banchi di pesci

pesce angelo acquario
I pesci angelo vivono in grandi banchi (foto Pexels)

Quindi, per impedire ai nostri pesci di nuotare contro il vetro, dobbiamo fare tutto il possibile per mantenere pulita la loro acqua, in modo che non si sentano stressati e si ammalino. E eviteremo l’eccessivo sfregamento sulle pareti facendo in modo non sentano che la vasca è sovraffollata. Il secondo problema è molto importante nel caso dei pesci semi-aggressivi come gourami, pesci angelo e betta. Un numero troppo alto di altri pesci nel loro territorio possono renderli decisamente irascibili.

Ma alcuni pesci invece preferiscono avere altri pesci in giro, in particolare altri pesci che assomigliano a loro. Alcuni, come guppy, platy e molly, stanno meglio se tenuti in gruppi composti da due femmine per ogni maschio. Ciò fornisce loro le interazioni sociali di cui hanno bisogno, senza stress eccessivo su nessuno dei pesci.

Per altri pesci, più esemplari ci sono e meglio è: questi pesci vivono in enormi banchi allo stato brado, con un numero che varia da dozzine di pesci, fino a centinaia o addirittura migliaia di membri. Questo tipo di comportamento naturale è molto importante da considerare quando si tengono pesci nell’acquario domestico. Ed infatti è un altro motivo per cui è così importante informarsi sulle abitudini e le necessità del pesce che si intende acquistare. I pesci da banco devono essere in gruppi di sei o più, e questo include specie ovvie come il neon tetra e quelle non così ovvie come il pesce gatto della specie Corydoras.

Sebbene possano essere eccellenti pesci da comunità, i pesci di banco che non vivono in gruppi abbastanza grandi tendono ad avere comportamenti innaturali e stressati come il nuotare sul vetro o, peggio ancora, un comportamento aggressivo occasionale. Consigliamo quindi di avere in ogni gruppo sempre un minimo di sei pesci, ma di più è meglio se abbiamo un acquario abbastanza grande.

Compagni di vasca incompatibili

gourami nano Perché i pesci nuotano in verticale
Una vasca sovraffollata può causare stress nei pesci. (Foto Flickr)

Proprio come è importante assicurarci che i nostri pesci vivano con i giusti compagni di vasca, è altrettanto importante assicurarci che non vivano con quelli sbagliati. Un pesce vittima di bullismo è sottoposto a stress costante e potremmo trovarlo a nuotare contro il vetro o a nascondersi per tutto il tempo.

Ancora una volta, il tutto si riduce alla conoscenza del pesce che intendiamo allevare. Ad esempio, se abbiamo intenzione di avere compagni di vasca con un pesce betta, dobbiamo impegnarci nella ricerca delle migliori opzioni per riuscirci correttamente. In alcuni casi una betta aggressiva può causare stress agli altri pesci nel serbatoio; in altri casi, la betta può essere presa di mira e sarà proprio lei a mostrare segni di stress.

Ci sono esempi meno estremi. Se abbiamo una coppia di gourami maschi uno può sopraffare l’altro. Una coppia di pesci angelo può andare d’accordo o no, e uno può attaccare i compagni di vasca. Pesci che strappano le pinne, come i barbo tigre, possono stressare il pesce angelo. Ancora una volta, fare le necessarie ricerche in anticipo può aiutarci a capire come i pesci potrebbero interagire tra loro, e se sono una buona combinazione in vasca.

Dimensione dell’acquario

dwarf gourami pesce
Un pesce gourami nano: le dimensioni dell’acquario contano. (Foto Pinterest)

Infine, la dimensione dell’acquario stesso è un motivo molto importante per cui un pesce può essere stressato e infelice nel suo ambiente. Senza abbastanza spazio per nuotare e vivere, un pesce sarà stressato. Qualsiasi animale confinato in uno spazio abitativo troppo piccolo vorrà uscirne. A peggiorare le cose, i piccoli acquari sono più difficili da mantenere puliti ed è più difficile mantenere una qualità dell’acqua sana e temperature adeguate. Se abbiamo intenzione di avere più di un paio di pesci, questi problemi vengono ulteriormente aggravati.

Tutti i problemi sopra elencati sono amplificati in piccoli acquari. Dovremmo scegliere sempre almeno una vasca da 20 litri per un singolo pesce betta e una da 40 litri per i pesci tropicali. A volte questo da solo è tutto ciò che serve per risolvere i problemi con i comportamenti di stress.

Cosa fare con lo sfregamento sul vetro

congo tetra Perché i pesci nuotano in verticale
Un congo tetra (Foto Flickr)

Se il pesce nuota contro il vetro solo occasionalmente, non è nulla di cui preoccuparsi. Ci sono anche alcuni casi in cui per questa pratica è normale ed anche prevista, ad esempio quando un pesce è nuovo nell’ambiente, o dopo aver effettuato un cambio d’acqua o altri importanti interventi di manutenzione del serbatoio, o quando delle persone sono in piedi vicino all’acquario, e il pesce potrebbe aspettarsi cibo.

Ma forse abbiamo già visto tutte le situazioni precedenti e non riteniamo che nessuna di esse si applichi alla nostra situazione. I valori dell’acqua sono buoni, il nostro acquario ha le dimensioni appropriate e non è troppo pieno, i pesci di banco sembrano felici e vengono mantenuti nei numeri appropriati e non ci sono pesci aggressivi nel serbatoio. E quindi perché i pesci nuotano in verticale?

È importante ricordare che i pesci possono agire anche in modi del tutto inaspettati in un acquario. Possiamo continuare a sperimentare modi per alleviare ciò che riteniamo possa causare lo stress, ma non dobbiamo stressarci cercando di arrivare fino in fondo. O saremo noi a sfregarci sulle pareti! Prendiamo quindi le migliori decisioni possibili per i nostri pesci, e cerchiamo di fare pratica man mano con il tempo e l’esperienza.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello