Home Curiosita Sai che cos’è il tapetum lucidum del cane e del gatto? Ecco...

Sai che cos’è il tapetum lucidum del cane e del gatto? Ecco di cosa si tratta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00
CONDIVIDI

Sei sicuro di conoscere ogni cosa dei tuoi amici a 4 zampe? Se sì, saprai già cos’è il tapetum lucidum del cane e del gatto. Se no, ecco di cosa si tratta!

il tapetum lucidum del cane e del gatto (Foto Adobe Stock)
Il tapetum lucidum del cane e del gatto (Foto Adobe Stock)

I nostri amici a quattro zampe conservano ancora un alone di mistero,  nonostante si tratti di animali che conosciamo da migliaia di anni, e dei quale sappiamo (o meglio, crediamo di sapere) ogni cosa. Ad esempio, conoscete che cos’è il tapetum lucidum del cane e del gatto? Ecco una breve guida per sapere qualcosa in più sui vostri amici a 4 zampe!

Potrebbe interessarti anche: Corpi estranei nell’occhio del cane: sintomi e rimedi

Che cos’è il tapetum lucidum del cane e del gatto

I gatti hanno una vista eccezionale al buio (foto Pixabay)

A dirla tutta, in base ad una intuitiva traduzione dal latino all’italiano del termine “tapetum lucidum” (appunto tappeto lucido) si potrebbe essere ingannati e pensare a qualcosa che riguarda il pelo del gatto e del cane: in fondo parliamo di un soffice “tappeto” e altrettanto lucente, se i pelosetti sono in buona salute

Tuttavia non riguarda il pelo dei nostri amici. Il verso di una nota canzone recita “Gli occhi tuoi belli brillano”: in fondo potremmo dedicarla anche ai nostri pelosetti. E se i loro occhi brillano così tanto è anche merito del tapetum lucidum. Ebbene allora, di cosa si tratta?

Parliamo di una membrana “riflettente” che si trova dietro la retina del cane e del gatto. In realtà non si tratta di una loro prerogativa esclusiva: infatti il cane e  il gatto condividono il tapetum lucidum con tantissimi altri animali.

Quali? Tutti gli altri felini e canidi, tutti i cervidi, gli squali, ragni e diverse altre specie del mondo animale.

A cosa serve il tapetum lucidum

gli occhi del gatto brillano al buio
I gatti prediligono la caccia nelle prime ore del giorno, quando sta per sorgere l’alba; il tapetum lucidum è un alleato fondamentale (Foto Pixabay)

Ebbene, abbiamo compreso che il tapetum lucidum è una membrana che si trova dietro la retina del cane e del gatto e che dunque ha a che con fare con la loro vista. Ma più precisamente, a che cosa serve? Diciamo che il tapetum lucidum consente di vedere al cane e al gatto anche in condizioni di scarsa luminosità.

Questo significa che possono vedere in maniera eccellente anche a partire dal crepuscolo. Sostanzialmente, nei nostri amici a 4 zampe, la vista, rispetto a quella dell’uomo, sacrifica la precisione del dettaglio “in cambio” di una maggiore capacità di assorbire la luce, in particolare nelle ore di buio.

Il motivo è presto detto: parliamo di animali con dna di cacciatori. Il gatto lo è ancora, e come sappiamo predilige cacciare alle prime luci dell’alba, quando l’oscurità è ancora imperante. Il cane, seppur abbia perso le sue abilità di cacciatore innato, conserva quell’istinto ereditato dai suoi progenitori lupi.

E nel bagaglio di eredità conserva anche il tapetum lucidum, che gli consente di vedere nelle ore meno buie. Questo ci aiuta a comprendere un po’ di più come vedono i cani.

Potrebbe interessarti anche: Gatto con occhi sporchi: cause e soluzioni da adottare

Come funziona

I cani vedono al buio
Anche il cane, come il gatto, ha una vista eccellente nelle ore di oscurità (Foto Adobe Stock)

Con il tapetum lucidum il cane e il gatto sono in grado di raccogliere ogni fascio di luce che li circonda. Gli occhi dei nostri pelosetti al buio sono in grado di afferrare ogni più piccola fonte di luce, “immagazzinandola” nell’occhio. In particolare nel gatto la pupilla si dilata fino ad occupare quasi tutto lo spazio.

Ed è proprio per questo motivo che gli occhi del cane e del gatto brillano al buio. Il tapetum lucidum, una volta che la luce è stata assorbita, la riflette negli occhi dei nostri pelosetti fino a 50 volte la quantità raccolta, e consente loro di vedere bene anche nell’oscurità.

Antonio Scaramozza