Home Curiosita Stelle marine: curiosità e fatti interessanti poco noti su queste creature

Stelle marine: curiosità e fatti interessanti poco noti su queste creature

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03
CONDIVIDI

Ce le immaginiamo come decorazioni del mare, a volte. Le stelle marine sono una delle creature marine più affascinanti e particolari, e hanno caratteristiche molto curiose. 

Stelle marine (Foto AdobeStock)
Stelle marine: tra le specie più bizzarre del mare (Foto AdobeStock)

Famose ma innegabilmente simili a degli alieni delle acque, le stelle marine sono creature bizzarre che popolano una vasta gamma di ambienti oceanici. Il loro aspetto corrisponde spesso alla rappresentazione popolare del loro omonimo celeste, ma questi corpi così particolari riservano molte sorprese. A quale altra creatura potrebbe mancare un cervello ma avere gli occhi sui piedi, o non avere sangue ma essere in grado di digerire al di fuori del suo corpo? Andiamo a conoscere delle creature che spesso sembrano sfidare le leggi della biologia animale.

Curiosità sulle stelle marine

Stelle marine (Foto AdobeStock)
Curiosità sulle stelle marine (Foto AdobeStock)

Non sono sempre a forma di stella

Stella marina a forma di sole
Stella a forma di sole (Foto Pinterest)

Il solo nome di “stella marina” evoca il pensiero immediato della tradizionale stella marina a cinque punte che vediamo comunemente nelle immagini più belle dei fondi marini, ma le forme delle stelle marine possono essere in realtà anche molto diverse. 

Comunemente presenti negli habitat giusti ma molto meno conosciute, le stelle a forma di sole – o stelle a forma di girasole – possono essere enormi e modellate più come una vera stella, con i loro corpi arrotondati e molteplici “raggi” che si estendono verso l’esterno. Le più grandi stelle marine nel nord-ovest del Pacifico, le stelle a forma di sole possono misurare 1 metro di diametro e possono pesare fino a 5 chilogrammi con alcune delle specie equipaggiate con ben oltre 20 braccia. 

Le stelle a forma di sole sono più attive di molte altre specie di stelle marine, e sono perfettamente in grado di inseguire prede con un rapido movimento. Sono anche abbastanza forti da strappare conchiglie di molluschi e crostacei. Anche i cirripedi e grandi nudibranchi finiscono nel loro menu. 

Le stelle a forma di girasole sono stalker esperti, e catturano a sorpresa la loro preda prima che abbia la possibilità di fuggire. Sebbene siano originarie di acque più fredde, le stelle a forma di sole hanno colori veramente tropicali. Possono formare grandi gruppi in aree di alimentazione particolarmente ricche.

Niente sangue, niente cervello, niente problemi

Stelle marine (Foto AdobeStock)
Niente sangue o cervello? Nessun problema! (Foto AdobeStock)

Le stelle marine sono animali complessi e strani, ma in molti modi i loro corpi sono anche piuttosto primitivi. Sebbene abbiano stomaci altamente adattati e una “pelle” eccezionalmente ben sviluppata, le stelle marine non hanno il cervello e non hanno assolutamente alcun tipo di sangue.

Non avendo un flusso sanguigno o delle branchie, le stelle marine vivono pompando l’acqua di mare attraverso i loro corpi per ottenere le sostanze nutritive, l’ossigeno e gli altri fluidi essenziali per la loro esistenza. In sostituzione del sangue, l’acqua di mare viene distribuita attraverso i loro corpi attraverso un sistema noto come “sistema vascolare dell’acqua”.

Diffusi attraverso tutto il corpo di una stella marina ci sono dei canali riempiti con acqua di mare, che si muove attraverso un complesso sistema di corpuscoli e sistemi a spirale. L’acqua di mare viene fatta circolare attraverso il corpo in un modo quasi meccanico, con muscoli e ghiandole linfatiche che lavorano per spostare e regolare chimica dell’acqua. 

I seni nasali e i vari sistemi corpuscoli e tubolari lavorano tutti insieme per far funzionare il sistema alla massima efficacia, il tutto senza la presenza di sangue. Il corpo delle stelle marine è ancora qualcosa di misterioso e non è ancora del tutto chiaro come funzionano. L’esplorazione scientifica del corpo delle stelle marine rimane uno dei soggetti biologici più interessanti su questo pianeta.

Piedi appiccicosi

stella marina piedi tentacoli
I piedi di una stella marina (Foto Pinterest)

Potremmo chiamare le estensioni che si estendono verso l’esterno dal corpo di una stella marina “braccia”, ma tutte hanno dei piedi attaccati. Osservando attentamente la parte inferiore di una stella marina è possibile notare qualcosa di sorprendente: su ciascun braccio possono esserci fino a 15.000 minuscoli piedi tubolari, che si muovono in sincronia simile a come avviene su un bruco, spingendo la stella marina in avanti a un ritmo efficiente. Nella zona intercotidale, i piedi a forma di tubo tengono la stella ancorata sulle rocce, quando le onde potrebbero altrimenti spostarla e spezzarla in pezzi. 

Ancorato ai loro piedi tubolari, il ventre molle della stella abbraccia la roccia, mentre la “parte posteriore” della stella è coperta da una pelle dura e coriacea che prende la maggior parte del calore, della secchezza e della luce solare. Gli studi scientifici rivelano continuamente nuovi sorprendenti fatti sulla natura e uno di questi risultati è l’esistenza di una potente colla nei piedi delle stelle marine. I loro piedi possono formare una colla che si lega indefinitamente con un oggetto di roccia o una preda, con un tubo adiacente che rilascia un solvente per annullare il legame una volta che la stella è pronta a proseguire.

Cannibalismo

stella marina cannibale Protoreaster nodosus
La stella marina Protoreaster nodosus, cannibale (Foto Flickr)

La maggior parte di noi pensa alle stelle marine come le decorazioni dell’oceano, ma stiamo rapidamente imparando che queste creature assumono più spesso il ruolo di voraci predatori rispetto a dei passivi animali al pascolo. Potrebbe essere una sorpresa ancora maggiore apprendere che anche il cannibalismo è un fatto ben documentato della vita di queste strane creature

Dopo aver perseguitato la preda, le stelle marine ingoiano quello che hanno preso e invertono il loro stomaco per iniziare la digestione. Questo comportamento cannibale è spesso provocato da riduzioni delle normali scorte di cibo. Con la loro pelle dura e coriacea, le stelle marine di solito sfidano le prede per i cacciatori, ma le stelle marine sono ben equipaggiate per poter predare la loro specie

Alcune stelle marine non sono contrarie a mangiare individui più piccoli, anche della loro stessa specie. Una specie cannibale è la stella di mare con gocce di cioccolato (Protoreaster nodosus). È una specie prediletta dagli acquariofili, che spesso imparano a loro spese che non possono mettere insieme piccoli individui con quelli più grandi.

Predatori aggressivi con due stomaci

Stelle marine (Foto AdobeStock)
Le stelle marine hanno due stomaci e sono predatori aggressivi (Foto AdobeStock)

Le stelle marine sembrano bellissime creature inoffensive (quasi inanimate), ma sono voraci predatori con due stomaci che conferiscono loro eccezionali capacità di caccia. Uno dei loro tratti più bizzarri è la loro capacità di espellere il loro stomaco. Usando la pressione esercitata dal sistema vascolare dell’acqua, lo stomaco cardiaco può essere spinto al di fuori del corpo della stella marina ed inserito all’interno di un mollusco. 

Dopo che una stella marina apre il guscio della sua preda, incollando i suoi piedi all’esterno e strappando con forza il guscio, sparerà il suo stesso stomaco nel guscio. Lo stomaco invertito digerisce l’animale all’interno del suo stesso guscio, e lo trasforma in una sorta di zuppa liquefatta. 

Stella marina (Foto AdobeStock)
Il sistema di stomaci di questi animali è molto complesso. (Foto AdobeStock)

Supportato dai legamenti, lo stomaco riporta quindi il cibo nella stella marina per la seconda fase della digestione. Conosciuto come stomaco pilorico, questo meccanismo è estremamente complicato, con estensioni che seguono la forma della stella marina per assorbire e fornire sostanze nutritive per tutto il corpo. 

Lo stomaco pilorico si trova nella posizione centrale sopra lo stomaco cardiaco, elaborando e rilasciando sostanze nutritive attraverso le estensioni piloriche. Questi componenti avanzati dell’organo digestivo formano due file di quello che sembra composto da tanti dendriti (strutture ad albero) infilati all’interno di ciascun braccio. Ogni braccio dello stomaco pilorico ha due estensioni. L’intero processo digestivo di una stella marina è di incredibile complessità e progresso evolutivo, soprattutto considerando quanto siano primitive queste creature sotto altri aspetti.

La situazione della corona di spine

stella marina corona di spine
Corona di spine (Foto Flickr)

Nessuna recensione popolare sull’ecologia delle stelle marine sarebbe completa senza menzionare il pericolo ambientale rappresentato dalle stelle corona di spine. Diffuse verificano in tutto l’Indo-Pacifico, la stella corona di spine si distingue combinando la forma di una stella marina con l’esterno a spillo solitamente associato ai ricci

Coperte da spine velenose, queste creature possono misurare circa mezzo metro di larghezza, rappresentando una minaccia per i subacquei negligenti, i nuotatori e le barriere coralline. Il raddoppio dei livelli di fitoplancton è stato collegato ad aumenti di 10 volte nelle popolazioni di questi animali. Anche il cambiamento della temperatura e delle correnti oceaniche, nonché il declino dei predatori naturali, sono stati suggeriti come potenziali fattori nel boom della popolazione di questa specie. 

Le popolazioni basse di stelle corona di spine contribuiscono alla diversità di una scogliera nutrendosi di coralli acropoidi a rapida crescita, che offre ai coralli a crescita lenta la possibilità di attecchire maggiormente. D’altro canto, i picchi nella popolazione di questi echinodermi possono causare danni significativi alle barriere coralline. Uno dei casi più gravi comporta danni alla Grande barriera corallina. Il declino del 50% della copertura totale dei coralli nelle scogliere osservate per oltre 30 anni ha mostrato che la metà di tale declino potrebbe essere attribuita alla crescita eccessiva della popolazione di stelle corona di spine.

Le bizzarre stelle cuscino

stella marina cuscino
La stella marina “cuscino” (Foto Flickr)

Le stelle marine, come gruppo, prendono il nome dal loro aspetto simile a una stella, ma alcune specie hanno assunto un aspetto completamente diverso. Anche se restano geneticamente vere stelle marine, le stelle cuscino (Culcita novaeguinea) della regione indo-pacifica a prima vista sarebbero irriconoscibili come membri del gruppo delle stelle marine, con braccia quasi inesistenti e un corpo gonfio e simile a una macchia.

Spesso ricoperti da piccole spine dorsali, questi strani animali hanno sviluppato l’aspetto di un puntaspilli. Queste creature possono misurare oltre 25 centimetri di diametro, e possono presentare una vasta gamma di colori. Mentre le stelle marine sono in genere molto abili come predatori, in grado di cacciare i crostacei e aprirli con potenti piedi tubolari, le stelle cuscino sono animali molto più delicati con stili di vita meno drammatici. 

Si nutrono principalmente di detriti, materiale vegetale e talvolta corallo. La stella cuscino serve anche come una sorta di casa per altre specie di animali marini, in uno strano sistema di relazioni simbiotiche. Piccoli pesci possono vivere all’interno della cavità principale del corpo di questa stella marina, che è piena d’acqua, mentre gli invertebrati all’esterno puliscono le sue spine spinose.

La misteriosa malattia da deperimento

Stelle marine (Foto AdobeStock)
La misteriosa malattia da deperimento (Foto AdobeStock)

Recenti notizie di catastrofiche morti di stelle marine hanno portato la difficile situazione di queste creature all’attenzione popolare. La malattia da deperimento delle stelle marine, che porta a decessi di massa a causa del decadimento, della formazione di lesioni e della frammentazione finale dell’animale, è stata potenzialmente collegata a un densovirus. Ciò è particolarmente vero per la fine del 2014 lungo la costa nord-occidentale del Pacifico. 

La morte delle stelle marine da veri casi di malattia da deperimento delle stelle marine ha fatto luce sulla vulnerabilità delle popolazioni alle infezioni, che possono avere diverse cause patogene. Questi enormi numeri di animali morti non sono senza precedenti, ma rappresentano una minaccia per le specie chiave e hanno suscitato grande preoccupazione nella comunità della conservazione delle specie.

Sono stati osservati massicci decadimenti delle stelle a forma di girasole lungo l’isola di Vancouver, mentre altre specie di stelle marine sono state colpite lungo tutta la costa occidentale dal Messico all’Alaska. Le diverse specie di stelle marine mostrano diversi livelli di suscettibilità. Rimangono interrogativi chiave su quali esatte conseguenze ecologiche potrebbe avere il declino delle stelle marine, in termini di salute e biodiversità degli ambienti marini. 

Ulteriori domande includono quali fattori ambientali potrebbero aumentare la prevalenza dell’infezione. Possibili fattori ambientali come l’inquinamento meritano di essere considerati come un potenziale fattore che potrebbe aumentare la suscettibilità delle stelle marine alle infezioni e alla morte attraverso il deperimento. La ricerca è ancora in corso e il pubblico viene invitato da organizzazioni come l’Acquario di Vancouver a presentare osservazioni.

Le stelle marine hanno gli occhi più strani

Stella marina (Foto AdobeStock)
Le stelle marine hanno gli occhi più strani (Foto AdobeStock)

A causa della loro mancanza di sangue, un tipico sistema nervoso centrale e qualsiasi tipo di viso, potremmo naturalmente supporre che le stelle marine non abbiano nemmeno occhi. Tuttavia, le stelle marine hanno occhi che danno loro la possibilità di navigare e si trovano in un posto abbastanza strano: le punte delle loro braccia. 

Questi occhi raccolgono informazioni visive per guidare la stella marina verso qualsiasi direzione e sono simili per forma e struttura agli occhi visti negli artropodi come insetti e crostacei. È noto da tempo che le stelle marine hanno gli occhi, ma il modo in cui potrebbero vedere senza un cervello è stata una domanda importante

Studi recenti, tuttavia, hanno ora dimostrato come le stelle marine usano i loro occhi per navigare negli habitat marini con un discreto grado di precisione. Un’indagine recente ha mostrato come le stelle marine blu si possano muovere in modo non orientato fino a raggiungere i 2 metri dalla scogliera. Rilevando visivamente la barriera corallina, le stelle marine avrebbero invece impostato una linea guida per la loro destinazione. Le cellule che rilevano la luce funzionano lentamente, e le stelle marine sono daltoniche, ma sembra che immagini stabili come scogliere si stagliano come chiazze nitide per guidare questo animale.

Le stelle marine possono cambiare genere a piacimento

Stelle marine (Foto AdobeStock)
Le stelle marine possono cambiare genere a piacimento (Foto AdobeStock)

Spesso, più semplice è un animale più notevoli sono le sue capacità, come la rigenerazione di alcune parti del corpo o il cambio di genere sessuale. Alcune stelle marine possono iniziare come un solo genere, cambiare e poi tornare indietro in un secondo momento. I motivi del passaggio tra i sessi sono diversi, e possono includere la convenienza dell’allevamento e varie risposte alla qualità dell’acqua, alla temperatura e alla disponibilità di cibo. 

Le differenze di genere nelle stelle marine sono sottili da una prospettiva esterna, sebbene i maschi siano più piccoli delle femmine in alcune specie. Anche capovolgere una stella marina potrebbe non indicare sempre il suo genere. Mentre la maggior parte delle specie nasce come maschio o femmina, la stella cuscino nasce sempre maschio, con individui che passano alla femmina più avanti nella vita. 

La sessualità delle stelle marine ha molti aspetti insoliti. Prima di tutto, alcune specie hanno organi sessuali maschili e femminili e possono assumere entrambi i ruoli durante l’accoppiamento. In secondo luogo, le stelle marine non si toccano generalmente durante l’accoppiamento, ma rilasciano sperma e uova nell’acqua perché si mescolino. Terzo, alcune stelle marine sono “protettive” verso i loro piccoli, portandole sulla schiena fino a quando non sono pronti a farsi strada lungo il fondo dell’oceano.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello