Home Gatti Salute dei Gatti I parassiti del gatto in primavera: arrivano le belle stagioni

I parassiti del gatto in primavera: arrivano le belle stagioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07
CONDIVIDI

Arriva il caldo, arrivano i problemi: i parassiti del gatto in primavera sono una preoccupazione seria per noi padroni. Vediamo come trattarli e prevenirli per salvaguardare la salute dei mici.

gatto parassiti primavera
Il pericolo per i parassiti è più alto in primavera. (Foto Pexels)

I parassiti sanno essere piccole creature che minacciano seriamente gli animali domestici e le persone che vivono con noi. I sintomi possono essere di varia intensità, e devono essere trattati per prevenire ogni problema duratura o ogni fastidio. Vediamo quindi i più comuni parassiti del gatto in primavera, i migliori metodi per trattarli e come tenere al sicuro i nostri amici felini in modo da evitarli del tutto.

I tipi di parassiti esterni del gatto

Omeopatia per gatti
Curiamo la salute dei gatti (Foto Getty Images)

I parassiti si possono dividere in due categorie principali: esterni ed interni. I primi sono quelli che si attaccano al pelo o alla pelle del gatto, spesso causando sintomi quali prurito o irritazione della pelle. I più comuni sono le pulci, le zecche, gli acari, e vari tipi di vermi.

Le pulci

Sappiamo bene cosa succede quando questi piccoli esseri decidono di farsi una passeggiata sul dorso del nostro micio, e farci poi la casa. Ma questi piccoli insetti succhia sangue non causano solo un fortissimo prurito, un estremo fastidio e potenzialmente severe reazioni cutanee sia nei felini che negli umani, possono essere anche un potenziale metodo di trasmissione per i cestodi (che sono parassiti interni), se ingeriti.

Le pulci sono anche particolarmente pericolose per i giovani gattini, che possono diventare severamente anemici se ne vengono infestati. Fortunatamente, tenere i nostri gatti al sicuro dalle pulci è molto facile se seguiamo un efficace piano preventivo per il trattamento di questi parassiti. Con qualche consiglio del nostro veterinario saremo al sicuro da questi parassiti del gatto, in primavera e non solo.

Le zecche

zecca zoonosi
La zecca trasmette la malattia di Lyme all’uomo (Foto Pixabay)

Le zecche vivono solitamente in aree piene di erba o legno, e si attaccano al nostro gatto quando camminando, passa loro vicino. Il morso della zecca in sé non è necessariamente pericoloso, ma il processo di nutrimento che ha può dare origine a malattie più serie, come la malattia di Lyme e la febbre maculosa delle Montagne Rocciose, iniettando queste malattie direttamente nel flusso sanguigno del micio.

Anche se le zecche solitamente attaccano più i gatti da esterno, sono comunque abbastanza scaltre da trovare il modo di entrare in casa senza che ce ne accorgiamo, soprattutto tramite i cani o addirittura i vestiti che sono stati all’esterno.

Gli acari

Piccoli insetti che vivono sulla pelle del nostro gatto, gli acari possono causare severe irritazioni, prurito, dolore, perdita del pelo e potenzialmente delle brutte infezioni batteriche. Tra le specie più comuni ci sono gli acari dell’orecchio, che infestano e si nutrono nel canale uditivo del micio.

Se notate che il gatto si gratta le orecchie o scuote violentemente la testa, controllate l’interno delle orecchie. Se notate dei piccoli puntini simili a caffè in polvere, potreste aver trovato degli escrementi di acaro.

La tigna

La tigna, nonostante il suo nome inglese (“ringworm”, cioè “verme ad anello”), non è un verme ma piuttosto un fungo che lascia piccole macchie a forma di anello, lievemente pruriginose, sulla pelle del loro ospite. Anche se la tigna non causa molto dolore o fastidio sui gatti che ne sono affetti, può indebolire il loro sistema immunitario se non trattato. Ancora più importante, il parassita è estremamente contagioso è può diffondersi molto velocemente agli umani e gli altri animali che vivono nella stessa casa.

I diversi parassiti interni felini

gatti parassiti primavera
Prevenire problemi nel gatto è fondamentale. (Foto Pixabay)

I parassiti interni sono quelli che entrano all’interno degli organi del nostro gatto, causando vomito, diarrea, diminuzione dell’appetito, perdita di peso, anemia e perdita del pelo. Il gatto può prendere tali parassiti in molti modi, ma il metodo più comune per l’esposizione è l’ingestione di feci da animali infetti (quando il gatto lecca un altro animale, o quando è esposto a suolo contaminato, o se condivide una lettiera), o se mangia un ospite già affetto da tali parassiti, come un roditore o una pulce.

Molti di questi parassiti del gatto in primavera, sono simili in natura a vermi, mentre altri sono organismi unicellulari. Controllare e trattare tali parassiti interni in modo tempestivo è molto importante, perché anche se hanno poco effetto sulla salute dei gatti, possono essere molto pericolosi per gli umani a loro vicini.

La dirofilaria

Questo parassita del gatto entra nel suo flusso sanguigno tramite i morsi di zanzara, e viaggia così fino ai suoi polmoni. Una volta stabilitosi in questo organo, diventa una minaccia molto seria per la vita del micio. Anche un singolo parassita di questo tipo può portare il gatto alla morte, e molti di questi sfortunati gatti deceduti avevano dei parametri normali fino a un’ora prima.

Questo rende indispensabile un programma di prevenzione durante tutto l’anno, sia per i gatti da esterno – più a rischio ovviamente – che per quelli da interno o che non vivono in zone piene di zanzare.

I nematodi

Noto per portare fastidi addominali e vomito, il nematode tipicamente cresce fino a una lunghezza dai 7 ai 15 centimetri circa una volta all’interno dell’intestino del gatto. A differenza degli altri parassiti intestinali, però, questi nuotano liberamente all’interno dell’ospite invece di attaccarsi alle pareti intestinali.

Poiché le uova di questo parassita vivono tipicamente negli specchi d’acqua e nel suolo, i gatti da esterno sono particolarmente soggetti a prenderli. In ogni caso, le uova possono entrare facilmente in una casa, ad esempio si stima che almeno il 15% del terreno per piante in commercio le contenga. Quindi, non diamo per scontato che un gatto da interno sia al sicuro completamente.

La tenia

gatto all'aperto
Gatto all’aperto a contatto con la natura e parassiti come la tenia (Foto da Pixabay)

Questo parassita del gatto in primavera è un altro lungo verme che vive all’interno dell’intestino dei gatti, causando perdita di peso e letargia nell’ospite. I gatti tipicamente ingeriscono questo parassita mangiando un altro animale che ne è affetto, ad esempio una pulce o un topo. Segni che il nostro gatto possa aver contratto la tenia includono il grattarsi il posteriore, e pezzi del verme presenti nelle feci.

L’anchilostoma

Un altro parassita a forma di verme, che ha un apparato a forma di uncino con cui si aggancia alle pareti intestinali del gatto (da cui il nome inglese, “hookworm”, cioè “verme con uncino”). Si nutre dei fluidi intestinali e del sangue del suo ospite. I gatti tipicamente prendono questo parassita dagli escrementi di altri animali infetti, o ingerendone inavvertitamente le larve, o quando il parassita è adulto e si rintana nella pelle delle zampe del gatto.

Poiché l’anchilostoma si nutre del sangue felino, i sintomi di un’infezione in genere includono l’anemia, la perdita di peso, un pelo più rado e presenza di sangue digerito all’interno delle feci del micio affetto da questo parassita felino in primavera, ma anche nel resto dell’anno.

I coccidi

A differenza degli altri parassiti intestinali in questa lista, i coccidi non sono dei vermi ma invece degli organismi unicellulari che vivono nelle cellule del tratto intestinale dell’ospite. Come i vermi, però, causano in genere la diarrea. Nei gatti giovani o in quelli adulti ma debilitati questo può portare alla disidratazione, fastidi addominali e vomito. I gatti di solito contraggono i coccidi tramite le feci di altri animali già affetti dal parassita, o mangiando un roditore o un uccello che ne affetto, o dalle loro madri.

Come trattare i parassiti

gatti veterinario parassiti
Affidiamoci a un veterinario per ogni problema (Foto Pixabay)

Non è raro che un gatto prenda uno dei parassiti che abbiamo citato, una volta nella sua vita. Fortunatamente il trattamento a questo problema se eseguito tempestivamente fin dall’inizio, tende ad essere piuttosto semplice. Ovviamente, il metodo appropriato per il trattamento verrà deciso dal veterinario a seconda del tipo di parassita.

La chiave è consultare il veterinario ai primi sospetti che il nostro amico felino abbia un infestazione o un’infezione. Non è il caso di trattare il gatto in autonomia, perché alcuni prodotti in commercio – soprattutto quelli dedicati ai cani – non sono adatti ai gatti.

Come prevenire i parassiti

gatto coccole
Gatti e coccole, ma in sicurezza (Foto Pixabay)

Si dice solitamente che la prevenzione è meglio della cura, e questo è totalmente vero quando parliamo di parassiti. Poiché i gatti sono molto bravi a mascherare il dolore e i fastidi, a volte può essere molto difficile notare i sintomi dei parassiti finché l’infezione o l’infestazione non sono molto severe. Quindi il modo migliore per assicurarci che il nostro micio sia felice e in salute, è limitare il contatto potenziale ai parassiti, fare regolarmente delle analisi per quei parassiti che non sono ovvi, e applicare medicine preventive con regolarità.

Questo discorso è ancora più valido per i gatti più giovani, che sono a rischio maggiore e richiedono un piano di cura per eliminare ogni parassita interno che abbiano potuto prendere dalla madre o dai loro fratellini e sorelline. Vediamo alcune buone norme per assicurarci che il nostro gatto resti al sicuro dai parassiti del gatto in primavera.

  • Teniamo i gattini in casa. Anche se i gatti da interno possono comunque prendere i parassiti, uscire all’esterno aumenta il rischio che un gattino venga a contatto con qualcosa di pericoloso. Quelli che passano del tempo all’esterno potrebbero anche portare con sé dei parassiti in casa, e passarli ai loro coinquilini che restano sempre all’interno, quindi è importante che tutti i nostri gatti restino in casa.
  • Portiamo il gatto dal veterinario a fare dei controlli regolari. Poiché i segni di un’infestazione di parassiti o un’infezione a volte possono essere sottili, è importante portare il micio dal veterinario almeno una volta all’anno. Come professionista medico, il nostro veterinario è abituato a cercare ogni indizio che il nostro amato micio possa essere entrato a contatto con qualcosa di dannoso.
  • Facciamo dei test per parassiti frequentemente. Quando portiamo il gatto dal veterinario, assicuriamoci che faccia dei test delle feci per parassiti interni almeno una volta all’anno (o più spesso in caso di gatti giovani o gatti da esterno). Questo assicurerà che tutto quello che potrebbe essere un pericolo per la salute del nostro amichetto peloso venga alla luce prima che possa diventare un rischio peggiore. In particolare, fare dei controlli regolari per la filaria è fondamentale.
  • Sviluppiamo un piano di trattamento preventivo. I parassiti possono attaccare il nostro gatto più facilmente se ci sono dei fattori particolari, come l’età e le abitudini, il periodo dell’anno o la zona in cui viviamo. Quindi, bisogna sviluppare assieme al nostro veterinario un piano personalizzato per determinare la migliore combinazione di cure preventive da fornire al micio. Come minimo, il gatto dovrebbe ricevere delle cure anti-filaria almeno mensilmente, e un trattamento anti-tenia almeno una volta da cucciolo. I gatti più giovani e quelli da esterno sono a maggior rischio di parassiti, quindi per loro va studiato con il veterinario un piano con cure preventive maggiori e più frequenti.
  • Forniamo al nostro gatto un’alimentazione bilanciata e preparata con cura. Anche se i sistemi digestivi del gatto sanno processare la carne cruda, il cibo non cotto può essere spesso un terreno fertile per i parassiti del gatto, in primavera e non solo. Quindi l’opzione più sicura per il nostro gatto resta del cibo commerciale. Teniamo la ciotola dell’acqua pulita, e cambiamo l’acqua spesso per ridurre i rischi.
  • Teniamo pulita la lettiera del gatto. Poiché molti parassiti interni si diffondono tramite il contatto con le feci di un animale infetto, è importante pulire la lettiera regolarmente. Questo è particolarmente importante se abbiamo più gatti che condividono la lettiera. Per la nostra sicurezza, inoltre, sarebbe il caso che indossiamo dei guanti quando puliamo la lettiera.

Potrebbe interessarti anche >>>

F.B.