Home News Gatto smarrito ad Asti, ritrovato a Savona, dopo ben due mesi

Gatto smarrito ad Asti, ritrovato a Savona, dopo ben due mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:38
CONDIVIDI

Il gatto smarrito, da Asti è stato ritrovato a Savona dopo due mesi. Tanta preoccupazione per il padrone che si è risolta con il suo ritrovamento

Gatto smarrito (Foto Pixabay)
Gatto smarrito (Foto Pixabay)

Eden un gatto dal nome eloquente, molto curioso e socievole a fine settembre è scomparso dalla sua abitazione. Il micio era salito su un furgone che si trovava vicino casa sua, diretto a Savona. L’animale è rimasto per tre giorni chiuso nel mezzo di trasporto il quale ha fatto un lungo viaggio che da Asti lo ha portato a Savona. Il furgone era stato parcheggiato sotto il Priamar e solo dopo tre giorni, il portellone è stato aperto. Il micio affamato e debole, a quel punto, è saltato giù pensando bene di fare un giro per la città.

Il gatto smarrito, da Asti a Savona in furgone

Gatto che dorme (Foto Pixabay)
Gatto che dorme (Foto Pixabay)

Eden a sua insaputa, ha incredibilmente vagato per due mesi in città fino a finire, incautamente, nel condotto di aerazione di un edificio vicino al centro commerciale di corso Ricci, dove i miagolii hanno avvertito i passanti. Costoro hanno recuperato l’animale affidandolo ai volontari della Protezione Animali. A quel punto, gli animalisti dell’ Enpa hanno pensato bene di rivolgere un appello via social, immaginando che l’animale fosse smarrito.

La foto di Eden, in poco tempo, ha fatto il giro del web e grazie anche ad articoli online, comprese le condivisioni è giunta al suo legittimo proprietario.  Quest’ultimo si è subito precipitato a Savona a prendere l’animale, cogliendo l’occasione per  rivolgere un ringraziamento ai volontari dell’Enpa e ai social.

Il gatto smarrito e il lieto fine

Gatto che osserva (Foto Pixabay)
Gatto che osserva (Foto Pixabay)

Eden ha seguito il suo istinto e la sua immensa curiosità che lo hanno condotto verso una meta inaspettato ma, fortunatamente, con un lieto epilogo. Chissà magari nel suo inconscio desiderava fare un bel viaggio ma non aveva avuto il coraggio di avventurarsi nell’impresa fino all’arrivo del furgone. Pertanto, ciò che conta è che l’animale sia sano e salvo.

Potrebbero interessarti anche i seguenti argomenti:

B.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI