Home Non solo Cani e Gatti Alimentazione del coniglio cucciolo dopo lo svezzamento

Alimentazione del coniglio cucciolo dopo lo svezzamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:45
CONDIVIDI

Il coniglio è un mammifero, questo significa che la madre allatta il suo piccolo, ma vediamo l’alimentazione del coniglio cucciolo, dopo lo svezzamento.

coniglio cucciolo
Per il coniglio cucciolo l’allattamento dura fino a sette settimane.(Foto Pixabay)

L’allattamento dura fino a sette settimane, dopodiché il coniglio si rifiuterà di allattare e sarà necessario introdurre delicatamente cibi solidi nell’alimentazione del coniglio cucciolo. Il processo può essere abbastanza complicato, durante tutto questo periodo è meglio essere attenti e non provare a sperimentare l’alimentazione dei cuccioli di coniglio.

Gli studiosi esperti consigliano di iniziare a introdurre cibi freschi nell’alimentazione del coniglio cucciolo solo dopo tre mesi. Ci sono molte alternative per il cibo del coniglio, dalle crocchette alle miscele preparate. I cibi secchi sono una parte importante dell’alimentazione del coniglio cucciolo, oltre al fieno e alla vegetazione fresca, alimenti che sono molti nutrienti e aiutano a rafforzare il corpo del piccolo coniglio.

Il coniglio cucciolo domestico ha suo gusto e un olfatto abbastanza sviluppato e questo lo fa essere molto selettivo e schizzinoso sul cibo. Da questo momento il cucciolo mangerà solo ciò che gli piace (cibi dolci e / o grassi, ma anche amaro come indivia e denti di leone) e lascerà ciò che non gli piace, fino al punto da graffiarlo o addirittura rovesciare la ciotola.

Poiché i proprietari vogliono accontentarlo e tendono a viziarlo, gli daranno tutto ciò che ama. Essendo il coniglio testardo, se non lo accontentati, metterà il broncio e smetterà di mangiare. Tutto questo però può portare ad un’alimentazione del coniglio cucciolo squilibrata, causando malattie.

Alimentazione del coniglio cucciolo

frutta e verdura coniglio nano
Per il coniglio cucciolo, due pasti al giorno, sono soddisfacenti (Foto Pixabay)

Una particola caratteristica dello stomaco e dell’intestino del coniglio cucciolo è quella che, contrariamente a quanto accade in altre specie, non si sviluppa microflora digestiva, a causa della presenza, nello stomaco, di un acido grasso dovuto al latte materno.

Nei casi di coniglio orfano, l’animale verrà nutrito con latte di mucca (o qualsiasi altro latte) al posto del latte di coniglio, ma diventeranno più sensibili alle infezioni digestive perché non sono stati in grado di produrre il loro acido grasso antimicrobico. Dalle quattro alle sei settimane, l’acidità dello stomaco cambierà gradualmente e potrebbe svilupparsi una flora digestiva.

Questo solo se l’alimentazione è equilibrata e il coniglio non sia né stressati e ne esposto a batteri patogeni. In assenza di latte di coniglio, e dal momento che dobbiamo nutrire il coniglio orfano, possiamo usare la formula primaria per cuccioli o gattini. Come alternativa puoi usare il latte di mucca, arricchendolo con un tuorlo d’uovo o con la panna fresca (un cucchiaino di panna fresca per una tazza di latte).

Per i motivi sopra spiegati, è importante cercare di non introdurre molti germi mentre nutri il coniglio: quindi lavare le mani, sterilizzare il materiale e non lasciare che il latte resti fuori dal frigo o comunque aperto. Attenzione, il coniglio si prende cura del suo coniglio cucciolo solo due volte al giorno, e solo pochi minuti ogni volta.

Quindi due pasti al giorno, sono soddisfacenti, altrimenti l’animale potrebbe mangiare troppo e diventare un  coniglio obeso. L’alimentazione del coniglio cucciolo  consiste in: 70% fieno, 20% vegetazione e 10% crocchette. Il fieno deve essere verde, fragrante, non polveroso e contenere diverse parti della pianta.

Le piante devono essere fresche e variare: se la dieta è troppo monotona, il coniglio (o la signora, per quella materia), tende ad innervosirsi e può strappare il pelo e prendersela con i tappeti e persino i fili elettrici.

Alimentazione del coniglio cucciolo: il fieno

Le verdure giuste da inserire nell alimentazione del coniglio (foto Pixabay)
Il fieno è fondamentale nel coniglio è ricco di fibre (foto Pixabay)

Il fieno è fondamentale nel coniglio è ricco di fibre, è l’alimento migliore per garantire la motilità digestiva. Il fieno deve essere di buona qualità, verde, deve avere un buono  odoro e deve essere pulito da polvere. Vengono utilizzati due diversi tipi di fieno: da un lato, aumenta la diversità dei nutrienti, dall’altro da un gusto e un odore diverso, che il coniglio che ha l’olfatto molto sensibile, apprezza.

Il fieno di erba medica è più adeguato per coniglio cucciolo, o per i conigli in gravidanza, in allattamento o comunque carenti di calcio, questo perché sono più ricchi di energia e calcio. Mentre il fieno di prateria è la base del coniglio adulto. Per quanto riguarda la quantità, il coniglio deve essere in grado di consumare l’equivalente del suo volume corporeo, ogni giorno, ed è meglio distribuire una piccola quantità, più volte al giorno, in un vassoio o una ciotola.

Non lasciare a portata di coniglio il suo cibo dal mattino o il coniglio passerà la giornata a fissare la sua pappa. Anche la masticazione del fieno essendo lunga, consente al coniglio di usare i suoi denti in continua crescita, rispettando i suoi normali movimenti di masticazione (orizzontali), a differenza di crocchette.

Alimentazione del coniglio cucciolo: la vegetazione

coniglio pelo
La vegetazione per il coniglio può anche essere in abbondanza (Foto fonte Pixabay)

Il verde non è sinonimo di verdura, per vegetazione si intende la parte emergente (aerea) delle piante, le erbe e il fogliame. La vegetazione è ciò che si avvicina di più a ciò che il coniglio selvatico mangia nel prato.

Questa alimentazione va distribuita in abbondanza e ogni giorno, anche se genera poca energia, apporta però fibre e silice (per l’usura dei denti), idratazione e  vitamine (in particolare vitamina A, importante per la pelle e le mucose, vitamina D per l’equilibrio del calcio e della vitamina E per la sua azione antiossidante).

La quantità giornaliera di verde al coniglio, (da dividere in due pasti) è l’8% del peso del coniglio: ossia di 80 grammi al giorno (40 grammi mattina e sera) percentuale per ogni chilo di peso del coniglio. Le verdure vengono somministrate non pelate e lavate. Piante aromatiche come: prezzemolo, timo, finocchio, coriandolo, basilico, menta, carote, rape o ravanelli, sedano, crescione, bietola (elenco lungo), si adattano bene all’alimentazione del coniglio cucciolo.

La maggior parte delle insalate come per esempio: foglia di quercia, scarola, riccia, lattuga d’agnello, rucola, dente di leone, indivia, spinaci per il coniglio, sono perfette, tranne la lattuga, troppo ricca di acqua, dovrebbe essere evitata. Per quanto riguarda gli altri ortaggi: si possono dare cavoli, melanzane, ortaggi, ma in quantità molto moderate.

Verdure ricche di acqua (cetrioli, zucchine), possono essere date quando fa caldo. Gli avocado, patate e fagioli crudi, sono invece velenosi. I frutti, molto ricchi di zuccheri, dovrebbero essere dati solo in poche occasioni: una o due volte a settimana e in quantità molto ridotte.

Insomma bisogna considerarli come prelibatezze. Un discorso a parte per la mela, poco nutriente, è generalmente apprezzata dal coniglio, non è pericolosa se consumata con moderazione. Lo stesso vale per i frutti con polpa rossa o arancioni. Da escludere assolutamente la banana, frutto troppo energico, che in generale vanno evitati.

Crocchette e granuli

coniglio cucciolo e cibo
Coniglio e cibo (Foto Pixabay)

I granuli sono alimenti disidratati facili da usare e da ottenere per i conigli domestici. In realtà si trovano in tutti i negozi di animali. Anche se possono sembrarci simili questi mangimi, è necessario prendere cibo che sia solo per il coniglio e quindi non pacchetti utilizzati anche per cavie.

I granuli sono un alimento ricco e completo perciò sarebbero preferibili alle miscele di cereali, in quanto sono molto grassi e il tuo coniglio cucciolo non farà altro che scartare i semi che gli piacciano da quelli che non gli piacciono, provocando carenze nutritive, in quanto l’alimentazione del coniglio cucciolo corretta deve essere composta da granuli ricchi di fibre, proteine e poco calcio.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI