Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Il merlo indiano: caratteristiche, habitat e alimentazione

Il merlo indiano: caratteristiche, habitat e alimentazione

Il merlo indiano è un melodioso uccello, con caratteristiche tutte da scoprire al di là del suo aspetto total black. Scopriamo dove vive e di cosa si nutre.

merlo
Il merlo comune ( Turdus merula ) si trova nella maggior parte dell’Europa. (Foto Adobe Stock)

Il merlo indiano o maina (Gracula religiosa) fa parte della famiglia degli Sturnidi. Proviene dall’Asia, dove in natura ha una distribuzione piuttosto ampia, che si estende dalle pendici dell’Himalaya fino allo Sri-Lanka e alle Filippine e dai confini orientali del Pakistan all’Indocina. Scopriamo di più su questo incredibile uccello.

Merlo indiano: aspetto e caratteristiche

il merlo indiano è la specie più diffusa in Europa.

merlo indiano parlare
Merlo indiano (Screenshot Video)

Si tratta di un uccello molto facile da individuare con la sua particolare colorazione.

Il piumaggio di questo uccello è tutto nero tranne il becco che è  giallo e un cerchio intorno agli occhi.

Le dimensioni dei maschi adulti misurano tra i 24 e 27 centimetri, con un peso che è compreso tra 71 e 150 grammi.

In media il maschio adulto pesa 102,8 grammi, mentre la femmina adulta è un po’ più leggera, arrivando a circa a 100,3 grammi.

I merli adulti mostrano un chiaro dimorfismo sessuale: il piumaggio del maschio è come abbiamo appena descritto, nero monocromatico, il becco va dal giallo chiaro all’arancione, con un cerchio disegnato intorno agli occhi, il cui colore è quasi simile a quello del becco.

Mentre il colore della femmina, è molto più variabile, con una prevalenza marrone scuro, in parte invece nel grigio.

Quanto vive in media un merlo indiano?

In cattività il merlo può vivere fino a 15-20 anni se cresciuto in buone condizioni.

I giorni della merla
(Foto iStock)

In natura, invece, solitamente la sua vita non supera i 10 anni.

Purtroppo è il clima ad influenzare la durata di vita di questo uccello: in estate, soffre di siccità prolungata, in inverno di gelo e forti venti.

Tuttavia, il merlo indiano, in genere sopravvive meglio degli altri merli grazie al suo ampio spettro alimentare.

Oltre alla mancanza di cibo, l’esistenza del merlo può essere indebolita da varie malattie o parassiti degli uccelli.

Potrebbe interessarti anche: Perché non toccare un nido: motivi e rischi

Habitat e riproduzione

Il merlo indiano, con il piumaggio più scuro, viveva negli interni più umidi, preferendo le foreste originariamente dense.

merlo indiano
Merlo indiano (Screenshot Video)

Ancora oggi si riproduce nei luoghi bui delle foreste ricche di sottobosco e cerca cibo in terreni privi di vegetazione o erbe corte.

Il merlo oggi lo possiamo trovare, in quasi tutti i tipi di cultura e paesaggi.

Il suo habitat comprende giardini, parchi e strutture simili, presenza di alberi e arbusti in aree industriali, frutteti, ma anche distese, l’importante è che ci siano arbusti di campo.

Potrebbero interessarti anche: Uccelli e animali esotici dal veterinario: tutti i motivi per farlo

Come si riproduce

In merito alla riproduzione il merlo diventa maturo sessualmente al compimento di un anno di vita, questo uccello ha una relazione monogama.

Uova di merlo
Uova di merlo (Foto Pinterest)

Il rituale di corteggiamento, che spesso avviene dopo la canzone del mattino, quando il maschio corre dall’alto verso il basso con passi austeri davanti alla femmina.

In questa occasione, si ostenta in posizione eretta, con il collo lungo e allungato, la testa e il piumaggio del petto e dello stomaco gonfi.

Le ali penzolanti e tremolanti, producendo un suono di corteggiamento o una canzone.

A seguito di questo corteggiamento avviene l’accoppiamento.

Dopodiché la femmina costruisce il nido da sola a forma di scodella.

Una volta completata la costruzione del nido, di solito occorrono da uno a tre giorni prima che il primo uovo venga deposto, quindi le uova vengono deposte a intervalli di 24 ore.

Un nido di solito è composto da quattro a cinque uova, l’incubazione dura in media 13 giorni.

Le uova poi si schiudono entro due giorni. Entrambi i sessi partecipano all’alimentazione dei piccoli, il maschio spesso sostituisce anche la femmina in caso di morte.

All’età di circa 18 giorni, i pulcini possono spiccare il volo, ma solo dopo 19 max 32 giorni, diventano del tutto indipendenti.

Potrebbe interessarti anche: Pappagallo cenerino domestico: caratteristiche, alimentazione e consigli

Alimentazione del merlo indiano

La dieta del merlo indiano, varia durante le stagioni.

merlo alimentazione
La dieta del merlo, varia durante le stagioni ma è composta da insetti e le loro larve, ragni, piccole lumache, vermi e frutta.(Foto Adobe Stock)

In generale, l’alimentazione di questo uccello è composta da insetti e le loro larve, ragni, piccole lumache, vermi e frutta:

  • mele;
  • pere;
  • ciliegie;
  • fragole;
  • lamponi;
  • ribes;
  • bacche di cotone;
  • edera;
  • ginepri;
  • cenere di montagna;
  • more;
  • tasso;
  • vischio;
  • agrifoglio;
  • sambuco.

Nella zona mediterranea nella macchia e nella boscaglia, sono principalmente bacche di ginepro, vimini, che vengono consumati soprattutto in autunno durante la migrazione e lo svernamento.

Anche l’uva matura di settembre o grappoli lasciati lì dopo la raccolta, è una parte importante della dieta autunnale nelle aree coltivate.

Occasionalmente può verificarsi il consumo di piccoli vertebrati (lucertole, rane, piccoli pesci).

Il merlo raramente beve acqua, poiché il cibo consuma di solito contiene abbastanza acqua.

Quando beve, spesso entra in acque poco profonde fino allo stomaco e immerge il becco.

Potrebbe interessarti anche: Pappagallo dalla faccia rosa: caratteristiche, habitat e alimentazione

Merlo indiano in cattività: cosa sapere

Il merlo è un uccello intelligente, molto curioso e socievole.

merlo
(Foto Pixabay)

Nonostante il suo aspetto e il colore nero del piumaggio, tende ad essere vivace e anche divertente grazie alle sue capacità imitative, è in grado di apprendere e replicare i suoni.

Caratteristica simile ai pappagalli e per questo se si sceglie questo uccello come animale domestico è meglio sapere che bisogna garantirgli un buon numero di ore in compagnia.

Ecco tutte le informazioni da conoscere se si sceglie di avere un merlo indiano per amico.

Potrebbe interessarti anche: Perché gli uccelli fanno il nido: come ci riescono

Come allestire l’habitat del merlo indiano

Proprio in merito agli habitat appena citati, dobbiamo considerare che il merlo in cattività va tenuto in voliere abbastanza grandi, fornita di rami o piccoli alberi che riproducano alcune caratteristiche dell’habitat originario.

merlo indiano
Merlo indiano (Screenshot Video)

Sul fondo vanno sistemati giornali o altri supporti da sostituire quotidianamente per garantirne la pulizia.

La posizione della gabbia all’interno della casa è un aspetto altrettanto significativo per il benessere di questo uccello che non deve sentirsi emarginato, inoltre è preferibile disporre la gabbia ad una buona esposizione alla luce solare e concedere la presenza di acqua fresca.

Potrebbe interessarti anche: Gli uccelli perdono le piume: cause possibili e tutti i rimedi

Cosa dare da mangiare al merlo indiano

In cattività, il merlo indiano ha bisogno di una dieta bilanciata, ricca di proteine di alta qualità e frutta.

merlo indiano
Merlo indiano (Screenshot Video)

Attenzione alla quantità di ferro: è bene che la sua alimentazione ne sia povera, in quanto questa sostanza è già contenuta nella carne.

Potrebbe interessarti anche: Trovato un uccellino ferito o appena nato: cosa fare

Come si addestra un merlo indiano?

Considerato particolarmente creativo nel comporre versi e variare i suoni.

allevare un merlo indiano: come fare e come nutrirlo (foto iStock)
allevare un merlo indiano: come fare e come nutrirlo (foto iStock)

I versi melodiosi suonano spesso piacevoli all’orecchio umano ma qualche volta fin troppo insistenti.

Questo uccello riesce ad eseguire da due a tre brani diversi, che varia ad ogni esecuzione.

I suoi versi possono durare in media poco più di due secondi.

Per  addestrarlo, è fondamentale iniziare a interagire con il volatile sin dal suo arrivo, ripetendo per qualche giorno la stessa parola, in modo che riesca a memorizzarla con maggior facilità.

L’orario più adatto per svolgere questa operazione è di pomeriggio, quando l’animale risulta più ricettivo.