Home Non solo Cani e Gatti Punture di insetti estivi nel criceto: come riconoscerli e intervenire

Punture di insetti estivi nel criceto: come riconoscerli e intervenire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:58
CONDIVIDI

Nella bella stagione, i pericoli di parassiti e punture di insetti negli animali domestici aumentano, anche nel criceto. E ovviamente, dobbiamo sapere come comportarci.

Punture di insetti estivi nel criceto
Punture di insetti estivi nel criceto (Foto Unsplash)

Come per gli umani e per tanti animali domestici, l’estate è un momento divertente e magico ma con qualche pericolo e fastidio per i criceti. Non c’è solo il caldo da cui proteggere il nostro piccolo amico peloso, ma anche altri problemi che possono incorrere nei mesi più soleggiati. Parliamo ovviamente di parassiti e insetti. Questi fastidiosi animaletti possono mordere o pungere i nostri criceti, con vari rischi per la loro salute. Vediamo allora quali sono le principali problematiche cui andiamo incontro in estate, e come comportarci per ridurre al massimo gli effetti negativi sui nostri piccoli animaletti.

Potrebbe interessarti anche: Animali domestici, come proteggerli dal caldo torrido in estate

I principali problemi estivi: le zanzare

Zanzara sulla foglia (Foto Pixabay)
Zanzara su una foglia: di certo il più diffuso insetto estivo (Foto Pixabay)

Le zanzare possono mordere i criceti? Purtroppo sì. Questi fastidiosissimi insetti estivi non sono per niente schizzinose quando devono decidere che animale o umano pungere. L’importante, per questi parassiti, è che ci sia tanto sangue cui attingere.

Ma perché le zanzare pungono? Innanzitutto, solo le femmine pungono gli animali e gli esseri umani per succhiare il sangue, e lo fanno per deporre e fertilizzare le loro uova. Nel farlo, iniettano una piccola quantità di saliva che è il vero motivo per cui le punture di zanzara sono così fastidiose e prudono tanto.

Purtroppo, come anticipato, non interessa alla zanzara che davanti a loro ci sia un cane, un umano, o – come nel nostro caso – un piccolo criceto: per loro c’è solo un serbatoio contenente sangue, da cui fare un po’ di scorta.

Le zanzare proliferano nelle zone umide, e l’unico modo per eliminarle davvero è farlo prima che diventino adulte. La prima parte della loro vita infatti, viene vissuta sotto forma di larve, che vivono in acqua e si trovano di solito nei bacini idrici immobili o in acqua stagnante. Ecco perché, se abbiamo delle pozzanghere vicino casa, o dei secchi di acqua, o anche semplicemente dei sottovasi per le piante in balcone dove si deposita un po’ di acqua, le zanzare saranno molto numerose.

Il metodo migliore è quindi svuotare questi possibili depositi per le larve, in modo da evitare che si possano stabilire e riprodurre nelle vicinanze della nostra casa. Un esempio può essere quello di non usare un innaffiatoio per il giardino (dove si deposita acqua) ma usare invece una pompa. Inoltre, ci sono molti prodotti – anche naturali, che abbiamo già descritto in passato – per tenere lontane le zanzare.

Come intervenire nella gabbia del criceto

nomi per criceti
La gabbia del criceto va tenuta perfettamente pulita. (Foto iStock)

Possiamo fare tanto per evitare che la gabbia del nostro criceto attiri le zanzare. Questo dovrebbe ridurre le punture di insetti estivi, ed i parassiti che possono dare problemi al nostro piccolo animaletto.

I criceti infatti, tendono a passare tanto tempo nella loro gabbietta, correndo sulla ruota per ora, divertendosi a giocare con qualche oggetto che hanno a disposizione, mangiando e riposando. Per questo, il primo passo per la prevenzione di punture di insetti è proprio la loro gabbia, per tenere il loro habitat pulito e senza problemi.

Se pensiamo a una soluzione rapida e immediata per liberarci di fastidiosi insetti e parassiti, certamente pensiamo a un pesticida. Molti di questi prodotti, a quanto riportato dall’etichetta, non hanno ripercussioni negative sulla salute degli animali domestici. Ma ovviamente, è normale ogni prodotto contenente sostanza chimiche ci faccia storcere un po’ il naso.

Inoltre, i prodotti biologici e naturali sembrano essere la scelta più sicura per i nostri amici pelosi. Ma in ogni caso, è sempre meglio chiedere prima di tutto consiglio al nostro veterinario. Solo così possiamo essere sicuri che il pesticida che utilizziamo non è una minaccia per il nostro criceto.

Una gabbia sporca è uno dei principali motivi per cui i parassiti estivi e gli insetti si avvicinano al nostro criceto. Una pulizia ottimale e regolare, compresa di tutti gli oggetti contenuti nella gabbietta, è fondamentale e non deve mai essere sottovalutata.

Gli insetti amano vivere in aree calde e umide. Un buon modo per ridurre l’avvicinarsi alla gabbia degli insetti e ridurre quindi le punture nel criceto è conservare la lettiera del criceto in freezer prima dell’uso: questo può aiutare a non creare un ambiente ideale per i parassiti.

Inoltre, poiché i criceti sono famosi per non tenere molto pulita la loro gabbia, e per mangiare in modo estremamente disordinato, i detriti di cibo possono accumularsi. Anche se diamo qualche piccolo premio in cibo, magari il nostro animaletto potrebbe non mangiarlo subito o per intero, lasciandolo nella gabbia e attirando così degli insetti come i moscerini della frutta o simili animaletti. Ecco perché è importante rimuovere immediatamente tutto quello che può attirare insetti.

Potrebbe interessarti anche: Portare il criceto in vacanza si può: ecco come viaggiare in sicurezza

Gli acari e le uova di insetto

criceto mangiare pera
Altri parassiti possono essere attratti dal nostro criceto. (Foto Pinterest)

Una volta che abbiamo escluso tutti le possibili cause dalla gabbia e dall’habitat del nostro criceto, un altro possibile motivo per evitare punture di parassiti ed insetti è proprio il nostro piccolo animaletto. Gli acari del criceto sono piuttosto comuni, anche se solitamente esistono in piccole quantità.

Un minimo numero di acari solitamente non è un problema per il nostro criceto, ma il problema può sorgere nel momento in cui il suo sistema immunitario è debole o se ha un periodo di forte stress: allora si può creare una vera infestazione.

Gli acari (quasi) non sono visibili a occhio nudo, e il segnale che ci deve mettere in allarme è la pelle del nostro criceto. Se arrossata, screpolata e con forti graffi, potrebbe essere il segno di un’infestazione di questi fastidiosi insetti. La cosa migliore è portare il nostro piccolo pelosetto dal veterinario per una diagnosi precisa, e il migliore trattamento.

Un altro possibile problema legato ai parassiti è la presenza in alcune zone e oggetti della casa di uova di insetti. Ad esempio, i contenitori per gli alimenti: anche se a prima vista non ci sono insetti, potrebbero essere presenti delle uova di insetti. Queste uova si schiudono facilmente se si trovano in un ambiente caldo.

Il cibo del criceto quindi va conservato in un contenitore pulito ed ermetico, in frigorifero così da impedire alle uova di schiudersi. Inoltre, non è consigliato lasciare il cibo non consumato nella ciotola del criceto, aggiungendone solo un po’. Bisogna sempre svuotare la ciotola, pulirla, e mettere nuovo cibo, in modo da tenere lontani gli insetti dalla gabbia del nostro animaletto.

F. B.