Home Cani Salute dei Cani L’iperplasia prostatica benigna nel cane: cause, sintomi e trattamento

L’iperplasia prostatica benigna nel cane: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44
CONDIVIDI

L’iperplasia prostatica benigna nel cane è purtroppo una condizione molto frequente a cui l’animale è predisposto. Vediamo cause, sintomi e trattamento.

cane
Iperplasia prostatica nel cane (Foto Pixabay)

L’iperplasia prostatica benigna nel cane, è un eccessivo aumento delle dimensioni della prostata. L’intero volume della prostata aumenta di dimensioni. L’iperplasia prostatica benigna nel cane può iniziare già all’età di due anni, ma si fa presente in modo significativo dai 5 anni nel cane maschio.

L’iperplasia prostatica benigna, indebolisce la prostata del cane e la rende più sensibile ad altre condizioni spesso gravi: infezione prostatica (prostatite), ascesso prostatico, ecc. D’altra parte, l’IPB può causare un calo della qualità dello sperma. Infatti è una delle cause più frequenti, se non la causa, di infertilità (o ipofertilità) nel cane maschio.

La compromissione della qualità dello sperma del cane adulto è molto più comune di quanto si pensasse in precedenza; oggi sembra essere la causa più importante del declino della fertilità associato all’invecchiamento del cane (dopo 7 a 8 anni). L’IPB spesso degrada progressivamente lo sperma.

All’inizio, non risulta essere un grande problema e passa addirittura inosservato perché il cane eiacula abbastanza spermatozoi di buona qualità da rendere incinta la cagna, poi gradualmente muoiono sempre più spermatozoi e il cane diventa sterile. Solo il 10% dei cani sterili può essere curato e quasi tutti i casi in cui c’è stata una diagnosi all’inizio della malattia possono essere completamente guariti.

Sintomi dell’iperplasia prostatica benigna nel cane

Le malattie della prostata, presentano una serie di sintomi.(Foto Pixabay)

Le malattie della prostata, indipendentemente dalla loro causa, presentano una serie di sintomi che possono essere suddivisi in quattro gruppi:

  • Sintomi urinari, tra cui, più frequentemente, sanguinamento dal pene, sangue nelle urine del cane, difficoltà o dolore durante la minzione e l’incontinenza urinaria.
  • Sintomi digestivi, dovuti alla pressione della prostata sull’intestino, in modo che costipazione, dolore durante la defecazione o altri cambiamenti come le feci sembrano schiacciati.
  • Sintomi motori, che sono meno comuni di quelli sopra menzionati e sono caratterizzati da sintomi come zoppia nel cane, rigidità dovuta alla pressione della prostata sui nervi dopo l’area della prostata.
  • Sintomi generali, che sono molto comuni. In effetti, in più della metà dei casi si verificano sintomi come febbre, dolore generalizzato, depressione, mancanza di appetito, perdita di peso o vomito del cane.

Diagnosi precoce dell’iperplasia prostatica benigna nel cane

cane dal veterinario
Cane a visita dal veterinario per la diagnosi.(Foto Pixabay)

Di fronte a patologie prostatiche, il miglior modo per agire al meglio è la diagnosi precoce e l’applicazione di trattamenti adeguati. La rapida reazione dei proprietari di rivolgersi al veterinario quando insorgono i seguenti sintomi:

  • costipazione;
  • difficoltà a urinare;
  • presenza di sangue nelle urine;
  • modo strano di camminare e apatia.

In alcuni casi può anche apparire: febbre, malessere, depressione, mancanza di appetito, perdita di peso o vomito.

Metodi diagnostici e trattamenti

pronto soccorso veterinario animali 118
L’esame più idoneo da fare è l’ecografia  (Foto Istock)

Il metodo più efficace per una diagnosi corretta è l’ecografia. Un esame del sangue al cane, consente la diagnosi precoce dell’IPB e quindi lo screening regolare nel cane da riproduzione prima di un deterioramento della qualità dello sperma (a volte irreversibile) Il trattamento può essere medico o chirurgico. Dipende dal tipo di patologia, dal grado di condizione o dall’età del paziente. Se il trattamento è con antibiotici, può essere:

  • specifici e assunti per un bel po ‘di tempo.Gli antibiotici penetrano con difficoltà nella prostata, quindi devono essere con ormoni per alleviare la produzione di ormoni maschili, responsabili delle patologie prostatiche.

Quando il trattamento è chirurgico, ci sono tre opzioni:

  • Castrazione, ossia l’alternativa più frequente.
  • Drenaggio delle cisti, per svuotare il loro contenuto e impedirne la riproduzione.
  • Chirurgia prostatica indicata in caso di tumori. Si tratta di un’operazione complicata e comporta un rischio di effetti collaterali, come l’incontinenza urinaria.

Prevenzione e consigli

cucciolo dal veterinario
La diagnosi può essere effettuata utilizzando vari test.(Foto Pixabay)
  • La castrazione e la sterilizzazione sono efficaci metodi preventivi contro la malattia.
  • Quando si verificano sintomi come: zoppia, costipazione, sangue nelle urine o perdita di appetito, porta il cane a visita.
  • Dall’età di sette anni o anche prima, come determinato dal veterinario, effettuare controlli periodici per rilevare e diagnosticare la malattia il più presto possibile.
  • Seguire le istruzioni del veterinario per quanto riguarda il trattamento, una volta che il cane è stato diagnosticato.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI