Home Cani Salute dei Cani Non sopporti più le sue puzzette? 🤢 Forse dovresti provare a capirne...

Non sopporti più le sue puzzette? 🤢 Forse dovresti provare a capirne le cause

L’ha fatta di nuovo? Il problema della flatulenza del cane è piuttosto comune: come capirne le cause ed evitare le sue puzzette.

Cane fa le puzzette
Cane si vergogna delle sue puzzette (Canva)

Ne ha fatta un’altra e l’aria sta diventando davvero irrespirabile? E’ ora di risolvere il problema della flatulenza del cane e interrompere la frequenza delle sue puzzette. E’ probabile che si tratti di un evento occasionale, ma qualora il problema dovesse persistere è opportuno andare a fondo e capirne le cause per risolverlo, poiché potrebbero nascondere problemi di salute anche piuttosto seri.

Il cane fa le puzzette: è normale?

Che il cane emetta i suoi gas sotto forma di puzzette più o meno rumorose e più o meno maleodoranti, è un evento del tutto normale nella vita di Fido. Possono essere legate a qualcosa che ha mangiato, e che magari sarà il caso di non dargli più.

Carlino
Carlino in primo piano (Canva)

Vi sono alcune razze che, più di altre, sembrano più predisposte alle puzze: si tratta di Carlino, Bulldog e Boxer, tutti con la stessa caratteristica, ovvero un muso corto e piatto e brachicefali. E come mai? Perché quando mangiano e bevono assimilano più aria nello stomaco rispetto agli altri loro simili e dunque ne accumulano di più da espellere.

Tuttavia se il problema dovesse persistere, per quanto sia divertente per alcuni sobbalzare a questi rumori e fastidioso per altri sopportarne la puzza, è il caso di andare a fondo.

Flatulenza nel cane: le cause legate all’alimentazione (anche umana)

Se siamo soliti dare al cane gli avanzi della nostra cena, è bene sapere che non solo è rischioso per la sua salute (anche perché si tratta di cibi conditi e spesso non bolliti) ma vi sono in particolare alcuni cibi che causano proprio la flatulenza nel cane, ovvero:

Cane e dolci
Cane mangia dolci (Canva)
  • dolci,
  • spezie,
  • fagioli,
  • latticini,
  • piselli,
  • soia,
  • cibi grassi.

Tuttavia anche adottando un’alimentazione specifica per il cane potremmo riscontrare il medesimo problema di flatulenza: infatti per quanto regolamentati, alcuni mangimi potrebbero contenere conservanti, additivi e coloranti che possono causare intolleranze alimentari nel cane. Anche i mangimi lasciati al sole o aperti da troppo tempo possono sviluppare muffe e aflatossine che, se ingeriti, favoriscono la produzione di gas intestinali.

Flatulenza nel cane: quando è dovuta a problemi di salute

Dai virus che attaccano l’intestino del cane (come ad esempio tenia e parvovirosi, tra i più comuni) ai problemi dentali e di malocclusione che fanno ingerire a Fido più aria del dovuto mentre mangia e beve (soprattutto se lo fa con voracità), si unisce anche l’infiammazione del pancreas, ovvero la pancreatite canina.

Cane e medicinali
Cane prende medicinali (Canva)

A volte anche l’uso di medicinali e antinfiammatori possono colpire l’apparato intestinale, sconvolgendolo e alterando il suo sistema microbiota. Nei casi peggiori la flatulenza può essere dovuta alla presenza di un tumore, quelle che colpiscono in particolare l’apparato gastroenterico.

Potrebbe interessarti anche: Scopri le allergie nel cane: cause, sintomi, diagnosi e terapia per fido

Come risolvere il problema delle puzzette nel cane

E’ opportuno fare dei piccoli cambiamenti importanti nel suo stile di vita, in modo da capire anche se è il caso di portarlo dal veterinario oppure si tratta di un errore magari legato all’alimentazione o alla poca attività fisica. Proviamo infatti non solo a inserire nella sua dieta alimenti meno ricchi di carboidrati, più proteine e in generale cibi meno trattati, ma portiamolo anche a fare attività fisica all’aperto.

Potrebbe interessarti anche: Scopri i cibi che aiutano il cane a digerire: gli alimenti migliori per fido

Pare che l’esercizio stimoli anche l’apparato intestinale del nostro animale! Infine proviamo ad aggiungere integratori (dietro consiglio del veterinario) e carbone attivo, che si trova anche sotto forma di biscottini.