Home Curiosita Come dormono i gufi? Da cuccioli in una posizione molto scomoda

Come dormono i gufi? Da cuccioli in una posizione molto scomoda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:51
CONDIVIDI

Avete mai visto come dormono i gufi? Soprattutto i piccoli, hanno un modo davvero particolare e unico di riposare. Ma c’è un motivo specifico per cui lo fanno.

Come dormono i gufi
Come dormono i gufi? Una civetta delle nevi sbadiglia. (Foto Flickr)

Grazie ai social network e a delle immagini apparentemente buffe, le persone stanno scoprendo come dormono i gufi da piccoli. Questi piccoli uccelli rapaci infatti dormono sdraiati a faccia in giù, quasi come se fossero caduti a terra. Ovviamente sono nati molti buffi meme che paragonano questi rapaci notturni che dormono a degli umani ubriachi crollati al suolo. Ma in realtà c’è un motivo specifico: le loro teste, rispetto al corpo, sono troppo pesanti. Ma non è l’unica cosa particolare legata al sonno dei gufi.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sul gufo: nozioni e leggende su questo carismatico rapace

Il modo buffo di dormire dei gufi

gufo dorme
Un giovane gufo dorme a faccia in giù (Foto Tumblr)

I piccoli di tutte le specie nascono sempre con una testa molto grande rispetto al loro corpo, ma le teste dei giovani gufi sono così pesanti che questi uccelli devono necessariamente dormire a faccia in giù. Ovviamente il web si è scatenato con ironia e battute, visto che in effetti l’immagine ricorda molto un ubriaco che barcollando è cascato al suolo.

Inizialmente, addirittura, si pensava che l’immagine fosse un falso; ma in seguito a qualche approfondimento, si è presto rivelato che effettivamente è normale che i giovani gufi siano sdraiati a dormire in questa posizione apparentemente molto scomoda.

Fondamentalmente, i gufi adulti dormono in piedi perché sono completamente sviluppati, ma i gufi più giovani fanno fatica a reggere il peso della loro testa (sproporzionata rispetto al corpo), quindi devono sdraiarsi. Per chi osserva dei piccoli gufi dormire, può essere divertente scoprire che hanno l’abitudine di dormire sullo stomaco con la testa girata di lato. Inoltre, fanno dei brevi sonnellini, e quando dormono non amano essere svegliati, nemmeno per essere nutriti.

Le fasi REM tra giovani e adulti

gufo dorme
Non solo dormono in modo particolare, hanno anche fasi REM molto ampie. (Foto Pinterest)

Oltre a notare come dormono i gufi da piccoli, che è diverso da come dormono gli adulti, c’è un’altra caratteristica molto interessante del sonno di questi uccelli. Come neonati umani, i piccoli gufi hanno fasi REM più lunghe rispetto agli adulti. Questa scoperta di alcuni esperti ornitologi e universitari, è stata fatta su gufi e civette in natura.

Studiando i barbagianni allo stato brado, i ricercatori hanno scoperto che questo cambiamento nel sonno è fortemente correlato con l’espressione di un gene coinvolto nella produzione di macchie di piume scure e melaniche, un tratto noto per variare in concomitanza con tratti comportamentali e fisiologici nei gufi adulti. Questi risultati aumentano la possibilità intrigante che i processi di sviluppo legati al sonno nel cervello contribuiscano al legame tra melanismo e altri tratti osservati nei barbagianni adulti e in altri animali.

Il sonno nei mammiferi e negli uccelli consiste di due fasi, il sonno REM (“Rapid Eye Movement Sleep”) e il sonno non REM. Sperimentiamo i nostri sogni più vividi durante il sonno REM, uno stato paradossale caratterizzato da un’attività cerebrale sveglia. Nonostante ricerche approfondite, lo scopo del sonno REM rimane un mistero. Una delle caratteristiche più salienti del sonno REM è la sua preponderanza all’inizio della vita.

Una certa varietà di mammiferi trascorre molto più tempo nel sonno REM durante la prima infanzia rispetto a quando sono adulti. Ad esempio, come neonati, metà del nostro tempo da addormentati è trascorso nel sonno REM, mentre durante la notte di un adulto medio, la fase REM probabilmente comprende solo il 20-25% del tempo passato a sonnecchiare.

Anche se gli uccelli sono l’unico gruppo non mammifero noto per impegnarsi chiaramente nella fase REM del sonno, non è chiaro se il sonno si sviluppi allo stesso modo nei piccoli uccelli. Di conseguenza, questi scienziati hanno riesaminato questa domanda in una popolazione di barbagianni selvatici. Hanno usato un elettroencefalogramma e un registratore di dati di movimento in combinazione con vari sensori, per registrare il sonno in 66 civette di età variabile.

I risultati delle ricerche su gufi e civette

gufo sonno dormire
Le analisi del sonno dei gufi possono portare a capire quello umano(Foto Pinterest)

Durante le registrazioni, le giovani civette sono rimaste nel loro nido e sono state alimentate normalmente dai loro genitori. Dopo aver registrato i loro schemi di sonno per un massimo di cinque giorni, si è passati all’analisi dei risultati. Tutte le giovani civette si sono successivamente sviluppate e sono tornate a velocità normali per riprodursi nell’anno successivo, indicando che non vi erano effetti negativi a lungo termine dell’esperimento sul loro cervello.

Nonostante manchino significativi movimenti oculari (un tratto comune ai gufi), le civette hanno trascorso grandi quantità di tempo nel sonno REM. Durante questa fase del sonno, il loro elettroencefalogramma ha mostrato un’attività simile a quella di un esemplare sveglio, gli occhi sono rimasti chiusi e le loro teste hanno annuito lentamente. È importante sottolineare che i ricercatori hanno scoperto che, proprio come nei bambini umani, il tempo trascorso nel sonno REM è diminuito con l’invecchiamento delle civette.

Inoltre, il team ha esaminato la relazione tra il sonno e l’espressione di un gene nei follicoli delle piume, coinvolti nella produzione di macchie di piume scure e melaniche. Come in molte altre specie avicole e di mammiferi, si è scoperto che i punti di melanina nei gufi variano assieme ad una serie di tratti comportamentali e fisiologici, molti dei quali hanno anche legami con il sonno, come la funzione del sistema immunitario e la regolazione energetica.

Potrebbe interessarti anche: Gufo come animale domestico? Cattiva, cattivissima idea (oppure no)

Come sono legati tra loro questi elementi

gufo dorme sdraiato
Un gufo dorme sdraiato. (Foto Reddit)

In effetti, il team ha scoperto che le civette che esprimono livelli più elevati del gene coinvolto nel melanismo avevano fasi di sonno REM minori del previsto per la loro età, suggerendo che il loro cervello si stava sviluppando più velocemente rispetto alle civette che esprimono livelli più bassi di questo gene. In linea con questa interpretazione, l’enzima codificato da questo gene svolge anche un ruolo nella produzione di ormoni (tiroide e insulina) coinvolti nello sviluppo del cervello.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare esattamente come il sonno, lo sviluppo del cervello e la pigmentazione sono correlati, questi risultati sollevano tuttavia molte domande interessanti

La variazione del sonno durante lo sviluppo del cervello influenza l’organizzazione cerebrale negli adulti? In tal caso, ciò contribuisce al legame tra i tratti comportamentali e fisiologici e il melanismo osservato nei gufi adulti? Il sonno e la pigmentazione covano nei gufi adulti e, in caso affermativo, in che modo questo influenza il loro comportamento e la loro fisiologia?

Infine, gli ornitologi sperano che questa variazione naturale del sonno REM durante un periodo di sviluppo del cervello possa essere utilizzata per rivelare esattamente cosa fa la fase REM del sonno, per lo sviluppo del cervello nei gufi da piccoli, così come per gli esseri umani.

F. B.