Home Curiosita Credenze sugli animali che sono in realtà false: gli esempi più plateali

Credenze sugli animali che sono in realtà false: gli esempi più plateali

In quest’epoca di fake news e bufale, un po’ di superstizioni e credenze sugli animali che si rivelano false non poteva mancare. Vediamo gli esempi più noti e plateali.

pinguini credenze sugli animali
Le credenze sugli animali false cui tutti credono (Foto Pixabay)

Chi non ha mai sentito dire che i gatti neri portano male? E che i coccodrilli piangono dopo aver mangiato i loro piccoli? E che le cicogne portano i bambini? Queste sono alcune credenze sugli animali molto diffuse ma abbondantemente considerate false, ma ne esistono molte altre che sono così famose da essere ritenute vere, pur essendo solo miti e leggende. E non parliamo di animali fantastici come unicorni e yeti, qui parliamo di cani, scarafaggi, zebre e bradipi. Molte delle nostre ipotesi sugli animali non sono affatto vere. Eppure continuiamo a ribadire informazioni errate da miti e studi antichi che sono ormai stati sfatati.

Le credenze sugli animali (false)

zebra a strisce
La zebra: (quasi) tutti credono che le strisce servano a mimetizzarsi (Foto Pixabay)

Zebre

Guardando le strisce delle zebre in bianco e nero, è difficile credere che abbiano qualcosa a che fare con il mimetismo. Ma questa è stata la spiegazione ampiamente accettata da quando abbiamo incontrato per la prima volta questi animali. Attraverso la ricerca, gli scienziati hanno smascherato la teoria del mimetismo, anche se non sappiamo ancora perché le strisce esistano. 

Il mito è nato perché le zebre venivano osservate dalla nostra prospettiva della vista. Sembrava logico che i colori confusi avrebbero aiutato questi animali a fondersi con l’ambiente circostante. Come hanno scoperto i ricercatori dell’Università di Calgary e UC Davis, ciò non si applica davvero ai predatori della zebra in natura.

Gli animali che cacciano le zebre – come i leoni e le iene – possono individuare facilmente le zebre in quasi tutti i tipi di luce. Inoltre, questi predatori possono annusare le zebre molto prima di vederle, quindi il mimetismo non entra in gioco nella maggior parte degli scenari delle zebre da parte del predatore. I ricercatori non hanno trovato alcun vantaggio sociale nell’avere strisce per animali all’interno della comunità della zebra. Tuttavia, ci sono prove da studi precedenti che le strisce fungono da salvaguardia contro i morsi delle mosche.

Piranha

Piranha rosso flickr
Piranha rosso (Foto Flickr)

Anche se i piranha sembrano specie nate e cresciute nelle profondità dell’inferno, hanno avuto una nomea fin troppo negativa nel corso degli anni. Si ritiene che il solo pensiero di entrare in uno specchio d’acqua infestato da piranha sia una condanna a morte, un orrore a cui sono stati dedicati interi film. Anche se è vero che hanno denti spaventosi e strappano barbaricamente la pelle della loro preda per nutrirsi, il credere che tendano ad attaccare animali vivi, anche umani, è in gran parte un mito. 

Certo, potrebbero farlo se vogliono, ma lo stesso vale per ogni altro animale con i denti. Non ci sono esempi noti di gruppi di piranha che attaccano o uccidono intenzionalmente un essere umano. Si sono verificati casi di morso una tantum, quando i pescatori hanno catturato accidentalmente un piranha nelle loro reti, il che è abbastanza comprensibile.

Nonostante ciò che i film descrivono, i piranha non uccidono i mammiferi per il cibo perché la loro comune preferenza in quanto a dieta consiste in carcasse morte o in decomposizione. Anche se i tempi sono disperati e devono uccidere per procurarsi il cibo, i piranha di solito cercano insetti e altri pesci, non mucche a tutti gli effetti, come si credeva ampiamente dopo che Theodore Roosevelt era tornato con storie del genere, tratte dal suo viaggio in Amazzonia. 

Le persone nuotano in fiumi infestati da piranha per tutto il tempo. Altre persone hanno persino cercato di essere mangiate, entrando in vasche piene di piranha. Sono usciti con nient’altro che alcune piccole escoriazioni, che non è certamente il risultato di essere spolpati fino all’osso, che ci aspettiamo dagli attacchi dei piranha a causa di queste credenze sugli animali.

Draghi di Komodo

Drago Komodo
Drago di Komodo. (Foto Pixabay)

Se dovessimo scegliere il rettile più spaventoso in base a statistiche e analisi obiettive, i coccodrilli probabilmente vincerebbero il primo premio. Ma se andiamo per puro istinto e percepiamo il fattore da film horror, nulla si avvicina nemmeno al drago di Komodo

E non basta che siano spaventosi già abbastanza sulla base del loro aspetto, i draghi di Komodo (o varani) uccidono in un modo chiaramente orribile. Mordono la loro preda, trasmettono i batteri mortali dalle loro bocche e lasciano che l’infezione faccia il suo lavoro. O almeno, questo è quello che si dice di loro.

I draghi di Komodo in realtà non hanno un esercito di batteri pericolosi addestrati ad uccidere per loro. Invece, uccidono usando il metodo tradizionale di iniettare veleno nella loro preda. Le loro ghiandole velenose sono state scoperte da un ricercatore dell’Università del Queensland nel 2009. 

L’uomo responsabile del mito era Walter Auffenberg: vide prede che sviluppavano brutte infezioni a seguito di morsi dei draghi di Komodo e immaginò che il loro metodo di uccisione doveva essere tramite i batteri. Grazie al suo libro, però, quasi tutti oggi credono alla teoria dei batteri senza averla testata.

Pinguini

pinguini si fidanzano
Due pinguini (Foto Pixabay)

A causa della nostra mancanza di interazione nel mondo reale con i pinguini, li vediamo come adorabili creature che vivono una vita altrettanto adorabile in alcune delle condizioni più difficili del pianeta. Anche il modo in cui camminano è un po’ carino e simile a quello dell’uomo. Pensare che in realtà siano orribili creature che si impegnano in alcuni degli atti più depravati nel regno animale è davvero impensabile per la maggior parte di noi.

Purtroppo, abbiamo frainteso gravemente queste creature per molto tempo. Ad esempio, i maschi dei pinguini di Adelia in Antartide si impegnano regolarmente in atti di necrofilia e stupro. Fu documentato per la prima volta da uno scienziato britannico che studiava il loro comportamento in Antartide, in una spedizione del 1910-1913. 

Quando in seguito scrisse un articolo su questi animali, la sezione sul comportamento sessuale dei pinguini fu trovata da altri troppo perversa per essere pubblicata. Fu scritto un opuscolo di quattro pagine distribuito all’epoca solo tra pochi biologi e vietato al pubblico

Questo tipo di comportamento però non è limitato ai pinguini maschi. È stato scoperto che le femmine dei pinguini imperatori rapiscono i pulcini di altri pinguini per compensare la propria mancanza di fertilità. Se si oppongono, ricorrono a mezzi apertamente violenti e non devono nemmeno coinvolgere altri pinguini. In alcune occasioni, i pinguini imperatori femmine hanno rapito pulcini da specie di uccelli completamente non correlate, e hanno cercato di allevarli come loro.

Maiali

Maialino nano
Maialini (Foto Unsplash)

Veloce, qual è la prima immagine che ci viene in mente quando qualcuno dice “maiale”? Probabilmente qualcosa di simile a una creatura grassa e sudata, che sguazza nella sporcizia. C’è anche un detto “sudare come un maiale” per riferirsi alla sudorazione eccessiva

Tuttavia, i suini non hanno ghiandole sudoripare funzionanti. Ecco perché si raffreddano nel fango per rinfrescarsi. Contrariamente alla credenza popolare, i maiali sono animali abbastanza puliti. Si è già discusso ampiamente della straordinaria intelligenza dei maiali. Possono da ora dare filo da torcere anche agli esseri umani più puliti. 

Il malinteso sulla loro pulizia si verifica perché vediamo la maggior parte dei maiali nelle fattorie, dove sono costretti a vivere nel mezzo delle loro feci e delle urine. In natura, i maiali si rifiutano di fare i loro bisogno intorno alla zona in cui vivono. Alcuni cinghiali arrivano persino a lavare il cibo prima di mangiare, cosa che addirittura molti umani non fanno.

Dermatteri

dermatteri forbicine credenze sugli animali
Dermatteri o “forbicine” (Foto Flickr)

Questi insetti, detti anche “forbicine”, sono considerati come parassiti delle orecchie. Molte persone credono che i dermatteri strisciano dentro le orecchie umane per deporre le loro uova. In realtà, non ci sono casi noti di uno di questi animaletti che entri da un orecchio umano. Le loro ali non li aiutano a volare bene, e spesso le orecchie umane possono essere difficili da raggiungere senza ali. 

I dermatteri addirittura si prendono maternamente cura dei loro piccoli in modo migliore rispetto ad altre specie. Questo richiede che la mamma resti intorno ai suoi piccoli durante i primi giorni, qualcosa che sarebbe difficile da fare se questi si trovassero in alto, nelle orecchie di un essere umano a caso

Alcuni scienziati hanno suggerito che il mito è dovuto alla forma delle ali posteriori dei dermattero, che assomigliano a quella di un orecchio umano se ripiegato in un modo specifico. Tuttavia, la maggior parte degli scienziati non è d’accordo con questa teoria.

Mantidi religiose

mantide religiosa
La mantide religiosa. (Foto Flickr)

Per quanto riguarda le abitudini sessuali, probabilmente non c’è altra creatura ripugnante come la mantide religiosa. Come tutti solitamente sanno, il rituale di accoppiamento di una mantide religiosa non è completo fino a quando la femmina non divora la testa del maschio con cui si sta accoppiando, ma quando i biologi hanno testato questa credenza popolare, hanno scoperto che in gran parte non era vero. 

Le mantidi religiose che avevano mangiato le teste dei loro compagni lo avevano fatto in cattività. Questo ambiente era completamente diverso dalle normali preferenze di questa creatura, per avere uno spazio privato chiuso in cui riprodursi. Invece, avevano persone in camice bianco in piedi davanti a loro loro, che osservavano con impazienza ogni loro mossa. Addirittura le coppie di mantidi religiose utilizzate nei primi esperimenti stavano morendo di fame. Quindi i maschi avevano la stessa probabilità di mangiare le loro compagne, quanto le femmine

Tuttavia, quando gli scienziati hanno creato condizioni simili a come le mantidi religiose si accoppiano in natura, hanno ottenuto un risultato diverso. Su oltre sessanta esperimenti, solo una mantide religiosa femmina ha mangiato il maschio dopo il rapporto sessuale. In natura, anche la mantide religiosa femmina raramente consuma il maschio durante o dopo il rapporto sessuale. Succede, ma è un’eccezione alla regola.

Scarafaggi

Curiosità sullo scarafaggio
Scarafaggi. (Foto Unsplash)

Una delle credenze sugli animali più note è che gli scarafaggi siano le uniche creature in grado di sopravvivere a un annientamento nucleare del mondo. Questa leggenda metropolitana è ormai da anni diffusa ovunque su Internet, nelle conversazioni casuali e nei dialoghi cinematografici. Il mito probabilmente proviene dalle conseguenze di Hiroshima e Nagasaki, dove alcuni scarafaggi sono sopravvissuti al effetti delle radiazioni. Tuttavia, erano ben lungi dall’essere le uniche creature ad averlo fatto. 

E se è vero che gli scarafaggi hanno una maggiore resistenza alle radiazioni e all’estinzione rispetto ad altre creature, studi più recenti hanno indicato che sarebbero i primi insetti a essere spazzati via quando queste enormi bombe colpiscono il terreno e, a quanto pare, gli scarabei della farina sono le creature che hanno maggiori probabilità di sopravvivere. Molte specie di microbi vivrebbero probabilmente anche dopo un olocausto nucleare.

Cani

cane credenze sugli animali
Anche i cani sono protagonisti di credenze sugli animali (Foto AdobeStock)

Una delle credenze sugli animali più vicina ai nostri pelosetti domestici. Quando si tratta di addestrare i cani, molti di noi hanno sentito parlare della tecnica del cane alfa. Afferma il nostro dominio e facciamo sapere al cane chi è il capo, perché è così che funziona in natura. Questa tecnica si basa sulla convinzione che ogni branco di lupi abbia un lupo alfa, un leader dominante che dà gli ordini

Quindi dovrebbe essere possibile addestrare il nostro animale domestico in modo simile. Ma come è facile intuire, è un modo crudele di addestrarlo. Ma illustra anche un fondamentale fraintendimento di come funzionano effettivamente i branchi di lupi. La teoria del maschio alfa si basa sulle prime ricerche sul comportamento del branco in condizioni innaturali. Ricerche successive sui branchi allo stato brado hanno smentito queste precedenti conclusioni. 

I branchi di lupi non hanno un leader maschile dittatoriale perché la loro struttura sociale funziona più come una famiglia biologica che come una nazione governata da un dittatore. Anche con i cani selvatici – che alcuni potrebbero sostenere siano animali diversi dai lupi – la ricerca ha dimostrato che i capi branco sono anziani più esperti piuttosto che un maschio alfa statico.

Bradipi

Bradipo credenze sugli animali
Bradipo (Foto Facebook)

In molte culture in tutto il mondo, i bradipi sono sinonimo di pigrizia. “Dormire come un bradipo” è una similitudine che è diventata un modo di dire abitualmente usato da tutto. Questa convinzione è stata confermata quando i ricercatori hanno scoperto che questi animali dormono circa 16 ore al giorno. Tuttavia, lo studio è stato condotto su animali in cattività piuttosto che in natura. 

Quando un altro gruppo di ricerca ha studiato i bradipi tridattili nel loro ambiente naturale, hanno scoperto che i bradipi dormivano effettivamente per 9,5 ore al giorno. Il motivo della discrepanza era ovvio: gli animali in cattività non hanno bisogno di combattere quotidianamente per sopravvivere, come fanno gli animali selvatici.

Questi animali sono ancora tremendamente lenti quando si spostano da un luogo all’altro, ma la velocità non ha nulla a che fare con la pigrizia. Molti altri animali sono persino più lenti dei bradipi e nessuno associa la pigrizia ad essi, questo dimostra come le credenze sugli animali a volte sono davvero assurde.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello